Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodologia di analisi dei sedimenti per il monitoraggio ambientale dello stagno di Santa Giusta

L’attività di tirocinio si è svolta presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto per l’Ambiente Marino Costiero (CNR-IAMC), situato in località Sa Mardini - Torregrande (Oristano).
L’obiettivo dell’Istituto è di promuovere la ricerca scientifica, la cooperazione internazionale, la formazione e la diffusione, finalizzata alla corretta gestione delle bio-risorse e dell’ambiente marino Mediterraneo, contribuendo così a una politica per lo sviluppo sostenibile del territorio.
Le linee principali di ricerca dell’Istituto sono la Biologia degli organismi, gli Ecosistemi costieri e l’Oceanografia.
Durante il tirocinio, svoltosi principalmente nei laboratori di chimica e sedimentologia, ho appreso e acquisito la metodologia e le tecniche di analisi dei sedimenti, studiando in particolar modo quelli provenienti dallo stagno di Santa Giusta.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. Premesse 1.1 Introduzione L’attività di tirocinio si è svolta presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto per l’Ambiente Marino Costiero (CNR-IAMC), situato in località Sa Mardini - Torregrande (Oristano). L’obiettivo dell’Istituto è di promuovere la ricerca scientifica, la cooperazione internazionale, la formazione e la diffusione, finalizzata alla corretta gestione delle bio-risorse e dell’ambiente marino Mediterraneo, contribuendo così a una politica per lo sviluppo sostenibile del territorio. Le linee principali di ricerca dell’Istituto sono la Biologia degli organismi, gli Ecosistemi costieri e l’Oceanografia. Durante il tirocinio, svoltosi principalmente nei laboratori di chimica e sedimentologia, ho appreso e acquisito la metodologia e le tecniche di analisi dei sedimenti, studiando in particolar modo quelli provenienti dallo stagno di Santa Giusta. Infatti, l’analisi delle caratteristiche chimiche e fisiche dei sedimenti, riveste una notevole importanza nello studio degli ambienti di transizione, come le lagune e gli stagni costieri ed è utile per capire le condizioni ambientali di questi particolari ecosistemi. Questi ambienti, infatti, sono aree ad elevata produttività e quindi cruciali per la sopravvivenza di molte specie utili all’uomo, quali invertebrati, pesci, uccelli e mammiferi. Oltre a rivestire un’importanza umana, culturale ed economica, queste zone umide costituiscono un ambiente naturale di rara bellezza dal punto di vista paesaggistico e faunistico, ospitando una grande varietà di avifauna, fra cui alcune specie ormai rare, che nidificano fra le molteplici varietà di flora. Attualmente, le attività di pesca e itticoltura hanno dato vita a un turismo eno- gastronomico che spesso si accompagna ad una sana attività sportiva. Va comunque ricordato che si tratta di habitat estremamente delicati: l’equilibrio biologico rischia, infatti, di rompersi ogniqualvolta gli stress ambientali e il degrado dovuto all’inquinamento e ad altri fattori antropogenici, agiscono negativamente sulla riproduzione, distribuzione e sopravvivenza di numerose specie di notevole interesse naturalistico e commerciale. Inoltre, tali ambienti, che spesso si trovano nei pressi di centri urbani o industriali, sono sempre più condizionati da fattori di produzione eccessiva di nutrienti e materia organica, soprattutto come conseguenza diretta (es. scarico di acque reflue, acquacoltura) o indiretta (es. eutrofizzazione) delle attività umane (P. Magni, 2007). Infatti, un eccesso di sedimentazione di materia organica, in condizioni di aumento di temperatura, può portare a elevati tassi di batteri solfato-riduttori, alla riduzione di ossigeno e al successivo rilascio nell’acqua di acido solfidrico (H 2 S) tossico, in concentrazioni superiori alla soglia di tolleranza per la maggior parte degli organismi acquatici animali. Questo fenomeno è legato all’accumulo sul fondo di grandi quantità di materia organica che non viene ossidata a causa dello scarso ricambio d’acqua e del clima caldo-umido che in Sardegna prevale per lunghi periodi dell’anno: il risultato è il verificarsi di uno stato di anossia che porta al collasso dell’intero sistema.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Ambientali

Autore: Claudia Scintu Contatta »

Composta da 34 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 308 click dal 15/06/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.