Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Pre-amnistia per gli appartenenti alle formazioni armate Rsi

2 marzo 1946

La Presidenza del Consiglio dei Ministri decide di estendere a tutti gli ex appartenenti alle formazioni armate repubblicane fasciste a disposizione delle autorità militari italiane, internati nei campi di concentramento, la procedura di discriminazione già adottata per lo scioglimento del campo di Coltano.
Il governo:
1. Dispone che i Comandanti Militari di territorio, ciascuno nell'ambito della propria giurisdizione, dovranno provvedere a costituire una commissione interrogatrice composta di un ufficiale generale, di un ufficiale superiore, un funzionario di P.S. ed un ufficiale inferiore.
2. Fissa i criteri orientativi per il lavoro delle commissioni:
a. le commissioni, nell'esaminare gli internati, devono basarsi sugli interrogatori ed i documenti disponibili presso le questure;
b. devono essere esclusi dall'esame gli ex repubblicani colpiti da mandato di cattura dell'Autorità giudiziaria ordinaria o militare, quelli a disposizione delle varie questure del Regno e gli internati nei campi di Laterina e Terni;
c. per tutti gli altri, le commissioni dovranno dichiarare non liberabili solo:
- i colpevoli di crimini di qualsiasi natura;
- coloro i quali si sono resi particolarmente attivi nelle operazioni di rastrellamento dei partigiani durante il periodo dell'occupazione nazifascista;
d. per ciascun caso le commissioni hanno l'obbligo di redigere il verbale;
e. nei casi dubbi vi è l'obbligo di richiedere informazioni all'autorità del luogo di residenza durante l'occupazione nazi-fascista;
3. Gli elementi dichiarati liberabili devono essere segnalati alle varie questure per consentirne la vigilanza all'autorità di P.S:
4. I non liberabili devono essere tradotti al campo di concentramento di Terni o di Laterina.
Alla vigilia della consultazione elettorale e prima della generosa amnistia del Ministro di Grazia e Giustizia Togliatti del giugno 1946, si può parlare di una vera e propria pre-amnistia. Il 1946 segna quindi la fine dell'esperienza delle sanzioni e dei campi di concentramento in Italia. Il governo di De Gasperi ha il merito, ma anche la convenienza, di riportare la normalità.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

1968: iniziano gli scontri di piazza
  Evento successivo

La fine delle autonomie locali