Skip to content

La geopolitica del gas in Asia Centrale

Informazioni tesi

  Autore: Emanuele Delbue
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Francesco Raschi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 123

Obiettivo della tesi è quello di delineare un possibile scenario futuro dei rapporti di forza internazionali ponendo l'attenzione sulla futura mappa dei gasdotti. Perchè il gas e perchè l'Asia Centrale?
Il gas naturale sarà per i paesi industrializzati ed in particolare per l’Europa e la Cina una risorsa energetica sempre più imprescindibile. Secondo Michael Economides, uno dei più importanti analisti americani in materia energetica, il gas naturale prenderà il posto del petrolio e diventerà la più importante risorsa energetica mondiale. Il sorpasso dovrebbe avvenire nel 2030, a conferma di
un consumo che negli ultimi decenni sta costantemente aumentando a livello globale. Il gas ha numerosi pregi: un valore calorifico superiore a petrolio e carbone, una minore emissione di anidride carbonica all’atto della combustione, ed una maggiore facilità di trasporto. Secondo le stime dell’AIEA (Agenzia Internazionale Energia Atomica) i recenti progressi tecnologici
permetteranno di raddoppiare la quantità delle riserve di gas sfruttabili, ed esse (al livello di domanda attuale) durerebbero per tre secoli.
L'Asia Centrale è una zona geostrategicamente fondamentale per i futuri equilibri di potere internazionali. Per gli Stati Uniti in particolare, rappresenta una zona cuscinetto tra Russia, Cina ed Iran, potenze che, secondo il famoso politologo Zbigniew Brzezinski, potrebbero costituire la cosiddetta "coalizione antiegemonica", in grado di espellere definitivamente gli Usa dal blocco Eurasiatico.
Vedremo quindi come il gas naturale presente in Asia Centrale, Iran e Russia e la relativa futura mappa dei gasdotti eurasiatica, potranno incidere sulle dinamiche geopolitiche future e quanto il pericolo della costituzione di una "coalizione antiegemonica" possa essere reale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’obiettivo di questo lavoro è quello di analizzare la situazione geopolitica attuale concentrandosi in particolare sulla zona dell’Asia Centrale, quella che uno dei padri della moderna geopolitica, Harold Mackinder, agli inizi del XX secolo, per motivi di carattere strettamente geografico, considerava come “l’Heartland”, il cuore, del pianeta. Secondo Mackinder, “chi governa l’Europa orientale comanda la zona centrale; chi governa la zona centrale comanda la massa eurasiatica; chi 1 governa la massa eurasiatica comanda il mondo”. L’Asia centrale è stata teatro per tutto il XIX secolo di numerosi contrasti diplomatici-militari dovuti agli interessi strategici di due delle piø grandi potenze europee dell’epoca, Gran Bretagna e Russia. L’obiettivo della Russia zarista era quello di costruire un grande impero eurasiatico e le tappe sarebbero state quelle della dissoluzione dell’impero Ottomano e della conquista dell’India. A livello geostrategico il vero obiettivo per i Russi era quello dell’accesso al Mar Mediterraneo e all’Oceano Indiano entrando in possesso di gran parte di quella zona che il geopolitico americano Nicolas John Spykman, rivisitando la teoria di Mackinder, definiva come “Rimland”, ovvero la fascia marittima e costiera che circonda l’Eurasia. Il possesso congiunto di Heartland e Rimland avrebbe portato all’inevitabile egemonia 2 militare ed economica. Fu questa minaccia che le potenze europee nel corso dell’800 si curarono di sventare, in primo luogo nella guerra di Crimea (1854-1856), nella quale la Russia cercò di impadronirsi delle attuali 1 Halford Mackinder, “The Geographical Pivot of History”, in The Geographical Journal, vol. 170 no.4, pp.421-437, citato in Svante E. Cornell, “Strategic alignment in Caucasus and Central Asia”, Journal of International Affairs, Vol.4, n°2, 1999, p.100. 2 John Spykman, “The Geography of the Peace”, New York, Harcourt, Brace and Company, 1944, p.43. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

afghanistan
asia
azerbaijan
baluchistan
brzezinski
caucaso
centrale
gas
gazprom
geopolitica
gwadar
ipi
iran
kazakistan
nabucco
north stream
pakistan
putin
russia
sco
south stream
tapi
turkmenistan
uzbekistan

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi