Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Le Leggi scellerate

21 ottobre 1878

In Germania, con la pubblicazione delle cosiddette "leggi scellerate" nella gazzetta ufficiale, ha inizio la repressione contro i giornali, gli scritti e le associazioni socialdemocratiche. Gli attivisti socialisti possono essere espulsi dal Paese senza alcuna sentenza del tribunale. Anche le agitazioni e gli scioperi, col pretesto che compromettono l'economia nazionale, sono proibiti. Non soddisfatto, Bismarck tenterà più volte, senza mai riuscirvi, di impedire che i socialdemocratici siano eletti nel Parlamento. Le leggi contro la socialdemocrazia, inizialmente previste per un periodo di due anni e mezzo, saranno prorogate per altre quattro volte, per un periodo complessivo di dodici anni, sino al 1890, anno in cui Guglielmo II nomina Caprivi successore di Bismarck e abolisce le leggi scellerate.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Sinistra proletaria annuncia la nascita delle Brigate rosse
  Evento successivo

La peste entra a Milano