Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli ammoniti (Mollusca Cephalopoda) dell'appennino umbro-marchigiano della Collezione Bonucci

La tesi tratta degli ammoniti dell'appennino umbro-marchigiano prendendo spunto da una collezione privata (Bonucci) e si pone l'obbiettivo di: dare alcune nozioni generali utili ai fini della classificazione ed esposizione degli ammoniti;valorizzare il patrimonio culturale locale;aumentare in generale l’interesse nei confronti della paleontologia.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREMESSA L'abbondantissimo materiale paleontologico che si può trovare nelle rocce sedimentarie costituisce un'importante testimonianza sulla storia geologica del territorio, ed ha un notevole interesse nello studio di temi scientifici fondamentali quali l'evoluzione. Tuttavia, queste vicende spesso lontanissime nel tempo sono generalmente ignote alla maggioranza della gente, restando perlopiù "appannaggio" di una stretta cerchia di persone, siano essi specialisti e studenti o semplici appassionati e "curiosi" del mondo naturale. Per colmare almeno parzialmente una simile lacuna esistono i musei scientifici, che espongono materiale di vario tipo organizzato secondo precisi criteri esplicativi, permettendo così al visitatore di conoscere ed apprezzare i più diversi aspetti del mondo che ci circonda. Il presente lavoro di tesi si inserisce proprio in questo contesto: incentrandosi sugli ammoniti dell'Appennino umbro-marchigiano presenti nella collezione paleontologica privata del Sig. Luigi Bonucci, essa intende anche valorizzare il ricco patrimonio geo-paleontologico racchiuso dalla nostra regione.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Marco Angelucci Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 650 click dal 30/06/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.