Skip to content

Il concetto di aboriginal title negli ordinamenti di derivazione anglosassone. Principi costituzionali ed evoluzione giurisprudenziale in Nuova Zelanda e Canada

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Bonesso
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Maurilio Gobbo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 284

I popoli autoctoni hanno un legame unico con le proprie terre, che occupano da tempo immemorabile, ossia a partire dal periodo anteriore all’arrivo dei coloni europei. Tale relazione non è solamente di tipo fisico, ma appare soprattutto intrisa di vincoli spirituali e culturali, i quali costituiscono la base della loro identità.
L’identità collettiva dei popoli autoctoni comprende i diritti territoriali sui suoli e, in generale, sulle risorse naturali classificabili come ancestrali. I molteplici aspetti della cultura tradizionale indigena si sono conservati, de jure o de facto, anche in seguito al periodo coloniale, soprattutto grazie all’esistenza di un diritto consuetudinario indigeno, che si distingue nettamente dalle nozioni occidentali di proprietà terriera.
Le rivendicazioni dei diritti sulla terra avanzate dai popoli autoctoni non rappresentano certo una novità. Tuttavia, è solo di recente che tali richieste hanno assunto rilevanza e hanno cominciato ad essere affrontate in maniera più efficace, mediante l’utilizzo di vari mezzi. Questi ultimi, da un punto di vista più strettamente giuridico, hanno incluso, a livello internazionale, l’adozione della Convenzione OIL n. 169 e, più recentemente, l’emanazione della Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni.
Sul piano del diritto interno, le rivendicazioni dei land rights avanzate dai popoli autoctoni vengono affrontate dalla legislazione, dal sistema giudiziario e, mediante un approccio più strettamente politico, dalle negoziazioni tra comunità autoctone e governo.
Per quanto concerne in particolare i Paesi di common law, i diritti sulla terra in capo ai popoli autoctoni sono stati inclusi nel concetto di aboriginal title. In genere, nei vari ordinamenti di derivazione anglosassone, sono gli organi giurisdizionali ad avere un ruolo principale per lo sviluppo e la definizione dell’aboriginal title. Merita sottolineare che, date le numerose difficoltà nell’individuare la sua vera natura, il concetto in esame si è sviluppato molto lentamente ed è stato scoperto un po’ alla volta, tanto che è solo di recente che si sono avuti dei progressi in materia.
Ogni Paese di common law ha elaborato una sua visione specifica del concetto di aboriginal title, dando vita a dei percorsi evolutivi distinti, che non sempre sono riusciti a giungere ad un’identificazione e ad una definizione precisa di tale nozione. I sistemi giuridici neozelandese e canadese, nonostante abbiano lo stesso tipo di origine, offrono degli spunti interessanti di comparazione, in quanto presentano delle peculiarità, di carattere soprattutto costituzionale, che incidono direttamente sulla tutela dell’aboriginal title. Da più punti di vista, l’evoluzione del concetto di aboriginal title ha incontrato numerose difficoltà, che incidono negativamente sul suo riconoscimento attuale, sia in Nuova Zelanda che in Canada.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE I popoli autoctoni hanno un legame unico con le proprie terre, che occupano da tempo immemorabile, ossia a partire dal periodo anteriore all’arrivo dei coloni europei. Tale relazione non è solamente di tipo fisico, ma appare soprattutto intrisa di vincoli spirituali e culturali, i quali costituiscono la base della loro identità. Emblematiche, a tal proposito, risultano le seguenti parole dell’attivista aborigeno Galarrwuy Yunupingu: “Getting the land back has been important because the land is part of us, we are one because of our relationship. There is nothing – no law, no person – that will separate our connection with land. Getting the land back has kept our spirits alive”.1 L’identità collettiva dei popoli autoctoni comprende i diritti territoriali sui suoli e, in generale, sulle risorse naturali (acque, foreste, minerali presenti nel sottosuolo) classificabili come ancestrali. I molteplici aspetti della cultura tradizionale indigena si sono conservati, de jure o de facto, anche in seguito al periodo coloniale, soprattutto grazie all’esistenza di un diritto consuetudinario indigeno, che si distingue nettamente dalle nozioni occidentali di proprietà terriera. I diritti sulla terra (in inglese land rights) in capo ai popoli autoctoni esigono ora riconoscimento e tutela, sia a livello internazionale che sul piano del diritto interno. Le rivendicazioni dei diritti sulla terra avanzate dai popoli autoctoni non rappresentano certo una novità. Tuttavia, è solo di recente che tali richieste hanno assunto rilevanza e hanno cominciato ad essere affrontate in maniera più efficace, mediante l’utilizzo di vari mezzi. Questi ultimi, da un punto di vista più strettamente giuridico, hanno incluso, a livello internazionale, l’adozione della Convenzione OIL n. 169 e, più recentemente, l’emanazione della Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni. Sul piano del diritto interno, le rivendicazioni dei land rights avanzate dai popoli autoctoni vengono affrontate dalla legislazione, dal sistema giudiziario e, mediante un approccio più strettamente politico, dalle negoziazioni tra comunità autoctone e governo. Vi sono molti dibattiti circa il modo migliore con cui poter far fronte a tali rivendicazioni dei popoli autoctoni. A titolo esemplificativo, da più parti si ritiene che sia preferibile ricorrere alle negoziazioni politiche con il governo, in quanto un processo giudiziario non è sempre in grado di giungere ad una soluzione 1 G.R. SCHIVELEY, Negotiation and Native Title: Why Common Law Courts Are Not Proper Fora for Determining Native Land Title Issues, in 33 Vand. J. Transnat’l L., 2000, p. 430.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aboriginal title
canada
constitution act del 1982
maori land court
nuova zelanda
popoli autoctoni
popoli indigeni
trattato di waitangi
tribunale di waitangi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi