Skip to content

Relazioni economiche Svizzera-EU: le conseguenze dell'adozione dell'Euro

Informazioni tesi

  Autore: Davide Antonio Gandolfi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Internazionali e Diplomatiche
  Relatore: Claudio Grua
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 122

La moneta unica europea è, dal 1°Gennaio 2002, una realtà per i 12 paesi che vi hanno aderito. Tra questi, naturalmente, non vi è la Svizzera, che, come ben noto, non fa parte nemmeno dell’Unione Europea. Ciò nonostante non è pensabile che un avvenimento di tale portata possa non avere alcun effetto su un paese che, per ragioni geografiche, culturali ed economiche, è tradizionalmente legato a doppio filo con il Vecchio Continente.
Basta prendere una semplice cartina geografica per rendersi conto di come la Svizzera si trovi nel cuore dell’Europa e di come, per la prima volta nella sua storia, sia circondata da un’unica area monetaria, quella dell’euro. Se si sposta l’attenzione sull’aspetto economico non si può fare a meno di rilevare come l’economia svizzera abbia un elevato grado di apertura, anche a causa delle ridotte dimensioni del paese e di conseguenza del mercato interno, e come l’UE rappresenti di gran lunga il maggior partner commerciale elvetico.
Queste semplici e brevi considerazioni sono alla base di questo lavoro che è volto a cercare di capire quali conseguenze, qualora ve ne fossero, l’introduzione dell’euro abbia comportato per la Svizzera, sia dal punto di vista macroeconomico che da quello microeconomico.
Il lavoro è diviso in tre sezioni, una di carattere storico – istituzionale e due che si occupano più dei problemi economici.
La prima sezione è la parte in cui si analizza l’evoluzione dei rapporti politico – istituzionali Svizzera – UE. Se è vero infatti che la Svizzera non fa parte dell’UE né è in procinto di entrarvi, è pur vero che con il passare degli anni i rapporti istituzionali si sono fatti via via più intensi e complessi. In un primo tempo la Svizzera aveva aderito all’EFTA (European Free Trade Association), siglando l’accordo di libero scambio CE – EFTA del 1972, ma con il progressivo ingresso di paesi precedentemente membri dell’EFTA nella CE prima e nella UE poi, la Svizzera si è trovata nell’esigenza di ridefinire i propri rapporti con l’UE. Nel corso di questo processo non sono mancate iniziative politiche volte all’ingresso nell’UE, tutte bocciate da referendum popolari con i “no” concentrati soprattutto nella parte tedesca del paese, ma alla fine la via seguita è stata quella di accordi bilaterali riguardanti settori specifici di comune interesse.
La seconda e la terza parte trattano gli aspetti economici riguardanti l’introduzione dell’euro. La strada scelta è stata quella di dividerle in base ad una discriminante temporale. Per primo si analizza il dibattito, soprattutto a livello teorico, che si è sviluppato nella fase precedente all’euro, ivi comprendendo anche gli anni in cui la moneta unica europea era solamente una moneta scritturale (1999 – 2001).

Infine ci si occupa invece soprattutto degli ultimi due anni, caratterizzati dall’effettiva circolazione dell’euro e della progressiva scomparsa delle monete nazionali. Come del resto il capitolo II, anche questa parte, è divisa in due sezioni: nella prima si analizza l’aspetto macroeconomico della questione, prendendo in considerazione la Bilancia dei Pagamenti svizzera e le principali variabili macroeconomiche (Pil, tasso di crescita, disoccupazione…etc), mentre nella seconda l’attenzione si sposta all’aspetto microeconomico e interno.
Per concludere, in estrema sintesi, si può dire che l’evoluzione del commercio internazionale svizzero in questi ultimi anni non sembra essere stata influenzata dal nuovo contesto monetario internazionale. Sembra piuttosto che i singoli settori commerciali si abbiano reagito in maniera diversa l’uno dall’altro alla fase negativa dell’economia mondiale cominciata nel 2001 e che questo abbia influenzato il commercio internazionale svizzero nei confronti dei singoli paesi esteri.
A livello interno infine sono state ampiamente confermate le previsioni che ritenevano assolutamente improbabile il ruolo di moneta parallela per l’Euro, mentre si è assistito ad un progressivo effetto di sostituzione nei confronti del dollaro per quanto riguarda la moneta estera utilizzata dalle imprese svizzere per le proprie transazioni internazionali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La moneta unica europea è, dal 1°Gennaio 2002, una realtà per i 12 paesi che vi hanno aderito. Tra questi, naturalmente, non vi è la Svizzera, che, come ben noto, non fa parte nemmeno dell’Unione Europea. Ciò nonostante non è pensabile che un avvenimento di tale portata possa non avere alcun effetto su un paese che, per ragioni geografiche, culturali ed economiche, è tradizionalmente legato a doppio filo con il Vecchio Continente. Basta prendere una semplice cartina geografica per rendersi conto di come la Svizzera si trovi nel cuore dell’Europa e di come, per la prima volta nella sua storia, sia circondata da un’unica area monetaria, quella dell’euro. Se si sposta l’attenzione sull’aspetto economico non si può fare a meno di rilevare come l’economia svizzera abbia un elevato grado di apertura, anche a causa delle ridotte dimensioni del paese e di conseguenza del mercato interno, e come l’UE rappresenti di gran lunga il maggior partner commerciale elvetico. Queste semplici e brevi considerazioni sono alla base di questo lavoro che è volto a cercare di capire quali conseguenze, qualora ve ne fossero, l’introduzione dell’euro abbia comportato per la Svizzera, sia dal punto di vista macroeconomico che da quello microeconomico. Il lavoro è diviso in tre capitoli, uno di carattere storico – istituzionale e due che si occupano più dei problemi economici. Il primo capitolo è la parte in cui si analizza l’evoluzione dei rapporti politico – istituzionali Svizzera – UE. Se è vero infatti che la Svizzera non fa parte dell’UE né è in procinto di entrarvi, è pur vero che con il passare degli anni i rapporti istituzionali si sono fatti via via più intensi e complessi. In un primo tempo la Svizzera aveva aderito all’EFTA (European Free Trade Association), siglando l’accordo di libero scambio CE – EFTA del 1972, ma con il progressivo ingresso di paesi precedentemente membri dell’EFTA nella CE prima e nella UE poi, la Svizzera si è trovata nell’esigenza di ridefinire i propri rapporti con l’UE. Nel corso di questo processo non sono mancate iniziative politiche volte all’ingresso nell’UE, ma alla fine la via seguita è stata quella di accordi bilaterali riguardanti settori di comune interesse. Il secondo e terzo capitolo trattano gli aspetti economici dell’introduzione dell’euro. La strada scelta è stata quella di dividere i capitoli in base ad una discriminante temporale. Nel Cap.II si analizza il dibattito, soprattutto a livello teorico, che si è sviluppato nella fase precedente all’euro, ivi comprendendo anche gli anni in cui la moneta unica europea era solamente una moneta scritturale (1999 – 2001).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accordi bilaterali i
accordi bilaterali ii
dollaro
efta
euro
franco svizzero
see
svizzera
tasso di cambio
unione europea

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi