Skip to content

Artiglierie a confronto: Piemontesi e Napoletani a Gaeta

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Scarpati
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze strategiche
  Relatore: Giuseppe Bracco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 204

Indubbiamente l’assedio della fortezza di Gaeta avvenuto a cavallo del 1860/1861 da parte delle truppe Piemontesi costituì uno dei più importanti avvenimenti militari del XIX secolo, sia perché la Piazzaforte era annoverata tra le meglio fortificate d’Europa (le altre erano Malta e Gibilterra), sia perché, per la prima volta, furono adoperate bocche da fuoco innovative che cancellarono, ad un tratto, i metodi di assedio usati in precedenza.
Per poter avere un quadro completo della situazione, sia per quanto riguarda le artiglierie sia per quanto riguarda l’approvvigionamento della Piazza e dell’esercito assediante, non solo ho elencato il tutto desumendolo dai vari “Giornali”scritti in occasione dell’assedio, ma ho anche catalogato l’armamento della Piazza che va dal 1853 al 1857 desumendolo da documenti inediti giacenti nell’Archivio storico di Torino.
Ho potuto, pertanto, constatare che, nel corso di quegli anni, questo era andato sempre più aumentando quantitativamente per tutta una serie di cause che ho analizzato in seguito, ma che comunque qualitativamente era rimasto piuttosto indietro rispetto all’artiglieria piemontese.
Questo fatto era dovuto essenzialmente a due motivi: il primo perché la politica dei Borboni tendeva al risparmio (per ironia della sorte la maggior parte di esso passò quasi integralmente nelle mani dei Piemontesi), poi perché non vi era stato ricambio nelle fila degli ufficiali superiori dell’esercito napoletano i quali rimanevano piuttosto vincolati ai tradizionali metodi di condotta della guerra.
A tutto questo si deve anche aggiungere il fatto che molti pezzi, al momento dell’assedio, risultavano solo “sulla carta”. Essi, infatti, non erano operativi o perché ancora del tutto smontati o non ancora in grado di funzionare a causa della mancanza di qualche pezzo. Inoltre molte delle dotazioni o non erano adeguate alla difesa della Piazza o erano di scadente qualità anche a causa dei depositi fatiscenti o inadeguati (la polvere da sparo non era del tutto utilizzabile a causa dell’umidità). Poche le case-matte ed i depositi blindati soprattutto quelli che contenevano le polveri da sparo e le cartucce. Di questo fatto si avranno tragiche conseguenze nel corso dell’assedio.
Ma, prima di parlare in modo più esteso dell’assedio, delle dotazioni della Piazza; prima di porre a confronto le artiglierie dei due schieramenti, mi è sembrato opportuno, per capire meglio le dotazioni dei due eserciti e di conseguenza anche lo sviluppo e la fine scontata dell’assedio stesso, tracciare una breve panoramica degli avvenimenti politici, economici e militari degli Stati della Penisola, con particolare riguardo al Regno di Sardegna e al Regno delle Due Sicilie.
Non potevo poi non tracciare una breve storia della città che nel corso dei seco-li è stata privilegiata ma anche martirizzata a causa della sua posizione geografica avvalendomi anche di lavori fatti da autori locali.
Ho descritto, con dovizia di particolari sia le opere difensive che le batterie del-la Piazza e quelle dell’esercito assediante (la loro origine e le loro dotazioni) desumendo il tutto da vari scritti e soprattutto dai diari ufficiali dei due schieramenti.
Sono passato quindi a descrivere le operazioni d’assedio e la sua conclusione.
Ho catalogato tutto l’armamentario della Piazza e dei sui distaccamenti(Real sala d’armi, isola di Ponza e di Ventotene) dal 1853 al 1857. Lo studio di questo materiale,recuperato presso l’archivio storico di Torino, ha richiesto la ricerca di e la codificazione di ogni singolo Arsenale dell’età Borbonica. La ricerca, che ha per oggetto l’Arsenale di Gaeta ,ha richiesto quindi la codificazione dell’inventario generale dell’Arsenale stesso.
Ho parlato dell’esercito napoletano così com’era composto anche alla luce del-la politica economica ed estera dei Borboni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
-Premessa 1 PREMESSA Indubbiamente l’assedio della fortezza di Gaeta avvenuto a cavallo del 1860/1861 da parte delle truppe Piemontesi costituì uno dei più importanti avveni- menti militari del XIX secolo, sia perché la Piazzaforte era annoverata tra le meglio fortificate d’Europa ( le altre erano Malta e Gibilterra), sia perché, per la prima volta, furono adoperate bocche da fuoco innovative che cancellarono, ad un tratto, i metodi di assedio usati in precedenza. Per poter avere un quadro completo della situazione, sia per quanto riguarda le artiglierie sia per quanto riguarda l’approvvigionamento della Piazza e dell’esercito assediante, non solo ho elencato il tutto desumendolo dai vari “Giornali” scritti in oc- casione dell’assedio, ma ho anche catalogato l’armamento della Piazza che va dal 1853 al 1857 desumendolo da documenti inediti giacenti nell’Archivio storico di To- rino. Ho potuto, pertanto, constatare che, nel corso di quegli anni, questo era andato sempre più aumentando quantitativamente per tutta una serie di cause che ho analizza- to in seguito, ma che comunque qualitativamente era rimasto piuttosto indietro rispetto all’artiglieria piemontese. Questo fatto era dovuto essenzialmente a due motivi: il primo perché la politica dei Borboni tendeva al risparmio ( per ironia della sorte la maggior parte di esso passò quasi integralmente nelle mani dei Piemontesi), poi perché non vi era stato ricambio nelle fila degli ufficiali superiori dell’esercito napoletano i quali rimanevano piuttosto vincolati ai tradizionali metodi di condotta della guerra. A tutto questo si deve anche aggiungere il fatto che molti pezzi, al momento dell’assedio, risultavano solo “ sulla carta”. Essi, infatti, non erano operativi o perché ancora del tutto smontati o non ancora in grado di funzionare a causa della mancanza di qualche pezzo. Inoltre molte delle dotazioni o non erano adeguate alla difesa della Piazza o erano di scadente qualità anche a causa dei depositi fatiscenti o inadeguati ( la polvere da sparo non era del tutto utilizzabile a causa dell’umidità). Poche le case- matte ed i depositi blindati soprattutto quelli che contenevano le polveri da sparo e le cartucce. Di questo fatto si avranno tragiche conseguenze nel corso dell’assedio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

borboni
esercito
regno delle due sicilie
savoia
guerra d'indipendenza
artiglieria
gaeta
piemontesi
napoletani

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi