Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Proposta di un museo multimediale del mare

Il mio lavoro è finalizzato alla descrizione, in un quadro completo, dell' Area Marina Protetta "Punta Campanella", nonchè alla progettazione di un Museo Multimediale del Mare, con sede all'Istituto "Nino Bixio" di Piano di Sorrento, avente come tema “viaggio sottomarino alla scoperta delle meraviglie dell’A.M.P di “Punta Campanella,” con scopo di divulgare al pubblico la conoscenza della nostra flora e fauna mediterranea e alla sensibilizzazione verso il problema della tutela del patrimonio naturale.
Ciò consentirebbe di valorizzare le risorse naturalistiche della zona, soddisfacendo così anche la gran massa di visitatori.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione La necessità di salvaguardare e valorizzare l’ambiente naturale di una particolare area, incita lo sviluppo e la realizzazione di poli attrattivi in tutta l’Europa,quali le A.M.P. L’A.M.P. usticese è la prima ad essere stata istituita in Italia ed offre al visitatore numerose attività, mentre quella di Port-Cros è stata la prima in Europa. Di rilevante importanza è anche quella spagnola che ho scelto per le sue particolarità naturalistiche. Nel nostro paese è prevista la protezione di ben 52 aree marine: in 25 di queste aree esistono già misure concrete di protezione. Negli ultimi anni, in applicazione di una concezione moderna della tutela ambientale aperta alla fruizione sostenibile del mare, la dizione area marina protetta ha sostituito il termine riserva, legato a un’idea di sottrazione del mare alle attività dell’uomo. La concezione delle aree marine protette italiane, infatti, sta diventando gradualmente più elastica e cerca di abbinare la protezione ambientale alle esigenze socio-economiche dei territori interessati. Per meglio raggiungere questi scopi ogni area marina protetta prevede una zonazione (A, B e C) del territorio tutelato, suddividendo gli ambiti a diverso grado di protezione. La zona A, di riserva integrale, generalmente interdetta a tutte le attività che possano arrecare danno o disturbo all’ambiente marino, è il vero cuore, sottoposta alla più alta protezione per garantire la tutela della biodiversità e il ripopolamento delle specie. Al confine con la zona di protezione integrale si trova la zona B, di riserva generale, dove i vincoli imposti cercano di coniugare la conservazione dei valori ambientali con la fruizione compatibile dell’ambiente marino.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Novella Pollio Contatta »

Composta da 112 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 725 click dal 13/01/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.