Skip to content

“Narrare i rifiuti. Le immagini della spazzatura nei romanzi di Barbaro, Teobaldi e Riccarelli”

Informazioni tesi

  Autore: Sara Stangherlin
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filologia e letteratura italiana
  Relatore: Ilaria Crotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 208

La mia ricerca si propone di indagare il rapporto tra la letteratura e l’universo degli scarti attraverso l’analisi di tre romanzi italiani contemporanei incentrati sul tema dei rifiuti: L’impresa senza fine di Paolo Barbaro, La discarica di Paolo Teobaldi, Stramonio di Ugo Riccarelli.
La spazzatura, ricca di molteplici valenze, da fastidioso ingombro quotidiano si rivela immagine forte del rimosso sociale e individuale.
Gli scrittori, per leggere nei detriti l’essenza dell’uomo, si servono di protagonisti ai margini, calati in una postmoderna discesa agli inferi; di spazi in ombra, come la discarica; di una concezione del tempo che, grazie alla mediazione degli oggetti non-funzionali, sembra riunire passato, presente e futuro.
I rifiuti vengono narrati sia per tentare di dominare il caos, salvando ciò che ha valore e gettando il resto, così da diffondere un’etica ambientale senza stucchevolezze, sia per scongiurare una crisi generalizzata che vorrebbe la letteratura ridotta a una catasta di carta da macero.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Spazzatura, tra realtà e simbolo Rifiuti, scarti, scorie e oggetti abbandonati assediano le nostre vite, nonostante ci si sforzi di ignorarli, scansarli e nasconderli in quanto cifra scomoda della civiltà e dell‟esistenza. La spazzatura è ovunque: invade le strade delle città, i binari della ferrovia, i quartieri affollati e quelli abbandonati, le zone industriali, i sentieri naturali, le spiagge, i corsi d‟acqua e il mare. Come se non bastasse, decine di migliaia di rottami orbitano nello spazio attorno alla terra costituendo rischi per le missioni spaziali e compromettendo persino la luminosità del firmamento. Non va dimenticato che tutto quello che non è direttamente percepibile a occhio nudo è ancora più insidioso; è sufficiente considerare le microparticelle presenti nell‟aria, i veleni che corrompono le falde e i percolati delle discariche che penetrano nel terreno. Infine ci sono le scorie radioattive, incompatibili con qualsiasi forma di vita e interrate in aree “lontane da casa”, come se la distanza bastasse a eliminare un problema che comporta, letteralmente, lunghissimi tempi di decadimento. Lo scenario circostante assomiglia sempre più a quello di Leonia, città invisibile – diventata oggi visibilissima – descritta anzitempo da Italo Calvino. Leonia «rifà se stessa tutti i giorni» circondandosi di cose «nuove fiammanti» e gettando sui marciapiedi «i resti d‟ieri» che aspettano di essere portati via, il più distante possibile dagli occhi dei cittadini, dal carro salvifico dello spazzaturaio. Il risultato è che «più Leonia espelle roba, più ne accumula», tanto che la sua unica forma possibile è costituita dalle «spazzature d‟ieri che s‟ammucchiano sulle spazzature dell‟altroieri e di tutti i suoi giorni, anni, lustri». Il suo pattume invaderebbe il mondo se, fuori dai suoi confini, non

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rifiuti
letteratura
barbaro
discarica
augé
spazzatura
teobaldi
riccarelli
scavenger
hrabal

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi