Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La vita on-line. Identità, socializzazione e psicopatologia di Internet

Questo lavoro è diretto a indagare l'impatto che l'utilizzo di Internet svolge nella nostra vita. Ovvero quanto incide sulla modifica dei nostri comportamenti, sul modo di comunicare.
Indubbiamente Internet è un medium talmente coinvolgente e persuasivo che svolge su chi lo utilizza un effetto tutt'altro che neutrale. Come diceva Marshall McLuhan "il mezzo è il messaggio".
All'interno di Internet si vengono a ricreare fenomeni che ricalcano abbastanza i loro corrispettivi reali. Si creano comunità, dove le persone si aggregano e condividono informazioni. Inoltre, nel mondo virtuale come in quello reale, la persona deve provvedere a crearsi una propria identità. La costruzione dell'identità avviene attraverso diversi passaggi e può portare anche alla creazione di identità false o multiple.
L'uso eccessivo di Internet, in individui deboli, può causare anche sintomi che vengono comunemente riconosciuti come di dipendenza. Alcuni studiosi la definiscono IAD, Internet Addiction Disorder. Al momento non ha ancora una nomenclatura ufficiale, ma potrebbe essere introdotto nella prossima edizione del DSM.
Internet ha molti risvolti sia psicologici che sociologici/linguistici, dimostra dunque di avere molta più influenza sulla nostra vita di quanta noi possiamo immaginare. E' uno strumento che da una parte offre molte opportunità di crescita personale, ma dall'altro costituisce un possibile pericolo per coloro che non si sanno difendere adeguatamente.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE I. Contesto dei mass media Non Ł certo nuovo il dibattito relativo all importanza dei mezzi di comunicazione di massa nello svolgimento delle nostre vite. Da decenni ormai si discute riguardo le nuove tecnologie utili per comunicare a distanza, sulla loro invadenza nel nostro stile di vita, delle potenzialit che le caratterizzano; ogni opinione esprime sia elementi positivi che negativi, in quanto la natura stessa di queste nuove tecnologie Ł ambivalente. Andando oltre la semplicistica determinazione della bont o meno dei mass media quello che vogliamo veramente indagare Ł quanto questi nuovi media stiano in qualche modo modificando il nostro modo di vivere, Ł evidente che questi ultimi non sono solamente dei meri strumenti per facilitarci la comunicazione, sono ormai diventati delle parti di noi, delle estensioni fisiche, che sostengono una delle funzioni fondamentali dell uomo, la comunicazione. La domanda che ci poniamo Ł la seguente: quanto e in che modo i mass media influenzano il nostro comportamento, come singoli e come gruppi? Molti autori hanno tentato di rispondere a questa domanda, cerchiamo dunque di creare una base concettuale da cui partire per poi focalizzare la nostra attenzione su un solo mezzo di comunicazione che ha gi rivoluzionato le nostre vite in maniera profonda, Internet. Cominciamo introducendo quelle che erano le teorizzazioni piø importanti di uno dei sociologi piø influenti dello scorso secolo, Herbert Marshall McLuhan. Egli introdusse un nuovo modo di studiare i mass media, che al tempo in cui scriveva si limitavano alla carta stampata, alla radio e all emergente televisione, portando alla luce un concetto fondamentale, ovvero che non Ł importante studiare ci che i vari medium veicolano, il contenuto del messaggio, quanto piuttosto la struttura interna degli stessi medium, e come essi riorganizzano il nostro modo di comunicare. In poche parole McLuhan, nel suo libro piø famoso Gli strumenti del comunicare (1967), si concentra sull impatto che un medium ha sulla nostra concezione e ricezione del messaggio trasmesso. Questo primo concetto Ł notoriamente conosciuto

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Matteo Malfatto Contatta »

Composta da 108 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9843 click dal 15/12/2010.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.