Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

I sindacati di Mussolini

6 ottobre 1925

Il Gran Consiglio del Fascismo stabilisce, su proposta del duce, che il fenomeno sindacale "deve essere controllato e inquadrato nello Stato". I sindacati, sia dei datori di lavoro sia dei lavoratori, devono pertanto essere legalmente riconosciuti e soggetti al controllo dello Stato. Il riconoscimento sarà accordato ad un solo sindacato fascista, per ogni specie di impresa o categoria di lavoratori.
Ai sindacati riconosciuti sarà demandata la rappresentanza legale di tutti gli interessi appartenenti alla specie di imprese o categoria di lavoratori per cui si costituiranno ed essi solo potranno stipulare contratti di lavoro con effetto erga omnes. Quanto ai sindacati non legalmente riconosciuti, essi continueranno a sussistere come mere associazioni di fatto.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Mussolini impone la fine dello squadrismo
  Evento successivo

Il sequestro dell'Achille Lauro