Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi: ambiente e territorio, uno sviluppo sostenibile

La tesi si riferisce agli strumenti di pianificazione territoriale in un Parco nazionale e tutti i soggetti coinvolti da questa: Piano per il PARCO, norme di attuazione del Piano, Piano pluriennale economico e sociale, Agenda21.
Dopo aver presentato l'Ente Parco ed il territorio da esso interessato e tutelato, l'attenzione è stata rivolta ai soggetti che godono o subiscono le direttive dell'Ente. Le conseguenze che la tutela di questo territorio porta con sè possono essere viste in due modi: positive o negative; infatti per mezzo di un questionario e numerosi tabulati procurati dall'ISTAT è stato possibile fare un quadro generale della proposta turistica della regione Veneto e più precisamente dell'opportunità di sviluppo in materia di tutela ambientale e di turismo che il Parco possa offrire. Le conclusioni portano una riflessione anche personale sull'importanza sociale e non solo economica che il Parco ha sulla comunità montana e sulla società presente nel territorio. Esso è per molti versi l'organo supremo non solo di controllo ma anche di gestione di un territorio ambientalmente significativo ma anche territorialmente bisognoso di uno sviluppo economico che l'Ente permette tenendo sempre alta la tutela del paesaggio e degli organismi viventi presenti nell'area parco.

Mostra/Nascondi contenuto.
     (  $8 " 9  "   ( ( 8    : $ (   * ((   "      * $      $   "3    :;                 3 ( 3)     (  < *     *    *      *   =   *   >           ?               "    %   &      $$  !

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Enrico Chicchiriccò Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2197 click dal 08/07/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.