Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Prodotti tipici e turismo enogastronomico: come valorizzare un territorio

Siamo partiti analizzando il cambiamento avvenuto nella formazione dell’identità personale e nei processi di consumo, nel passaggio dalla società industriale a quella postindustriale.
Da questa analisi è emerso un nuovo modo di vivere e concepire il tempo libero e il turismo che ci ha portato ad analizzare il turismo enogastronomico, nei termini di domanda e offerta, e di conseguenza i prodotti tipici, quali nuova fonte di attrazione turistica.
Di questi ultimi abbiamo preso in considerazione la normativa nazionale e comunitaria, che li tutela, e il ruolo di simbolo culturale che ricoprono.
Una volta delineato e descritto l’oggetto della nostra ricerca ci siamo soffermati su come promuovere un territorio, che solitamente si caratterizza come zona rurale, attraverso la valorizzazione delle sue produzioni tipiche per mezzo di azioni coordinate, promosse da parternariati pubblico/privati, che utilizzino il marketing territoriale, quale strumento per la gestione integrata di tutte le risorse presenti sul territorio.
Abbiamo concluso il nostro lavoro portando ad esempio Parma e la sua provincia quale territorio ricco di giacimenti gastronomici, che meglio di ogni altra cosa rappresentano la città, sia in Italia sia all’estero, svolgendo per essa la funzione di medium. Parma, inoltre, si sta dotando di un piano di marketing territoriale per meglio gestire e promuovere il suo territorio.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il tema principale del nostro lavoro riguarda i prodotti tipici e il turismo enogastonomico, in particolare, di come questi possano rappresentare una risorsa per lo sviluppo socio-economico di un territorio. Partiremo prendendo in considerazione come al mutamento avvenuto nel passaggio dalla società industriale a quella postindustriale si sia accompagnato un modo nuovo di interpretare il tempo libero, e di conseguenza un nuovo modo di fare turismo. I prodotti tipici, letti non dal punto di vista nutrizionale ma come simboli, conseguenze di storia, tradizioni e costumi, divengano medium per il territorio e fonte di attrazione turistica. Dopo un’analisi, quindi, del turismo enogastronomico, della sua domanda e della sua offerta, vedremo come, attraverso iniziative di promozione e di gestione integrata e coordinata di tutte le risorse del comparto, esso possa rappresentare una fonte di sviluppo sia economico sia socio-culturale per i territori ad esso interessati. Analizzeremo, nel primo capitolo, il concetto di identità personale e i processi di consumo e vedremo il mutamento in essi avvenuto con l’avvento della società complessa. Questo ci permetterà di meglio inquadrare la trattazione relativa ai prodotti tipici ed al turismo enogastronomico, che rappresentano l’argomento principale di questo elaborato. Proseguiremo, nel secondo capitolo, trattando il cibo, da sempre simbolo culturale e veicolo per significati, e, in maniera più specifica, i prodotti tipici, ricchi di storia, tradizione e cultura. Ne parleremo da un punto di vista

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Poletti Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 85966 click dal 09/06/2005.

 

Consultata integralmente 109 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.