Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Problematiche informatico-giuridiche degli SMS e degli MMS

Al giorno d’oggi, le principali modalità di comunicazione utilizzate dall’uomo sono fortemente legate alle nuove tecnologie, radicate sempre più nella vita degli individui e nelle attività quotidiane. La maggior parte delle relazioni interpersonali avviene ormai quasi essenzialmente tramite l’utilizzo del telefono cellulare o di Internet:attraverso i servizi di trasmissione dei dati questi strumenti sono capaci di rendere più facile e veloce lo scambio di informazioni a distanza. Se da un lato l’evoluzione tecnologica della comunicazione ha espanso e potenziato l’ammontare delle informazioni che vengono custodite e inviate in forma digitale, dall’altro la criminalità ha trovato terreno fertile per realizzare nuovi crimini. Perciò le apparecchiature appartenenti a questa "era digitale" vengono identificate come le nuove protagoniste dei reati più recenti, denominati "reati elettronici". Anche la giurisprudenza si è dovuta adattare al cambiamento creando il concetto di "prova digitale" (digital evidence). In questi ultimi anni gli esperti di settore si stanno sempre più interessando a questo fenomeno in continua espansione, che causa ambiguità tecnico-giuridiche in relazione alla gestione delle prove digitali. Il titolo dell’elaborato Problematiche informatico-giuridiche degli SMS e degli MMS sposta l’attenzione sulle procedure di corretta acquisizione e produzione in un giudizio civile e penale di prove digitali o documenti informatici, in particolare a SMS (short messaging service)e MMS (multimedia messaging service). L’obiettivo primario è di capire come questi sistemi di trasmissione dei dati possano essere regolarmente ammessi in un procedimento, diventando prova idonea a influenzare l’andamento del processo civile o penale per il quale sono presentati. Il tema è stato diviso in tre ambiti. Il primo, di carattere tecnico, verterà sulla spiegazione delle caratteristiche basilari e delle funzionalità essenziali del mezzo di comunicazione al momento più diffuso e considerato dall’uomo moderno uno status symbol: il telefono cellulare. Si esamina il modulo elettronico a microprocessore a cui il device è collegato, la SIM card e si elencano gli elementi essenziali contenuti in esso, considerati utili agli occhi dell’esperto ai fini di un’indagine investigativa. Si analizzano le due forme di comunicazione per le quali il telefono cellulare è principalmente utilizzato: SMS ed MMS. Si esaminano le loro modalità di transazione delle informazioni fra dispositivi, dopo averne elencato le fondamentali peculiarità e le qualità. Il secondo ambito in esame è quello processuale-forensics, nel quale si illustra la scienza che si occupa del recupero di una o più prove digitali di interesse investigativo presenti in un qualsiasi device situato direttamente sulla scena del crimine: il Mobile Forensics, uno dei settori relativamente nuovi della scienza del Digital Forensics. Si descrivono le modalità con cui la prova digitale è classificata tale e la figura del cyber-investigatore e ci si chiede come possa assicurare l’integrità, la non ripudiabilità e la genuinità della prova acquisita durante le indagini forensi. L’attenzione è poi spostata sullo studio delle differenti procedure che compongono il processo di Mobile Forensics in modo da riconoscere quale possa essere la gestione più corretta e adeguata della prova informatica che ne permetta l’utilizzo in un dibattimento civilistico o penalistico. Il terzo settore sviluppato è quello prettamente giuridico. Si cerca di spiegare quale possa essere la giusta produzione in giudizio civile e penale della prova informatica:in relazione al processo civilistico, viene esaminato il documento informatico sottoscritto con firma digitale e le problematiche che conseguono alla non presenza della firma elettronica. Attraverso sentenze della Corte di Cassazione, si approfondiscono i motivi di eventuale disconoscimento del documento informatico da parte di colui contro il quale viene prodotto e si cerca di comprendere quale possa essere la valenza probatoria della prova digitale sotto esame. Si prova ad indicare quali possano essere le prassi e le procedure corrette e precise da seguire per ottenere una valida presentazione documentale digitale nel corso di un procedimento civilistico, senza rischiare di incorrere in contestazioni provenienti da parte del giudice o della controparte. Del processo penalistico, si analizzano le differenti metodologie di ricerca della prova evidenziandone le caratteristiche, con sentenze non solo della Corte di Cassazione, per delineare una corretta acquisizione e conservazione della prova digitale da presentare in processo. Infine si provvede a fornire un excursus sulla perizia, dando particolare rilievo alle figure del perito e dei consulenti tecnici. Per la perizia si cerca di chiarire, attraverso sentenze, quanto sia importante la sua validità scientifica e l’idoneità processuale per una corretta produzione di digital evidence in un giudizio penale.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Al giorno d’oggi, le principali modalità di comunicazione utilizzate dall’uomo sono fortemente legate alle nuove tecnologie, ormai radicate sempre più nella vita degli individui e nelle attività quotidiane. La maggior parte delle relazioni interpersonali avviene ormai quasi essenzialmente tramite l’utilizzo del telefono cellulare o di Internet: attraverso i servizi di trasmissione dei dati quali, come SMS, MMS o e-mail, questi strumenti sono in grado di rendere più facile e veloce lo scambio di informazioni a distanza. Se da un lato l’evoluzione tecnologica della comunicazione (telefoni cellulari, personal computer, tablet e smartphone) ha espanso e potenziato l’ammontare delle informazioni che vengono custodite e inviate in forma digitale, dall’altro lato la criminalità ha trovato terreno fertile per realizzare nuovi crimini. È proprio per questo motivo che le apparecchiature appartenenti a questa nuova era, detta “era digitale”, vengono identificate come le nuove protagoniste dei reati più recenti, che vengono di conseguenza denominati “reati elettronici”. Anche la giurisprudenza si è dovuta adattare al cambiamento, creando così il concetto di “prova digitale” (digital evidence). In questi ultimi anni, infatti, le forze dell’ordine, i consulenti tecnici, gli investigatori e gli studiosi del diritto e dell’informatica si stanno sempre più interessando a questo fenomeno in continua espansione, che causa ambiguità tecnico-giuridiche di non poco conto, precisamente in relazione alla gestione delle prove digitali, per loro natura fragili, immateriali e fortemente alterabili, in un giudizio. Il titolo dell’elaborato Problematiche informatico-giuridiche degli SMS e degli MMS sposta già l’attenzione sulle procedure di corretta acquisizione e produzione in un giudizio civile e penale di prove digitali o documenti informatici, pensando in particolare a SMS (short messaging service) e gli MMS (multimedia messaging service). L’obiettivo primario è di capire come questi sistemi di trasmissione dei dati possano essere regolarmente ammessi in un procedimento, diventando prova idonea a influenzare l’andamento del processo civile o penale per il quale sono presentati. Il tema è stato diviso in tre ambiti. Il primo, di carattere prettamente tecnico, verterà sulla spiegazione delle caratteristiche basilari e delle funzionalità essenziali del mezzo di comunicazione al momento più diffuso e, pertanto, considerato dall’uomo moderno uno status symbol: il telefono cellulare, inteso come dispositivo mobile utilizzato nei sistemi di telefonia cellulare per la comunicazione tramite reti wireless. Una volta inquadrata la sua struttura interna, si esamina il modulo elettronico a microprocessore a cui il device è collegato, la SIM card. Di questo supporto estraibile sono elencati gli elementi essenziali (l’ICCID, l’IMEI, l’IMSI, il codice PIN e PUK) e che si presentano utili agli occhi dell’esperto ai fini di un’indagine investigativa, poiché contenti dati personali “dell’utente mobile” relativi alla paternità del dispositivo, all’accertamento dell’abbonamento e alla georeferenziazione del telefono. Si analizzano, infine, le due forme di comunicazione per le quali il telefono cellulare è principalmente utilizzato: SMS ed MMS. Di essi si esaminano le modalità di transazione delle informazioni fra dispositivi, dopo averne elencato le fondamentali peculiarità e le qualità che

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Raffaella Pino Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5175 click dal 25/02/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.