Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Vietato giocare a Videopoker per vincere denaro

6 ottobre 1995

La legge n. 425, che stabilisce la distinzione tra apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici d'azzardo (illegali), da una parte, e da intrattenimento e da gioco di abilità (legali), dall'altra, vieta che la vincita possa avere «alcuna finalità di lucro» e la consente solo nella forma di ripetizione di partite (fino a un massimo di dieci), di gettoni rigiocabili ma non rimborsabili, di consumazioni o di oggetti di modesto valore economico, non convertibili in denaro.
Non si può giocare a Videopoker, quindi, con lo scopo di arricchirsi.
Sono d'azzardo quei congegni «che hanno insita la scommessa o che consentono vincite puramente aleatorie di un qualsiasi premio in denaro o in natura che concretizzi lucro». Ma subito dopo la legge è costretta a specificare una imbarazzante serie di eccezioni: «escluse le macchine vidimatrici per il gioco del Totocalcio, del Lotto, dell'Enalotto e del Totip» ai quali vanno aggiunti Totogol, Totosei e SuperEnalotto.
Questi giochi d'azzardo dispensano molto denaro in cambio di pura fortuna. Ed è ciò che il popolo dei giocatori reclama. Gran parte di questo popolo desidera che questa proprietà appartenga anche al Videopoker, inducendo in tentazione i distributori e i gestori più disonesti. La criminalità organizzata penetra con sempre maggior decisione nella gestione dei Videopoker truccati, attratta dall'enorme giro d'affari ma anche dai vantaggi collaterali: poter riciclare denaro sporco e poter intervenire con l'altra fiorente attività dell'usura, per sfruttare meglio i giocatori in difficoltà.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Mussolini impone la fine dello squadrismo
  Evento successivo

Il sequestro dell'Achille Lauro