Skip to content

La confraternita Senussita e la politica in Libia: un compromesso tra le tribù e lo stato

Il colonialismo e i suoi effetti sulla società beduina cirenaica

Il concetto di identità, centrale nella riflessione antropologica, almeno fino agli anni sessanta del secolo scorso è stato utilizzato, salvo pochi casi virtuosi, in modo acritico. Gli antropologi della prima metà del novecento erano soliti operare le loro analisi da un punto di vista astorico. Questo metodo di indagine portava a considerare le etnie africane (e non) come se fossero dei fossili sociali, immutati nel tempo e immutabili. A partire dagli anni cinquanta, invece, il discorso antropologico incominciò a dotarsi di un elemento, la Storia, dalla quale la disciplina, per svolgere delle buone ricerche, non si potè più dissociare. L’introduzione dell’elemento temporale in questo campo del sapere cambiò, seppur lentamente, il modo di fare antropologia. Per cominciare la descrizione delle etnie veniva meno ed era sostituita dall’analisi delle etnicità, ovvero del modo con cui gli individui si riconoscono e si identificano in un gruppo umano formatosi storicamente.

I principali artefici di questo cambiamento del punto di vista sono stati gli antropologi sociali britannici. Pensiamo ad esempio alla grande differenza tra le prime e le ultime ricerche di Evans-Pritchard, antropologo cresciuto in un ambiente intellettuale antistoricistico, fardello difficilmente eliminabile poiché riguardante in primo luogo altre eminenti figure della scuola inglese come Malinowski e Radcliffe-Brown. Un esempio di questo cambio di rotta all’interno del metodo dell’antropologo inglese si può osservare accostando due delle sue opere più conosciute, ovvero “The Nuer: a description of the Modes of Livelihood and Political Institution of a Nilotic People”, pubblicato nel 1940 e “The Sanusi of Cyrenaica”, pubblicato a nove anni di distanza. Il primo lavoro è sostanzialmente “un’indagine oggettiva che prende in esame i fatti sociali e li analizza alla luce di un modello teorico”, dove ogni accenno al periodo storico e politico è assente.

Dall’altro lato, l’opera sui Senussi appare come una pesante condanna del colonialismo dove l’autore, accanto ad una esauriente descrizione del periodo storico e politico in cui colloca l’analisi antropologica, si lascia anche trasportare dal coinvolgimento emotivo e da affermazioni dal carattere prettamente personale. Se da un lato si può giustamente osservare che Evans-Pritchard entri nel merito della condanna del colonialismo solo quando si riferisce alle malefatte di altre nazioni che non siano quella inglese, dall’altro si deve notare come una ricerca antropologica non avrebbe più senso se non inserita in un contesto storico ben definito. L’introduzione della storia nello studio antropologico apportò all’interno della disciplina una serie di cambiamenti radicali. In primo luogo essa dovette mettere in discussione quei termini di cui aveva fatto, in passato, un vasto e acritico uso, primi fra tutti i concetti di etnia e di identità. A smontare l’idea che l’etnia sia un sentimento obiettivo, naturale, immutabile, le cui caratteristiche sono iscritte nell’essenza dei suoi rappresentanti, facilmente riconoscibili e classificabili, negli ultimi cinquant’anni hanno dedicato il loro tempo moltissimi studiosi.
[…]
Questa coscienza si è sviluppata nella disciplina antropologica non a caso in un periodo storico così interessante come quello della decolonizzazione, avviata in gran parte degli stati africani dalla seconda metà del secolo XX. Sebbene già durante il periodo della colonizzazione vera e propria una diffusa formazione di nuove etnie si sia manifestata negli stati africani, dove le potenze occidentali avevano messo in atto ogni espediente per frazionare i gruppi locali, il periodo della decolonizzazione fu particolarmente interessante poiché, come mostrano Jean-Loup Amselle ed Elikia M’Bokolo, una gran massa di individui, per concorrere nei vuoti di potere lasciati liberi nei nascenti stati decolonizzati, si costituì a gruppo etnico (auto)giustificandone l’esistenza nei modi più diversi. Quindi fu questo un periodo molto stimolante per studiare la formazione di nuove etnie, sorte a scopi politici o economici.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La confraternita Senussita e la politica in Libia: un compromesso tra le tribù e lo stato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Niccolò Ghione
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze sociologiche
  Relatore: Paola Sacchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fascismo
guerra
libia
colonizzazione
idris
tripoli
omar al-mukhtar
fezzan
tripolitania
senussi
gheddaffi
confraternita senussita
beduini
cirenaica
guerra civile libica
rodolfo graziani
confraternita religiosa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi