Skip to content

L'inserimento lavorativo dei disabili: la disciplina del collocamento mirato ai sensi della legge 12 marzo 1999, n. 68

Informazioni tesi

  Autore: Claudia Montis
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze dei servizi giuridici
  Relatore: Piera Loi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

L'inserimento lavorativo dei disabili rappresenta oggigiorno una tematica dotata di emergenza sociale. Secondo le ultime stime Istat, nel nostro Paese sarebbero quasi 450.000 le persone in età da lavoro gravate da disabilità, di cui meno del 27% risulta concretamente occupato. La legge n. 68 del 12 marzo del 1999, intitolata "norme per il diritto al lavoro dei disabili", rappresenta il primo vero tentativo del legislatore di dare risposta all'esigenza di compromesso tra diritto all'iniziativa economica privata e diritto al lavoro del disabile. Questa legge va a sostituire al vecchio concetto di collocamento obbligatorio istituito dalla legge previgente, la legge 482 del 1968, la nuova idea di un collocamento "mirato", fondata sulla valutazione delle concrete capacità lavorative e relazioni del soggetto e crea quella serie di strumenti tecnici e di supporto necessari al fine di associare lavoratore adatto a posto di lavoro adatto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L’obiettivo che questo nostro lavoro persegue è quello di affrontare una tematica oggi dotata di una sua emergenza sociale. L’importanza di un intervento di normazione non è certamente valutabile attraverso il numero di persone a cui si rivolge, ma di sicuro attraverso questo dato si percepisce quale sia la portata che il problema dell’inserimento dei soggetti disabili nel mondo del lavoro ha assunto ai giorni nostri. Utilizziamo quindi, quale punto di partenza della nostra trattazione, le ultime stime Istat, relative al 2004, svolte in collaborazione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nell’ambito del progetto “Sistema di informazione statistica sulla disabilità” 1 , volte a individuare il numero di persone con disabilità nel nostro Paese. L’indagine ha evidenziato che in Italia vi è una popolazione con disabilità pari a circa 2 milioni e 800 mila, di cui 449.000 sono persone che hanno età compresa tra i 15 e i 64 anni. Di questi soggetti in età lavorativa solo il 26,5% è occupato. Muovendo dalla convinzione di partenza che per poter parlare di integrazione lavorativa dei disabili è necessario in primo luogo comprendere come nel tempo si sia evoluto a riguardo l’atteggiamento dell’organizzazione sociale, descriveremo la “via italiana all’attenzione all’ handicap ” e quello che è stato il percorso di sviluppo delle risposte istituzionali al problema cercando di sottolineare, di volta in volta, come tali risposte non siano altro che l’espressione di un determinato periodo storico e della cultura dell’ handicap vigente nel periodo. Il primo capitolo offre una panoramica del lento processo di maturazione in ambito di integrazione sociale e lavorativa dei disabili svoltosi in Italia a partire dal periodo pre-costituzionale sino ai giorni nostri. L’analisi quindi parte da un periodo in cui gli unici interventi normativi a riguardo si limitavano a riconoscere benefici previdenziali e assistenziali. Solo la Costituzione Repubblicana porrà le basi istituzionali per un pieno riconoscimento dei diritti delle persone con disabilità, chiarendo il ruolo dello Stato nel guidare le istituzioni verso un pieno riconoscimento di questi soggetti. Questo lungo cammino vede quale tappa fondamentale del percorso la legge 482 del 1968, che istituirà il sistema del collocamento obbligatorio. Ma tale normativa, avente natura impositiva, impersonale e ispirata prettamente a ragioni burocratiche, 1 Su sollecitazione dell'art. 41-bis della l. n.162/1998, all’inizio del 2000 il Dipartimento per gli Affari Sociali della Presidenza del Consiglio ha assegnato all’ISTAT il compito di costituire un insieme coordinato e integrato di fonti statistiche sulla disabilità che consenta di fare programmazione sulla base di dati completi e affidabili. Il progetto nel suo complesso è finalizzato a fornire, mediante l’analisi dei bisogni, delle condizioni sociali e di salute della popolazione con disabilità, un supporto per le politiche e per la programmazione delle attività di assistenza, sostegno ed integrazione, nonché per il monitoraggio dello stato di attuazione della normativa sul territorio con particolare attenzione ai più recenti interventi legislativi. In particolare, l’obiettivo principale dell’indagine è l’analisi del livello di integrazione sociale delle persone con disabilità e l'analisi dei fattori che ne ostacolano la piena partecipazione. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

collocamento disabili
collocamento mirato
collocamento obbligatorio
lavoro disabili

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi