Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il marketing nell'impresa artigiana

La tesi si prefigge lo scopo di valutare in che modo le tecniche di marketing più diffuse e normalmente applicate a realtà aziendali di grandi dimensioni possano interagire ed essere introdotte in realtà di piccola e media impresa. In particolare si analizza un caso aziendale di un impresa operante nel settore della termoidraulica.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Nel pensare al cambiamento e all’innovazione di un progetto o di una idea vincenti, spesso ci si imbatte in dubbi e domande sulla reale necessità di rivalutare e modificare più o meno profondamente quei meccanismi che da sempre ci hanno resi competitivi e vincenti. Soprattutto in ambito aziendale, e maggiormente all’interno di piccole realtà artigiane, la valutazione e l’analisi del proprio operato non sempre vengono effettuate sotto una giusta e neutrale prospettiva critica. E’ infatti documentato da molta della letteratura 1 in materia come l’azienda artigiana, ed in particolare quella del Friuli Venezia Giulia, sia fondamentalmente una realtà cosi detta product oriented; orientata al prodotto dunque la cui bontà, le cui qualità, raramente vengono messe in discussione dal regista o dagli attori che lo creano. In realtà però questa analisi tende a dimenticare un aspetto del tutto distintivo che interessa la sopravvivenza della piccola impresa artigiana. Tale aspetto, per quanto paradossalmente contraddittorio con quello appena esposto, riguarda il forte “orientamento al consumatore” che solo questo tipo di impresa è in grado di esprimere. Non sono infatti rari i casi di produzioni su commissione, di adattamenti delle linee produttive al fine di soddisfare al massimo, più che al meglio, le esigenze di clienti e di compratori. Ecco allora che con questa visione di insieme, si incomincia ad intravedere una cornice particolare, importante, all’interno della quale però molto spesso sono dipinti dei disegni deboli, fatti con pochi tenui colori, senza giochi di luce e privi spesso di un punto di fuga, di prospettiva. Questo significa che se le nostre aziende sono dotate indubbiamente di mezzi e individualità invidiabili anche da grandi imprese è altrettanto vero che questi stessi uomini e donne, tra l’altro spesso legati da vincoli di 1 G. Cozzi 1985: “rendere i modelli di marketing coerenti con la multiforme realtà delle imprese minori dominate dalla soggettività e carenti di organizzazione”

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Mauro Rossi Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3068 click dal 23/05/2006.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.