Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I fondi etici italiani: un'analisi di cointegrazione sulle serie storiche dei prezzi

Il lavoro di tesi svolto rappresenta una analisi di cointegrazione sulle serie storiche dei NAV di 15 fondi etici collocabili in Italia e selezionati fra quelli censiti da Assogestioni al 31 dicembre 2007 e i principali tassi di interesse rappresentativi del breve e del lungo periodo. Obiettivo principale del lavoro è quello di individuare le implicazioni in termini di diversificazione di portafoglio e distribuzione del rischio attraverso l'investimento in fondi socialmente responsabili sul mercato italiano. L'intervallo temporale che è stato considerato va dal 23 maggio 2003 al 31 gennaio 2008. Nel corso del lavoro si sono ripercorsi i diversi studi effettuati in passato sull'argomento attraverso una completa ed esaustiva review. Le analisi sono state effettuate tramite l'applicazione del test di Unit Roots e il test di Engle e Granger sulle serie dei residui delle regressioni stimate attraverso il software econometrico Eviews. Si è giunti alla conclusione di una tendenziale assenza di cointegrazione fra i fondi e i tassi di interesse considerati tranne in 4 casi in cui è stata individuata una relazione con il mercato USA.

Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE Questo lavoro nasce dall’idea di proporre un argomento di finanza etica e di colmare un gap nelle ricerche empiriche relative al mercato italiano dei fondi etici. Per finanza etica si intende uno stile di conduzione dei servizi e degli intermediari finanziari basato su una nuova cultura che coniuga l’investimento con requisiti di responsabilità sociale ed ambientale senza pensare al mero profitto e alla speculazione. Tale sinergia è stata valorizzata e ufficialmente formulata per la prima volta dal premio Nobel per l’economia, Amartya Sen (Sen A. K., 1991). In tale formulazione, egli sostiene che al valore della ricchezza, elemento base del mercato, deve essere aggiunta anche la felicità e una migliore qualità della vita, concetto che differisce da quello di puro benessere e che rende le persone più ricche delle altre senza influenzare la ricchezza altrui. Il mercato è, quindi, considerato completo solo quando incorpora e soddisfa, anche, attese e valori etici. In particolare, tale attività ruota intorno ai due perni del settore finanziario: il credito e il risparmio. Per quanto riguarda il risparmio e gli strumenti finanziari, sicuramente, i fondi comuni di investimento svolgono un ruolo chiave. Ed è questo settore che andremo ad indagare. I fondi etici nel corso del tempo, e soprattutto negli ultimi anni, hanno conquistato un peso rilevante nell’ambito di alcuni mercati finanziari dove, le esigenze di rendimento e di massimizzazione del profitto, si stanno coniugando sempre più con gli strumenti della Corporate Social Responsability e con le politiche e finalità di solidarietà sociale. Negli Stati Uniti e in alcuni paesi europei quello dei Social Responsible Investments è

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Rachele Beatrice Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2232 click dal 12/12/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.