Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi della distribuzione del rapporto tra i sessi alla nascita nella Asl 5 della Liguria 1960-2000

E' stata effetuata un'analisi sulla distribuzione geografica e temporale del SR (Rapporto di Sesso alla nascita) nelle aree (comuni e circoscrizioni) della ASL 5 di La
Spezia, nel periodo 1960-2000. Quest’area è stata caratterizzata per quasi un secolo da fonti puntuali e diffuse di inquinamento ambientale (in parte ancora presenti). Tale analisi è stata effettuata per verificare la presenza di una tendenza geografico-temporale epidemiologicamente significativa tra questo indice di possibile effetto sanitario e gli indici di inquinamento ambientale, come IBL (Indice di Biodiversità Lichenica), GUR (Gradiente Urbano-Rurale). Inoltre, sulla base di informazioni fornite dall’ARPAL (Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente Ligure) riguardo alla ricaduta dei fumi di una centrale ENEL a carbone, è stato creato un ulteriore indice di inquinamento ambientale suddividendo il territorio
interessato in due parti: una direttamente esposta all’inquinamento, cioè la Zona A, composta dalla 5° Circoscrizione di La Spezia (che contiene la centrale) e dal Comune di Portovenere (interessato dall’inquinamento a causa dei venti prevelenti); l’altra comprendente tutte la altre aree (Zona B). E’ stato infine considerato l’Indice Di Deprivazione (IDD), come fattore di stato socio-economico e quindi potenzialmente in relazione a effetti sanitari avversi.
Per l’analisi del trend temporale del SR sono state utilizzate due distinte metodologie: il lowess e lo spline quadratico, in grado di catturare il segnale epidemiologico presente nella serie osservata e di controllare, anche se in vario modo, il relativo rumore statistico.
Trattandosi di uno studio che coinvolge popolazioni di piccola taglia e effettuato in un periodo di tempo ragionevolmente breve, sorgono problemi di inferenza statistica. Per questo motivo si tratta di uno studio di epidemiologia descrittiva, utile per produrre indicazioni aggiuntive a quelle già presenti in letteratura, e quindi in grado di corroborare o meno possibili relazioni causali tra inquinamento ambientale e salute umana.
I dati sono stati analizzati utilizzando il software statistico STATA e sono state realizzate delle cartografie con il software WINBUGS.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1 – Introduzione 1.1 – Effetti ambientali Dal secondo dopoguerra in poi sono stati sintetizzati e immessi nell’ambiente una quantità rilevante di nuovi composti chimici (xenobiotici) il cui impatto ambientale e soprattutto sanitario è spesso solo marginalmente conosciuto [1]. I livelli di inquinamento dovuti a molti di questi composti sono stati, e sono, decisamente bassi, sia perché sono rilasciati nell’ambiente a modeste concentrazioni, sia a causa dei fenomeni di diluizione. Inoltre, lo scenario ambientale futuro sarà verosimilmente caratterizzato da una drastica riduzione delle zone ad elevato inquinamento ambientale (aree ad alto rischio), a causa della dismissione e modificazione di impianti e istallazioni industriali (fonti puntuali di inquinamento, come fabbriche, discariche, inceneritori, centrali, ecc.), e da un parallelo aumento di aree a basso inquinamento (fonti diffuse di inquinamento, come emissioni da traffico auto-veicolare, chimica in agricoltura). Accanto a questo va anche considerato che basse concentrazioni di residui chimici riescono a raggiungere grandi quote di popolazioni, oltre che attraverso l’aria, anche attraverso l’acqua e gli alimenti. E’ plausibile quindi che nel prossimo futuro si assisterà a una diminuzione di quelle condizioni sanitarie che in passato hanno caratterizzato le popolazioni residenti in aree ad alto rischio e/o appartenenti a determinati gruppi socio-economici (addetti a vari processi industriali). Dall’altro lato è però altrettanto plausibile che le basse esposizioni sortiranno comunque un effetto sanitario, noto o ignoto che sia, prevalentemente a carico dei soggetti più suscettibili per propensione genetica [2], che si trovano in condizioni fisiologiche particolarmente sensibili (sviluppo, riproduzione) [3, 4] o che sono già portatori di patologie croniche (immuno depressione, diabete, ecc.). In questo quadro, l’attività riproduttiva ed embriogenetica rappresenta certamente un punto critico in quanto è una funzione particolarmente sensibile alle alterazioni che l’esposizione chimica, ma non solo chimica, a basse dosi può produrre [5]. Inoltre, è stato più volte confermata la correlazione positiva che lega i disordini riproduttivi e fetali (determinazione del sesso inclusa) con la frequenza di condizioni sanitarie molto gravi, quali i tumori [6]. E’ noto che la suscettibilità ai tossici è funzione della velocità di divisione cellulare per cui le cellule che si trovano in questa condizione, come quelle dello sviluppo embrionale e della riproduzione, mostrano un’enorme potenzialità ad assimilare tossici e, a subire da questi, danni che possono essere più facilmente trasmessi alle successive generazioni cellulari, causando alterazioni, disfunzioni e gravi danni sanitari a breve, medio e lungo termine [7]. Questo rilievo diviene ancora più importante se si considera la funzione riproduttiva in senso lato, e cioè non

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Alessandra Rosa Contatta »

Composta da 45 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 305 click dal 04/04/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.