Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le agromafie. Risposte normative e consumo consapevole.

L’analisi condotta nella prima parte dell’elaborato ha ad oggetto gli affari delle mafie ai danni dell’agricoltura che stanno condizionando l’economia, le dinamiche del libero mercato, la logistica, il reclutamento della manodopera: si pensi alle ecomafie, alle truffe all’UE ed al biologico. Successivamente saranno affrontati i recenti scandali dei primi mesi del 2013, che hanno danneggiato la buona fede del consumatore e tra questi il caso della carne di cavallo nelle lasagne surgelate.
Nel secondo capitolo sono affrontati su un piano binario gli strumenti penalistico e civilistico che rendono più difficili le infiltrazioni criminose, a partire dalla legge Rognoni- La Torre n. 646/1982 che ha il merito di aver introdotto all’interno del codice penale il reato di “associazione di tipo mafioso” e la legge 109/1996 che prevede l’assegnazione dei beni immobili confiscati alla mafie per fini sociali e che giunge così a colpire direttamente i redditi malavitosi, fino all’art 603 bis del codice penale che prevede il reato di caporalato.
Tra le azioni penalistiche volte alla repressione degli interessi illeciti in agricoltura, una attenzione specifica è rivolta alle frodi alimentari e alla loro disciplina.
Quanto ai profili civilistici, l’azione stringente del legislatore è volta da un lato a favorire una responsabilizzazione dei consumatori, grazie all’etichettatura di tipo etico, dall’altro è dovuta all’introduzione e al perfezionamento di strumenti legislativi per la valorizzazione del prodotto: tra questi la disciplina dei marchi, il cd. pacchetto qualità, le regole per una maggiore trasparenza e per la tracciabilità dei prodotti alimentari e, per finire - un tema di grande importanza - la regolazione di alcuni schemi contrattuali in un settore produttivo caratterizzato da profonde asimmetrie.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Da alcuni decenni, il tema legato alla criminalità di stampo mafioso è oggetto di attenzione costante da parte delle istituzioni e della collettività, ma solo di recente l’attenzione sulle infiltrazioni criminali nell’agricoltura, occupato le prime pagine dei giornali sollecitando riflessioni, favorendo incontri e promuovendo inchieste. A tal proposito, si comincia a valutare l’importanza di conoscere meglio il fenomeno delle Agromafie – termine che designa il fenomeno della criminalità in agricoltura- dal punto di vista generale, per capire quali sono state le particolari contingenze storiche che ne hanno permesso dapprima il radicamento nel Mezzogiorno e successivamente un’espansione in tutto il Belpaese attraverso la “ linea della palma” che, lentamente, sale lungo lo stivale. 1 L’analisi condotta nella prima parte dell’elaborato ha ad oggetto gli affari delle mafie ai danni dell’agricoltura che stanno condizionando l’economia, le dinamiche del libero mercato, la logistica, il reclutamento della manodopera: si pensi alle ecomafie, alle truffe all’UE ed al biologico. Successivamente saranno affrontati i recenti scandali dei primi mesi del 2013, che hanno danneggiato la buona fede del consumatore e tra questi il caso della carne di cavallo nelle lasagne surgelate. Nel secondo capitolo sono affrontati su un piano binario gli strumenti penalistico e civilistico che rendono più difficili le infiltrazioni criminose, a partire dalla legge Rognoni- La Torre n. 646/1982 che ha il merito di aver introdotto all’interno del codice penale il reato di “associazione di tipo mafioso” e la legge 109/1996 che prevede l’assegnazione dei beni immobili confiscati alla mafie per fini sociali 1 Leonardo Sciascia “Opere” 1956-1971, a cura di Claude Ambroise, Classici Bompiani, 2004 pag 479 metafora utilizzata da Sciascia

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Sara Tonziello Contatta »

Composta da 146 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3159 click dal 16/07/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.