Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Filosofia e comunicazione pubblica nel pensiero di John Dewey

L'analisi della opera di John Dewey in questo scritto è centrata sulla questione dell'intreccio intercomunicativo alla base della comunità sociale, elemento fondante della dialettica politica e il rapporto che s'instaura, all'interno di tale relazionalità, tra i singoli individui/opinione pubblica e i detentori del potere.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Nell’ultima parte di un noto scritto autobiografico della maturità, From Absolutism to Experimentalism 1 , John Dewey, dopo aver ripercorso le tappe fondamentali del suo sviluppo intellettuale (dai primi passi nel mondo accademico mossi nell’Università del Vermont fino al progressivo ma «lento e sulle prime impercettibile» 2 allontanamento dal pensiero hegeliano 3 ), enuncia «quattro punti (four special points)» 4 di cruciale 1 From Absolutism to Experimentalism [1930], in J. Dewey, The Later Works, 1925- 1953. Ed. by Jo Ann Boydston, Southern Illinois University Press, Carbondale and Edwardsville 1981-1990 [d’ora in avanti LW], vol. 5: 1929-1930, pp. 147-160 [trad. it: J. Dewey, Dall’assolutismo allo sperimentalismo, in Filosofi americani contemporanei, a c. di C. Coardi, Bompiani, Milano 1939, pp. 117-127]. 2 Ivi, p. 154 [trad. it. cit.: p. 126]. 3 Punto nevralgico nell’analisi del percorso filosofico di John Dewey è l’incontro con G. S. Morris avvenuto a Baltimora nel 1884 e la conseguente scoperta del sistema hegeliano che diverrà per esso stabile riferimento di numerosi scritti del periodo giovanile ed oltre. La passione intellettuale nata nei confronti del pensiero di Hegel è dettata, ci confessa Dewey stesso, dal «bisogno della ricerca e del raggiungimento di una ‘unificazione’ del pensiero (a demand for unification), bisogno che assumeva i caratteri di un’intensa bramosia emotiva (an intense emotional craving) e insieme di un appetito (a hunger) che soltanto un tema ‘intellettualizzato’ poteva soddisfare. […] La sintesi hegeliana di soggetto e oggetto, materia e spirito, divino e umano, non era più una semplice formula intellettuale; e mi recava un immenso sollievo (an immense release), mi dava un senso di liberazione. Anche il trattamento che Hegel fa della cultura umana, delle arti e delle istituzioni, implicava lo stesso sgretolamento di muri divisori (the same dissolution of hard-and-fast dividing walls) e aveva per me una specialissima attrazione» (ivi, p. 153, tr. it.: pp. 124-125), mai del tutto sopita (parla, infatti, riguardo alla sua conoscenza del pensiero hegeliano, come di «un deposito permanente nel mio spirito» -ivi, p. 154; tr. it.: p. 126-). Felice Brancatisano indica, all’interno della produzione deweyana, quattro grandi periodi «circa l’evoluzione del suo pensiero»: 1. «dello scetticismo, in cui la fede ereditata dall’educazione familiare e dall’ambiente della Nuova Inghilterra va man mano scomparendo, specialmente per quanto si riferisce alla ortodossia della ‘chiesa congregazionale’», alla quale era profondamente legata la figura materna: «questo periodo che finisce nel 1884 comprende la giovinezza e lo studentato di Dewey»; 2. «dello hegelismo che va dal 1884 al 1891, in cui egli sotto l’influenza del suo maestro George Sylvester Morris […] condivise l’idea dell’organicismo insito nella filosofia di Hegel. Ciò gli dava la possibilità di superare il dualismo, mediante l’unità costitutiva dello spirito universale o coscienza unica (o spirito onnipervadente), in cui gli oggetti e i soggetti non sono che posizioni dialettiche»; 3. «di transizione dall’hegelismo allo strumentalismo, che va dal 1892 al 1903, anno in cui il Dewey definisce le basi del suo strumentalismo o neo- empirismo con la pubblicazione dell’opera Studi sulla teoria della Logica» (Studies on

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Filosofia

Autore: Alessandro Busatti Contatta »

Composta da 187 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2024 click dal 23/02/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.