Skip to content

Allattare al seno oggi. La difficile opzione tra maternità e ruolo sociale della donna

Informazioni tesi

  Autore: Costanza Gallina
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Gian Giuseppe Del Corno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

L’allattamento materno, oggi come in passato, è considerato il modo normale di alimentare i bambini, un atto naturale e pratico: protegge il neonato dalle infezioni, è privo di germi pericolosi, è a portata di mano e sempre pronto all’uso.
La mamma allattando il neonato riduce il proprio rischio di infarto, lo sviluppo di cardiopatie, di ictus, tumore mammario e osteoporosi.
Al seno, il bambino trova l’amore e la sicurezza necessari per un corretto sviluppo psicofisico.
Allattando la mamma, prende coscienza del legame profondo con suo figlio e di quanto il suo bambino dipenda da lei: è un modo per accudirlo, confortarlo e fargli percepire quanto grande è il suo amore.
In particolare, l’allattamento al seno, può essere considerato una pratica abbastanza comune, che si ripete diverse volte in una giornata e se sperimentato costantemente dal bambino, crea le basi per lo sviluppo di un sé autonomo e scoraggia l’insorgenza di disturbi psicologici futuri.
Come altre nazioni, anche l’Italia è ancora lontana dalle indicazioni internazionali, in particolare dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (O.M.S.) e dell’UNICEF, che raccomandano come nutrimento per i bambini soltanto latte materno sino al sesto mese di vita compiuto.
Oggi, ci si è resi conto di come l’allattamento al seno possa rappresentare per molte donne un ostacolo e di come spesso la scelta di ricorrere all’allattamento artificiale sia motivata dalla non conoscenza circa l’allattamento al seno.
Nella tesi si cercherà di mettere in luce come l’allattamento al seno sia sotto stretto controllo sociale, culturale e politico e come questi fattori ne possono condizionare il successo o il fallimento.
Inoltre si prenderà in esame il comportamento degli educatori nei confronti della donna, futura madre e di come essi debbano favorire un idoneo stato psico-fisico della nutrice durante l’allattamento al seno, ai fini di recuperare il valore di questa pratica per poterla classificare come miglior alimento per il neonato nei primi sei mesi di vita.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione L’allattamento materno, oggi come in passato, è considerato il modo normale di alimentare i bambini, un atto naturale e pratico: protegge il neonato dalle infezioni, è privo di germi pericolosi, è a portata di mano e sempre pronto all’uso. La mamma allattando il neonato riduce il proprio rischio di infarto, lo sviluppo di cardiopatie, di ictus, tumore mammario e osteoporosi. Alcuni ricercatori, analizzando circa 140 mila donne in età post-menopausa, hanno scoperto che le madri che avevano allattato per oltre un anno erano il 10% meno a rischio di sviluppare queste patologie rispetto a chi aveva sempre usato il biberon o latte in polvere. Vari ricercatori, inoltre, hanno notato che l'impatto positivo dell'allattamento sulla salute della mamma dura per decenni. Inoltre allattare al seno il bambino attaccare il piccolo al seno per oltre un anno riduce del 12% il pericolo di ipertensione e del 20% circa quello di diabete e colesterolo alto per la madre. Al seno, il bambino trova l’amore e la sicurezza necessari per un corretto sviluppo psicofisico. Allattando la mamma, prende coscienza del legame profondo con suo figlio e di quanto il suo bambino dipenda da lei: è un modo per accudirlo, confortarlo e fargli percepire quanto grande è il suo amore. Gran parte delle ricerche in campo psicologico che si sono occupate delle prime fasi dello sviluppo infantile hanno preso in considerazione il ruolo della relazione genitore/bambino, con particolare riferimento all’allattamento al seno, per la crescita di una personalità “sana”. Si è messo in luce, oltre alle complesse competenze percettive e cognitive dei bambini, anche le precoci capacità relazionali, sottolineando l’importanza degli scambi affettivi ed emotivi tra il piccolo e le persone che si prendono cura di lui. In particolare, l’allattamento al seno, può essere considerato una pratica abbastanza comune, che si ripete diverse volte in una giornata e se sperimentato costantemente dal bambino, crea le basi per lo sviluppo di un sé autonomo e scoraggia l’insorgenza di disturbi psicologici futuri. Un genitore che riesce a comprendere i segnali di fame-sazietà del suo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

donna
unicef
allattamento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi