Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il settore metalmeccanico nel distretto di Monza e Brianza

Il settore metalmeccanico nel distretto industriale di Monza e Brianza
Il presente lavoro si propone di offrire un quadro d’insieme, il più esaustivo e completo possibile, della situazione e dell’evoluzione delle piccole e medie imprese afferenti al settore metalmeccanico nella provincia di Monza e Brianza, evidenziando i fattori più critici e le problematiche incontrate nelle aree strategiche della gestione aziendale.
Nell’ambito del primo capitolo ho cercato di delineare le dinamiche congiunturali e strutturali del comparto metalmeccanico italiano, attraverso l’analisi sia dell’andamento dei principali indicatori industriali relativi a produzione, valore aggiunto e interscambio estero, sia della distribuzione delle imprese del settore presenti sul territorio nazionale.
Nel secondo capitolo, all’interno del quale è maggiormente riscontrabile il mio contributo, ho ristretto il campo d’analisi al territorio di Monza e Brianza, prendendo in esame i dati statistici estrapolati dai questionari compilati da un campione d’imprese del metalmeccanico associate a Confindustria. L’indagine delle sei aree strategiche aziendali (organizzazione commerciale, internalizzazione, produzione e innovazione, risparmio energetico e tutela ambientale, accesso al credito, passaggio generazionale) ha permesso di identificare i punti di forza e di debolezza delle imprese oggetto di analisi, in modo tale da descriverne lo stato di salute e determinare gli eventuali interventi migliorativi da intraprendere.
Nell’ambito del terzo capitolo ho approfondito il tema dell’innovazione, analizzando i principali modelli che descrivono il processo innovativo, presenti nella letteratura economica. A tal riguardo è emerso il ruolo fondamentale ricoperto dalle reti d’imprese nella diffusione di competenze e di conoscenze tra i diversi attori, in modo da agevolare lo sviluppo dell’innovazione, che necessariamente deve coinvolgere anche le istituzioni.
Bibliografia di riferimento
Alcuni dei testi che mi hanno fornito il maggior supporto nella realizzazione di questo elaborato sono stati i seguenti:
 BRAMANTI ALBERTO, 2009, Lo sviluppo territoriale nell’economia della conoscenza: teorie, attori, strategie, Franco Angeli Editore, Milano
 DE LUCA AMEDEO, 2009, Innovazione e competitività delle PMI in Italia, Franco Angeli Editore, Milano
 DI GREGORIO ANGELO, 1991, Lo sviluppo sui mercati internazionali: analisi per le decisioni, Isedi Editore, Torino
 FIOM, 2010, Osservatorio sull’industria metalmeccanica, Anno X, n. 29, a cura dell’Ufficio economico Fiom
 GHEZZI SIMONE, 2007, Etnografia dell’imprenditorialità in Brianza: antropologia di un’economia regionale, Franco Angeli Editore, Milano
Inoltre, di fondamentale importanza per l’analisi congiunturale del settore metalmeccanico in Italia, sono stati i dati forniti dall’Associazione Sindacale dell’Industria Metalmeccanica Italiana (Federmeccanica) e dall’Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT).

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Gli scenari economici negli ultimi anni sono stati caratterizzati da una notevole instabilità. In questo contesto, il ruolo della piccola e media impresa ha contribuito a mantenere una certa solidit{ dell’industria italiana, non senza incontrare problematiche soprattutto legate alla sua particolare struttura organizzativa. Nel tessuto imprenditoriale italiano, caratterizzato da sempre dalla massiccia presenza di imprese di piccole e medie dimensioni, il settore manifatturiero, e in particolar modo quello del metalmeccanico, rappresenta ormai una

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali

Autore: Gianluca Paese Contatta »

Composta da 376 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 967 click dal 21/12/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.