Skip to content

La verifica fiscale: un caso di esterovestizione

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Doria
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Filippo Varazi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 199

I rapporti fra il Fisco ed il contribuente, in Italia, sono sempre stati molto delicati. Le cause di questi rapporti non proprio idilliaci, risiedono principalmente nell’elevata imposizione fiscale esistente in Italia, a fronte di un’erogazione dei servizi non sempre molto efficiente, nella posizione di predominanza assunta dall’Amministrazione Finanziaria in qualsiasi momento si relaziona con il contribuente e ultimo, ma non meno importante nell’eccessiva complessità della nostra legislazione tributaria, che con la continua e caotica sovrapposizione di norme ha prodotto negli anni incertezza persino fra gli operatori dell’Amministrazione Finanziaria. Le varie riforme fiscali succedutesi dall’unità d’Italia ad oggi, non hanno offerto soluzioni molto convincenti per mutare questo delicato rapporto, anzi addirittura alcune volte hanno contribuito ad acuire e peggiorare la posizione del contribuente rispetto all’Amministrazione Finanziaria. Solo negli ultimi 20 anni, il Legislatore ha avuto la sensibilità di cercare di trovare una seria soluzione all’impasse provocato da questo squilibrio di posizioni reciproche fra contribuente e Fisco. Solo con le prime proposte di legge relative all’istituzione di un organo di garanzia per il contribuente (risalenti agli anni ’80), si è inaugurata una nuova via, quella della protezione e tutela del contribuente in maniera più incisiva, rispetto al passato; in tal modo il Legislatore ha coniugato l’esigenza di garantire al nostro ordinamento tributario maggiore stabilità, trasparenza e comprensibilità, con il nuovo spirito con cui è stato affrontato il rapporto Fisco-contribuente, non più visto come rapporto vessatorio, in cui il primo esige l’adempimento dell’obbligazione tributaria al secondo, ma improntato secondo canoni di collaborazione, trasparenza e reciprocità di diritti e di obblighi.
Successivamente vi è stata l’emanazione della legge sulla trasparenza amministrativa, della riforma del diritto procedurale tributario, della riforma delle sanzioni amministrative in campo fiscale e da ultimo con l’emanazione di uno Statuto dei diritti del contribuente, l’istituzione di un organo deputato ad accogliere, le lamentele, le doglianze, le insufficienze, rilevate dal cittadino ma soprattutto dal contribuente.
L’argomento della tesi, ovvero “la verifica fiscale” è stato affrontato anche alla luce delle innovazioni apportate dalla Legge 212/2000 (Statuto dei diritti del Contribuente) che fa un pò da trait d’union fra i vari argomenti e capitoli in cui è stata articolata la tesi medesima. Vi è l’accenno a legislazioni straniere e soprattutto europee, visto che siamo in un’epoca in cui tutto viene globalizzato.
Nell’affrontare l’argomento della tesi, sono partito dall’analisi dell’attività di verifica, compiuta dagli organi accertatori dell’Amministrazione Finanziaria (Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza), in quanto tale attività rappresenta la massima ingerenza dell’Amministrazione Finanziaria nella sfera degli interessi economici propri del contribuente, nonché delle proprie relazioni imprenditoriali e professionali, ed in alcuni casi, anche private. Infatti, a fronte di penetranti poteri di controllo attribuiti agli organi accertatori, solo di recente con la Legge 27 luglio 2000 n. 212 (Disposizioni in materia di Statuto dei diritti del contribuente), sono state previste delle tutele per il contribuente, nonché dei limiti e dei vincoli ai soggetti che effettuano la verifica fiscale. Dopo l’analisi della verifica vista soprattutto con gli occhi di un soggetto che partecipa attivamente a tale attività (principalmente in materia di I.V.A. e Imposte Dirette), sono passato, non prima di aver fatto riferimento alla tematica della tutela del contribuente, nonché, cenno allo statuto sui Diritti del Contribuente, alla disamina di un caso pratico - realmente affrontato in servizio -di “Esterovestizione della residenza fiscale” di una società solo formalmente residente nel Gran Ducato del Lussemburgo ma, di fatto, ritenuta fiscalmente residente in Italia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Premessa I rapporti fra il Fisco ed il contribuente, in Italia, sono sempre stati molto delicati. Le cause di questi rapporti non proprio idilliaci, risiedono principalmente nell’elevata imposizione fiscale esistente in Italia, a fronte di un’erogazione dei servizi non sempre molto efficiente, nella posizione di predominanza assunta dall’Amministrazione Finanziaria in qualsiasi momento si relaziona con il contribuente e ultimo, ma non meno importante nell’eccessiva complessità della nostra legislazione tributaria, che con la continua e caotica sovrapposizione di norme ha prodotto negli anni incertezza persino fra gli operatori dell’Amministrazione Finanziaria. Le varie riforme fiscali succedutesi dall’unità d’Italia ad oggi, non hanno offerto soluzioni molto convincenti per mutare questo delicato rapporto, anzi addirittura alcune volte hanno contribuito ad acuire e peggiorare la posizione del contribuente rispetto all’Amministrazione Finanziaria. Solo negli ultimi 20 anni, il Legislatore ha avuto la sensibilità di cercare di trovare una seria soluzione all’impasse provocato da questo squilibrio di posizioni reciproche fra contribuente e Fisco. Solo con le prime proposte di legge relative all’istituzione di un organo di garanzia per il contribuente (risalenti agli anni ’80), si è inaugurata una nuova via, quella della protezione e tutela del contribuente in maniera più incisiva, rispetto al passato; in tal modo il Legislatore ha coniugato l’esigenza di garantire al nostro ordinamento tributario maggiore stabilità, trasparenza e comprensibilità, con il nuovo spirito con cui è stato affrontato il rapporto Fisco-contribuente, non più visto come rapporto vessatorio, in cui il primo esige l’adempimento dell’obbligazione tributaria al secondo, ma improntato secondo canoni di collaborazione, trasparenza e reciprocità di diritti e di obblighi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

caso pratico
esterovestizione
esterovestizione della residenza fiscale
iva ed imposte dirette
lussemburgo
poteri esercitabili
residenza fiscale
statuto dei diritti del contribuente
tutela del contribuente
verifica fiscale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi