Skip to content

Estrazione del licopene da fonti naturali per l'impiego nei prodotti alimentari

Informazioni tesi

  Autore: Marcello Cepollaro
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie agroalimentari
  Relatore: Daniele Naviglio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

In questo lavoro vengono prese in esame le tecniche estrattive comunemente usate per l’estrazione del licopene da matrici vegetali ed inoltre viene proposta una nuova tecnologia di estrazione solido-liquido per l’estrazione del Licopene ad elevato grado di purezza dagli scarti della lavorazione del pomodoro ed anguria. L’obiettivo è quello di impiegare l’acqua come liquido estraente in modo da abbassare il costo totale dell’intero processo di recupero del Licopene; in questo modo, i cascami di pomodoro, venuti a contatto solamente con acqua non sono classificati come scarto tossico e di conseguenza possono essere essiccati a temperatura ambiente fino alla perdita totale dell’acqua. La parte secca residua può essere impiegata in agricoltura come concime, oppure come mangime per animali. Il Licopene ottenuto nel processo messo a punto è ad un alto grado di purezza (≥98%) ad un costo molto più basso. Per l’analisi quali-quantitativa sono state impiegate la tecnica spettrofotometrica e la cromatografia liquida ad alta prestazione (HPLC) con rivelatore diode-array (DAD). Il Licopene è stato separato su colonna con fase stazionaria fenil esilsilicone sfruttando un gradiente di acqua e acetonitrile.
Un’altra fonte di licopene che è stata presa in considerazione è l’anguria. La parte edibile di questo frutto è stata sottoposta ad estrazione ed è stato ottenuto il licopene con lo stesso grado di purezza di quello ricavato dagli scarti della lavorazione del pomodoro.

Per le sue proprietà farmacologiche, il licopene è diventato una sostanza sempre più richiesta dal mercato e, non essendovi tutt’oggi un processo di sintesi chimica vantaggioso, per la sua produzione si deve ricorrere all’estrazione dalle matrici vegetali naturali che ne contengono quantità interessanti. Ecco perché i metodi semplici, rapidi ed allo stesso tempo economici sono da preferire in quanto abbassano il prezzo al consumatore rendendolo disponibile ad una più ampia platea. Tuttavia, attualmente, i metodi riportati in letteratura e le procedure brevettate per l’estrazione del licopene dal pomodoro e/o dai residui di lavorazione del pomodoro prevedono come fase iniziale l’estrazione del materiale di partenza con solventi più o meno tossici. La prima conseguenza negativa dell’impiego di solventi è che il materiale vegetale diventa in tal caso un rifiuto speciale con aggravi di costi al processo complessivo di produzione del licopene. La seconda conseguenza negativa è che i solventi devono essere allontanati e non sempre possono essere recuperati del tutto. In ogni caso, i processi estrattivi attuali non possono essere impiegati su grande scala proprio per il necessario impiego di solventi nella fase estrattiva.

L’impiego del solvente organico nella fase estrattiva ha due controindicazioni: la prima è che esso non è specifico per il licopene, ma estrae molti altri pigmenti (caroteni, xantofille); la conseguenza è che il processo di purificazione del licopene sarà lungo e costoso ed in generale non porterà a licopene di elevato grado di purezza; la seconda controindicazione è che la materia prima impiegata, che ha già un suo costo iniziale, diventerà un rifiuto speciale che dovrà essere solamente incenerito con notevole aggravio dei costi e non potrà essere in alcun modo recuperato.
Anche per gli scarti di lavorazione del pomodoro sono riportati in letteratura estrazioni con solventi organici, che rendono così il processo totale costoso e non remunerativo per le aziende. Per contenere i costi del processo si sta valutando anche l’impiego dell’anidride carbonica in fase supercritica.
Lo scopo del presente lavoro è quello di impiegare un nuovo sistema estrattivo come tecnica di estrazione solido-liquido alternativa e di utilizzare addirittura l’acqua come liquido estraente per il recupero del licopene. Poiché il licopene non si scioglie nell’acqua, esso sarà recuperato in quanto si trova in una forma para-cristallina e perciò sarà rimosso meccanicamente dall’azione della pressione e della depressione generata all’interno dell’Estrattore Naviglio. Una volta recuperato in fase eterogenea, esso sarà purificato su una colonna SPE (Solid Phase Extraction) impiegando quantità minime di solventi organici (15).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
“Estrazione del licopene da fonti naturali per l’impiego nei prodotti alimentari” 3 1. INTRODUZIONE 1.1 Caratteristiche chimico fisiche del licopene Il Licopene (Fig. 1) è un carotenoide caratterizzato da una lunga catena di 40 atomi di Carbonio con 11 doppi legami coniugati e due anelli terminali aperti disposti in una catena alifatica che deriva dalla condensazione di un numero variabile di unità isopreniche (1). E’ un carotenoide presente nei frutti rossi come quelli dei pomodori (Fig. 2), dei peperoni (rossi), nell’ anguria e nelle foglie nelle quali, tuttavia, la loro presenza è mascherata dal predominante colore verde della clorofilla. Ha un peso molecolare di 536.89, inoltre è un pigmento solubile nei grassi e nei solventi dei grassi. E’ sintetizzato da molte piante e microrganismi, ma non dagli animali, dove, nelle piante, agisce come un accessorio proteggendoli da effetti tossici portati avanti dalla luce e dall’ossigeno. I carotenoidi sono dunque, i principali pigmenti naturali responsabili dei colori dei vegetali e dei frutti ma agiscono anche come antiossidanti per l’organismo quando questi sono introdotti regolarmente nella dieta, tra questi includiamo: il ß-carotene, la luteina, la zeaxanthina oltre al licopene. Nelle piante, la loro funzione è quella di assorbire luce nella fotosintesi proteggendo la pianta dalla fotosensibilizzazione (1). Fig. 1 - Struttura molecolare del Licopene Fig. 2- Frutto di Pomodoro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anguria
antiossidante
attività farmacologica
colorante alimentare
estrazione
fumatori
hplc
licopene
naviglio estrattore
nuova estrazione
pomodoro
prodotti nutraceutici
tumore prostata

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi