Skip to content

Normativa ''IPPC'': problematiche connesse agli allevamenti avicoli nel forlivese

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Del Gaudio
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e Tecnologie Agrarie
  Relatore: Achille Franchini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 122

Il comparto avicolo riveste un ruolo importante all’interno del settore zootecnico, in quanto è in grado di realizzare una duplice produzione riconducibile alla carne ed alle uova. Questa doppia attitudine produttiva ha delle ripercussioni notevoli sulle forme di allevamento, infatti, l’orientamento oggi maggiormente diffuso, prevede, per animali indirizzati alla produzione di uova (ovaiole) forme di allevamento in gabbie, mentre per gli animali da carne è previsto l’allevamento a terra; i ricoveri, climatizzati e condizionati, offrono agli animali un ambiente consono al migliore sviluppo, con parametri microclimatici e programmi luce, potenzialmente ottimali. La tecnica di allevamento è andata sempre più affinandosi e questa è diventata sempre più intensiva. Per l’allevamento a terra, si prevedono di norma 7-10 centimetri di lettiera permanente, con l’applicazione del “tutto pieno – tutto vuoto” ed intervalli sanitari di 7-14 giorni tra un ciclo e l’altro (da 4 fino a 7-8 cicli/anno), per la disinfezione. La densità dovrebbe essere tale da non superare i 30-35 kg di peso vivo/mq allo scarico per il macello (da 9-10 a 15-18 capi/mq, secondo l’età di macellazione, il ceppo, il sesso, la climatizzazione del fabbricato, la stagione). Una novità interessante rispetto a qualche anno fa è l’estendersi dell’allevamento a sessi separati, che sembra avviato a soppiantare il tradizionale allevamento a sessi misti. La pratica appare conveniente in considerazione delle differenze, di ordine biologico e nutrizionale, che caratterizzano i due sessi. I maschi crescono di più (incrementi medi giornalieri fino ad un massimo di 80-90 grammi contro i 60-70 grammi delle femmine) ed accumulano meno grasso addominale. L’uso delle lettiere permanenti pone l’interrogativo della sterilizzazione delle stesse, che avrebbe come causa, la mancata fermentazione delle deiezioni con forte sviluppo di ammoniaca ed altre sostanze volatili, sgradevoli all’olfatto e negative alla salute degli animali stessi. Solo a titolo indicativo si è calcolato che se fosse adottato il sistema free-range per allevare tutte le galline ovaiole esistenti in Romagna occorrerebbe una superficie superiore ai 10.000 ettari, superficie pari circa al 50% dell’intera provincia di Forlì Cesena. Gli allevamenti in gabbia più indicati per la produzione di uova presentano notevoli vantaggi:
.1) si evita qualsiasi forma di stress dovuta al trasferimento da terra a gabbia alla conclusione del ciclo di allevamento della pollastra;
.2) tutte le operazioni di allevamento, pulizia e vaccinazioni risultano semplificate; in generale per la manutenzione in gabbia si ha una riduzione del 50-80% di manodopera, rispetto a quella richiesta per l’allevamento a terra;
.3) risulta massima la densità di capi per metro quadro di capannone, infatti, si tratta di file che si sviluppano anche verticalmente;
.4) il consumo di alimento è minore e diminuiscono le perdite dello stesso;
.5) si ha un minor consumo di energia;
.6) maggior uniformità per gli animali appartenenti ad uno stesso gruppo;
.7) notevoli sono i vantaggi dal punto di vista igienico, il che comporta una riduzione dei rischi di patologie parassitarie (coccidiosi, verminosi), che implica una riduzione della mortalità rispetto all’allevamento a terra;
.8) le uova prodotte in gabbia sono leggermente più pesanti e notevolmente più pulite di quelle prodotte da galline a terra;
Gli svantaggi invece sono dovuti a:
.1) elevati costi riconducibili ad investimenti onerosi per le attrezzature;
.2) si accresce il rischio di malattie respiratorie legate all’eccessiva densità della popolazione animale;
.3) minor mineralizzazione dello scheletro per scarsa ginnastica funzionale.
Le tecniche che possono essere utilizzate negli allevamenti intensivi di galline ovaiole possono essere così riassunte: allevamenti in batteria (per la maggior parte), allevamenti su lettiera (in numero limitato e solitamente con un numero ridotto di capi) allevamenti free-range. Evidentemente alle tre tecniche ricordate deve essere aggiunto l’allevamento “biologico”. Relativamente ai costi di produzione, ricordiamo che diventa particolarmente ambiguo nel caso degli allevamenti free-range e biologico per le marcate differenze tecnologiche introdotte e per le finalità che l’allevatore si pone quando aderisce alle suddette tecniche. In Italia il 99,25% delle galline ovaiole sono allevate in gabbia in Germania il 92%, in Francia il 91%, in Olanda l’88%, in Gran Bretagna l’84%, mentre la percentuale scende al 68% in Danimarca dove si ha il 16% su lettiera ed il rimanente 16% nella forma free-range o in allevamenti biologici. I principali produttori mondiali di uova sono la Cina con oltre 360 miliardi di pezzi, seguita dagli Stati Uniti con oltre 79 miliardi e dal Giappone con oltre 43 miliardi. L’Europa ha una produzione di oltre 68 miliardi di uova.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 Premessa Il comparto avicolo riveste un ruolo importante all’interno del settore zootecnico, in quanto è in grado di realizzare una duplice produzione riconducibile alla carne ed alle uova. Questa doppia attitudine produttiva ha delle ripercussioni notevoli sulle forme di allevamento, infatti, l’orientamento oggi maggiormente diffuso, prevede, per animali indirizzati alla produzione di uova (ovaiole) forme di allevamento in gabbie, mentre per gli animali da carne è previsto l’allevamento a terra; i ricoveri, climatizzati e condizionati, offrono agli animali un ambiente consono al migliore sviluppo, con parametri microclimatici e programmi luce, potenzialmente ottimali. La tecnica di allevamento è andata sempre più affinandosi e questa è diventata sempre più intensiva. Per l’allevamento a terra, si prevedono di norma 7-10 centimetri di lettiera permanente, con l’applicazione del “tutto pieno – tutto vuoto” ed intervalli sanitari di 7-14 giorni tra un ciclo e l’altro (da 4 fino a 7-8 cicli/anno), per la disinfezione. La densità dovrebbe essere tale da non superare i 30-35 kg di peso vivo/mq allo scarico per il macello (da 9-10 a 15-18 capi/mq, secondo l’età di macellazione, il ceppo, il sesso, la climatizzazione del fabbricato, la stagione). Una novità interessante rispetto a qualche anno fa è l’estendersi dell’allevamento a sessi separati, che sembra avviato a soppiantare il tradizionale allevamento a sessi misti. La pratica appare conveniente in considerazione delle differenze, di ordine biologico e nutrizionale, che caratterizzano i due sessi. I maschi crescono di più (incrementi medi giornalieri

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

allevamento avicolo
composting
ippc
odor-control
pollution
poultry

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi