Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La lotta all'AIDS nel mondo arabo tra riconoscimento ufficiale e omertà: uno sguardo al caso siriano

L'Aids (Acquired Immune Deficiency Sindrome, ossia Sindrome da Immunodeficienza Acquisita), non è solo un'emergenza nell'immediato, ma un fenomeno che ci accompagnerà a lungo e che necessita la tempestiva azione di tutti i settori della società per invertire i pericolosi trend di propagazione a cui oggi si assiste. Recentemente, il Segretario generale delle Nazioni Unite Ban-Ki Moon si è rivolto ad un gruppo di leader religiosi descrivendo l'epidemia come "la cicatrice morale sulla nostra coscienza" e parlando del "sacro dovere condiviso" di mobilitarsi per combattere la malattia .
La pandemia dell'Aids non è un'entità isolata: è la crisi e il collasso delle società e ricalca la stessa crisi e lo stesso collasso che il virus provoca nel sistema immunitario del corpo umano.
Ad oggi, non ha più senso parlare di Aids facendo riferimento solo ai paesi occidentali: la malattia infatti si è diffusa e ha colpito anche il Medio Oriente. La popolazione araba, che dal 1983 - anno in cui il virus è stato identificato - è sempre stata all'oscuro del problema, ha infatti iniziato a prenderne reale coscienza solo da alcuni anni; con il passare del tempo e l'osservazione dell'aumento dei tassi di contagio anche nel loro mondo, le società del Medio Oriente sono arrivate alla progressiva accettazione dell'esistenza della malattia.
I dati epidemiologici rilevati in diversi paesi arabi di fede musulmana sono limitati e spesso non c'è traccia di statistiche ufficiali: questo dovrebbe far supporre che in questi luoghi l'Aids non esista; ciò non corrisponde a verità, ma a causa di fattori socio-politici, nonché economici, tutto viene taciuto. Il Medio Oriente registra infatti alti numeri di contagio da Hiv, soprattutto tra gli uomini e in zone urbane; nonostante il sesso a pagamento non protetto sia il fattore chiave della diffusione del virus in gran parte del mondo arabo (così come nel resto del mondo tra l'altro), l'esposizione e il contatto con gli strumenti per l'utilizzo delle droghe iniettabili risulta essere la principale via di trasmissione in paesi come Afghanistan, Iran, Libia, Algeria, Marocco e Pakistan.
Uno degli obiettivi fondamentali delle iniziative che verranno e che sono state già intraprese dalle varie organizzazioni, sia a livello regionale, nazionale e internazionale, è quello di eliminare il pregiudizio, la stigmatizzazione e la discriminazione che ancora prevale in molte società nei confronti di chi vive con l'Aids; un altro, ma non meno importante, è quello di agire attivamente contro le ingiustizie e le ineguaglianze che alimentano la diffusione del virus stesso, ad esempio la discriminazione verso gay, immigrati, minoranze etniche, tossicodipendenti e prostitute: persone che spesso sono spinte ai margini della società e che, rifiutate da tutti, sono più esposte al rischio di contagio.
Fornire una panoramica sul problema dell'Hiv/Aids nel mondo arabo è il tema centrale di questa trattazione; il focus è stato posto in particolare sul Medio Oriente, dove si assiste ad un fenomeno bipolare: il riconoscimento ufficiale da una parte e il silenzio che ancora circonda la questione dall'altra. La ricerca bibliografica (lunga e per alcuni versi complessa), effettuata tramite biblioteche e web, ha permesso di reperire varie tipologie di documenti e pubblicazioni, tutte rigorosamente in lingua araba e inglese. Si sottolinea la primaria importanza che il preparatorio lavoro di traduzione inedita ha svolto nella stesura di questa trattazione. Attraverso l'analisi di questo materiale è stato possibile tracciare un quadro della risposta del mondo arabo e panarabo all'epidemia: una risposta che appare poliedrica a tutti gli effetti, visti i diversi settori della società che sono coinvolti nella lotta all'Aids nei diversi paesi del Medio Oriente; è stato altresì possibile constatare come, sebbene in alcuni paesi non ci sia una manifesta accettazione dell'esistenza della malattia, le strategie di informazione, le iniziative legislative e le campagne di sensibilizzazione svolgano un ruolo determinante nella società e siano chiaramente rivolte a combattere la diffusione del virus tra la popolazione.
L'analisi di materiali provenienti da organizzazioni, associazioni ed enti appartenenti a settori diversi ha come fine la comprensione dei fattori che possono contribuire alla diffusione del contagio e soprattutto quella dell'immaginario collettivo legato all'Hiv/Aids nel mondo arabo: lo sviluppo di un approccio culturalmente sensibile nell'ideare e attuare strategie e programmi di prevenzione rappresenta sicuramente uno dei mezzi migliori per costruire una risposta efficace, sostenibile e duratura alla diffusione del virus.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE L’Aids (Acquired Immune Deficiency Sindrome, ossia Sindrome da Immunodeficienza Acquisita), non è solo un’emergenza nell’immediato, ma un fenomeno che ci accompagnerà a lungo e che necessita la tempestiva azione di tutti i settori della società per invertire i pericolosi trend di propagazione a cui oggi si assiste. Recentemente, il Segretario generale delle Nazioni Unite Ban-Ki Moon si è rivolto ad un gruppo di leader religiosi descrivendo l’epidemia come “la cicatrice morale sulla nostra coscienza” e parlando del “sacro dovere condiviso” di mobilitarsi per combattere la malattia 1 . La pandemia dell’Aids non è un’entità isolata: è la crisi e il collasso delle società e ricalca la stessa crisi e lo stesso collasso che il virus provoca nel sistema immunitario del corpo umano. Ad oggi, non ha più senso parlare di Aids facendo riferimento solo ai paesi occidentali: la malattia infatti si è diffusa e ha colpito anche il Medio Oriente. La popolazione araba, che dal 1983 - anno in cui il virus è stato identificato - è sempre stata all’oscuro del problema, ha infatti iniziato a prenderne reale coscienza solo da alcuni anni; con il passare del tempo e l’osservazione dell’aumento dei tassi di contagio anche nel loro mondo, le società del Medio Oriente sono arrivate alla progressiva accettazione dell’esistenza della malattia. I dati epidemiologici rilevati in diversi paesi arabi di fede musulmana sono limitati e spesso non c’è traccia di statistiche ufficiali: questo dovrebbe far supporre che in questi luoghi 2 l’Aids non esista; ciò non corrisponde a verità, ma a causa di fattori socio- politici, nonché economici, tutto viene taciuto. Il Medio Oriente registra infatti alti numeri di contagio da Hiv, soprattutto tra gli uomini e in zone urbane; nonostante il sesso a pagamento non protetto sia il fattore chiave della diffusione del virus in gran parte del mondo arabo (così come nel resto del mondo tra l’altro), l’esposizione e il contatto con 1 Islam and Aids, Between Scorn, Pity and Justice, di F. Esack e S. Chiddy, Oxford, Oneworld Publications, 2009. 2 Questi paesi includono l’Arabia Saudita, il Kuwait, gli Emirati Arabi Uniti, il Qatar e la Siria. UNAIDS, International Statistical Classification of Disorders and Related Problems, 2007.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Facoltà di Interpretariato e Traduzione

Autore: Chiara Cianciulli Contatta »

Composta da 371 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 332 click dal 27/02/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.