Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

Si apre il II congresso nazionale del Ppi

29 giugno 1995

Si apre a Roma, presso il Palazzo dei Congressi, il II Congresso nazionale del Partito popolare italiano, che sancirà formalmente la separazione dal partito di Rocco Buttiglione, sotto il titolo: «L'ispirazione cristiana dei Popolari per il rinnovamento politico e civile dell'Italia». Si presentano all'apertura dei lavori soltanto 512 delegati con diritto di voto, pari a circa il 60 per cento del totale: gli assenti sono, ovviamente, i seguaci di Rocco Buttiglione e Roberto Formigoni. Giovanni Bianchi, che inaugura i lavori delle assise, propone – e l'assemblea approva - i nomi per l'Ufficio di presidenza: la presidenza dell'assemblea ad Emilio Colombo; la vicepresidenza a Francesco Merloni e ad Enrico Letta; la segreteria ad Anna Maria Nucci e a Roberto Di Giovanpaolo. La relazione introduttiva del segretario politico Gerardo Bianco spiega le ragioni che consentono la collocazione del partito nella coalizione di centro-sinistra. Nella sua relazione, il segretario delinea un partito di centro aperto «a nuove ed inesplorate intese con la sinistra, ma senza subalternità» ad essa, come testimonia la stessa candidatura di Romano Prodi alla guida di «una coalizione di centro-sinistra tra due aree politiche che sono e restano distinte». Al termine dell'intervento del segretario, sulle note dell'Inno alla gioia di Beethoven, viene poi ammainata la bandiera dello scudocrociato, sostituita dalla bandiera bianca del Gonfalone nel quale è inscritta una croce sfumata.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Assassinato a Sarajevo l'arciduca Francesco Ferdinando
  Evento successivo

Approvata la legge per il suffragio universale maschile