Skip to content

La crisi economica e l'impatto sulla gestione di un sito turistico: il caso Sonoma Valley in California

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Caseri
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Progettazione e gestione dei sistemi turistici
  Relatore: Andrea Macchiavelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 168

Il presente elaborato ha come obiettivo quello di analizzare gli effetti e le implicazioni causate dalla crisi economica mondiale sulle destinazioni turistiche e sulla loro gestione negli Stati Uniti, e in particolare nella Contea di Sonoma, in California. La riflessione è partita dalla considerazione che la situazione di recessione economica mondiale attuale è molto diversa da quelle avvenute negli anni precedenti.
Nouriel Roubini, economista dell‟università di New York, ad esempio, ha affermato che «ci troviamo davanti alla più grande recessione dopo quella degli anni Trenta»1. Effettivamente la situazione è grave e il futuro prossimo non si prospetta ancora sereno.
Secondo un rapporto Ocse2, l‟economia dei trenta paesi più industrializzati del mondo è in recessione e proseguirà su questa strada probabilmente ancora per tutto l‟anno 2010.
Ma come è iniziato tutto questo?
Prima lo scandalo dei titoli sub-prime3 negli Stati Uniti, che ha comportato il rapido crollo dei mercati finanziari del settore dei servizi, dell‟industria dell‟auto e di quasi tutte le altre industrie. Poi, il tasso di disoccupazione si è alzato, mentre coloro che hanno mantenuto il proprio posto di lavoro hanno tagliato nettamente i consumi, tentando di risparmiare il più possibile. Il legame tra reddito e consumi è molto stretto. Fra il 2003 e il 2007, nel periodo identificato come ultima fase di bolla speculativa e di boom della crescita economica statunitense, il valore netto del patrimonio posseduto dalla famiglia media americana aumentò da 400.000 a 540.000 dollari: un valore composto soprattutto da casa, azioni e fondi d‟investimento, esclusi i debiti con le banche.
Nel 2009 quello stesso patrimonio è in media di soli 420.000 dollari.
Prima della crisi, quando le famiglie americane si sentivano arricchite dal rialzo della Borsa e del mercato immobiliare, aumentavano i propri consumi in una misura compresa fa il 3 e il 5 % del proprio incremento di reddito. Oggi quel riflesso, chiamato “effetto-ricchezza”, agisce esattamente in senso contrario, perché si deprimono i consumi. Tant‟è che subentrano comportamenti più prudenti, ispirati da una paura sul lungo periodo: la propensione al risparmio e quindi a mettere da parte una certa quota di reddito, era negli anni passati diminuita al di sotto dell‟1% (prima della grande crisi di fine 2007). Attualmente però questa tendenza al risparmio è risalita, fino al 5%. Nonostante ci si trovi ancora in una fase di redditi stagnanti, una parte crescente di questo denaro viene risparmiata, e di conseguenza, viene sottratta ai consumi. E parlando di consumi ridotti, entra in gioco il turismo, consumo voluttuario, che in quanto tale, subisce in negativo, rispetto ai consumi di prima necessità, l‟attuale crisi economica.
Barrell, Davis e Pomerantz (2006) in uno studio relativo agli effetti delle crisi finanziarie sui comportamenti di consumo sostengono che vi siano rilevanti conseguenze negative sul livello dei consumi durante le crisi bancarie. L‟impatto causato da crisi di questo tipo supera di gran lunga gli effetti sui consumi derivati da variazioni di reddito o della ricchezza dei consumatori.
Il forte calo delle esportazioni e delle produzioni industriali e l‟aumento della disoccupazione, hanno rapidamente causato la diminuzione della fiducia dei consumatori nei principali mercati d‟origine del turismo, provocando così un negativo impatto sull‟intera industria turistica mondiale. La prima causa è da ricercare nel fatto che i livelli di reddito hanno un‟evidente importanza nel processo di decisione del viaggio; gravano inoltre anche sulla scelta della località di destinazione, sulla natura delle attività intraprese durante la vacanza e sulle modalità di trasporto utilizzate.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il presente elaborato ha come obiettivo quello di analizzare gli effetti e le implicazioni causate dalla crisi economica mondiale sulle destinazioni turistiche e sulla loro gestione negli Stati Uniti, e in particolare nella Contea di Sonoma, in California. La riflessione è partita dalla considerazione che la situazione di recessione economica mondiale attuale è molto diversa da quelle avvenute negli anni precedenti. Nouriel Roubini, economista dell‟università di New York, ad esempio, ha affermato che «ci troviamo davanti alla più grande recessione dopo quella degli anni Trenta»1. Effettivamente la situazione è grave e il futuro prossimo non si prospetta ancora sereno. Secondo un rapporto Ocse2, l‟economia dei trenta paesi più industrializzati del mondo è in recessione e proseguirà su questa strada probabilmente ancora per tutto l‟anno 2010. Ma come è iniziato tutto questo? Prima lo scandalo dei titoli sub-prime3 negli Stati Uniti, che ha comportato il rapido crollo dei mercati finanziari del settore dei servizi, dell‟industria dell‟auto e di quasi tutte le altre industrie. Poi, il tasso di disoccupazione si è alzato, mentre coloro che hanno mantenuto il proprio posto di lavoro hanno tagliato nettamente i consumi, tentando di risparmiare il più possibile. Il legame tra reddito e consumi è molto stretto. Fra il 2003 e il 2007, nel periodo identificato come ultima fase di bolla speculativa e di boom della crescita economica statunitense, il valore netto del patrimonio posseduto dalla famiglia media americana aumentò da 400.000 a 540.000 dollari: un valore composto soprattutto da casa, azioni e fondi d‟investimento, esclusi i debiti con le banche. Nel 2009 quello stesso patrimonio è in media di soli 420.000 dollari. Prima della crisi, quando le famiglie americane si sentivano arricchite dal rialzo della Borsa e del mercato immobiliare, aumentavano i propri consumi in una misura 1 Roubini N., “A tale of two American Economies”, Series: After the Storm, Project Syndicate, 16/11/2009. 2 OCSE: Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico. 3 Subprime: i mutui subprime sono quelli concessi alle persone meno facoltose e perciò con un elevato rischio di mancato rimborso delle rate. Negli Stati Uniti pesano per il 10% del mercato, mentre in Europa, tranne che in Inghilterra, il fenomeno è marginale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

california
consumi turistici
crisi economica
sonoma valley
staycation

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi