Skip to content

Concetto di costo standard nel federalismo fiscale

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Viganò
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia bancaria
  Relatore: Salvatore La Porta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

Le linee guida della legge delega sono da ricondurre a cinque caratteristiche principali: prima di tutto il testo persegue la realizzazione di principi largamente condivisibili come la responsabilità, l’autonomia e la solidarietà; in secondo luogo si prevede il superamento del criterio della spesa storica in favore del nuovo sistema basato sui costi e fabbisogni standard; è inoltre prevista una divisione tra il federalismo regionale e locale, che comporta un diverso modello di perequazione; poi vi è la caratteristica che più si discosta dallo schema tradizionale del federalismo, ossia la centralità dello Stato nella definizione del sistema tributario per ogni livello di governo; infine è previsto un periodo transitorio di cinque anni in cui attuare il progressivo superamento della spesa storica a favore dei costi standard. Il contenuto del testo ha ancora carattere generale, ma con i decreti legislativi previsti all’articolo 2, il nuovo sistema fiscale avrà un quadro molto più preciso. Di questi sono stati emanati quelli riguardanti la materia del federalismo demaniale, quello che disciplina i fabbisogni standard dei Comuni e delle Province, quello relativo a Roma Capitale e, ultimo cronologicamente, il decreto relativo all’autonomia regionale/provinciale e alla determinazione dei costi e fabbisogni standard nella sanità. E’ in via di definizione invece il decreto riguardante la definizione dei meccanismi di premialità e sanzione nei confronti delle amministrazioni che non rispettano gli obiettivi imposti dal nuovo sistema di finanza pubblica. La completa attuazione del federalismo sarà però rinviata a numerosi provvedimenti amministrativi applicativi (ne occorrono diciotto solamente per il decreto relativo al federalismo municipale).
Alla fine del processo di attuazione sarà quindi possibile dare dei giudizi concreti sul contenuto di questa grande riforma. Nel frattempo però c’è da ricordare che il federalismo fiscale è un assetto istituzionale complicato, costoso e di non facile organizzazione, utile a unire società fortemente divise o, come nel nostro caso, economicamente scisse. Pertanto non si può pensare di realizzare tale sistema senza dover sostenere dei costi, e questo deve essere ben chiaro a tutti i contribuenti. Inoltre, la buona riuscita della riforma non è assicurata. Sono ancora molti infatti i punti che scatenano il dibattito nel mondo politico, come per esempio la corretta individuazione dei costi standard, elemento su cui è incentrata tutta la riforma. La loro definizione è stata proposta da molti, ma la più corretta corrisponde al costo di riferimento della produzione, di un bene o di un servizio, nella condizione di migliore efficienza ed utilità. Il vero problema dei costi standard è invece quello di trovare il giusto metodo statistico-matematico per calcolarli, e allo stesso tempo creare una rete capace di raccogliere dati statistici affidabili e veritieri. Anche il decreto 68/2011 relativo all’individuazione dei costi standard nel settore sanitario non chiarisce il loro calcolo concreto, scatenando dubbi sul fatto che l’attuale classe politica non abbia assolutamente idea di come legiferare su questo spinoso argomento. Il sistema di raccolta dei dati dovrà basarsi per forza sulle dichiarazioni delle Regioni, le quali non sempre hanno a disposizione le informazioni degli anni precedenti. Sono da evitare inoltre dichiarazioni opportunistiche da parte di quelle Regioni che avrebbero interesse a fornire dati falsi per poter usufruire di fondi perequativi, o addirittura per evitare di contribuire a finanziare tali fondi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 232 !4!! 2 2 ! 2 2 25 !2 !5 +6*+0*7 228 22 42!$ 2382! 22! !! 2 ! ) 2 23 2 !29!! 9 9 ! 59!!2 9 9 4 8 255 %2442! 2225 #! +67+ #:;#: <22! %++*=+> 5+67+9 3 5! +6*+0*7 ! 22!29 42

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi