Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La confraternita Senussita e la politica in Libia: un compromesso tra le tribù e lo stato

La tesi analizza il ruolo delle organizzazioni tribali nella politica libica. Questo obiettivo è stato svolto ripercorrendo la storia della nazione dalla formazione della Confraternita religiosa Senussita nel secolo XIX, passando per il periodo dei fasti e dei massacri del colonialismo italiano, approdando infine a Re Idris I, a Gheddafi e alla guerra civile del 2011.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE: L’oggetto centrale di questa tesi è la confraternita senussita, organizzazione religiosa e poi politica che ha avuto un ruolo fondamentale nella storia della nazione libica nel secolo scorso. Ciò che di essa ci interessa particolarmente, è il processo che, nell’arco di un secolo, ha portato questa tariqah a cambiare profondamente la sua natura, inizialmente religiosa, poi economica e politica. Qui analizzeremo allora, i fattori che hanno reso possibile questa evoluzione, descrivendo da un lato le strategie messe in atto dai quadri dell’organizzazione per riunire sotto la propria bandiera le tribù beduine cirenaiche, dall’altro ponendo un’attenzione particolare al periodo storico, il quale è stato a sua volta un fattore determinante in questo processo. Partendo dal caso particolare dei beduini cirenaici, si cercherà di analizzare le cause che hanno portato le differenti tribù a mettere da parte le animosità interne al loro sistema sociale per condurre assieme una lotta, spesso impari, contro gli eserciti delle potenze europee. Parallelamente si prenderà in considerazione l’utilizzo che di questa unione intertribale è stato fatto dai capi dell’organizzazione senussa, con fini prettamente politici, ovvero, per far valere i propri diritti su dei territori prima, di fondare e di far riconoscere un proprio stato poi. Dopo aver analizzato le politiche prese dalla classe dirigente verso il popolo, da chi detiene il potere alle masse, concluderemo questa ricerca illustrando come, nonostante tutto, in Libia, siano le tribù e il loro sistema di forze, gli agenti ultimi delle scelte politiche del paese. Cercheremo di dimostrare come, in una realtà come quella dello stato libico, la “Hydrocarbon Society” di cui parla Davis, siano in realtà i rapporti tra tribù i veri responsabili della politica ufficiale, quella attuata dai governanti e dai capi di stato. Questi ultimi, infatti, sono spesso obbligati a sottostare a questo sistema e non viceversa. I fatti trattati in questo lavoro occupano un arco temporale che va dalla seconda metà del secolo XIX, periodo in cui la Senussia prende forma e si insedia in Cirenaica, alla seconda metà del secolo XX che vede la fine della monarchia senussita e la presa del potere, ispirata da idee rivoluzionarie, da parte di un manipolo di uomini tra cui spiccherà presto la figura di Muhammar Gheddafi. Un altro aspetto che viene trattato in questo lavoro è la questione dell’identità senussa, già affrontata, per quanto riguarda i beduini cirenaici, negli anni ’40 dall’antropologo inglese Evans-Pritchard. Penso che il dibattito sull’identità sia sempre attuale poiché è un sentimento, quello identitario, di cui l’uomo non può fare a meno. Il suo stare nel mondo è vincolato da esso ed

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Niccolò Ghione Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1084 click dal 31/08/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.