Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il colloquio nella mediazione familiare

Il mio interesse verso questa tematica nasce durante i miei studi universitari (servizio sociale), quando sono venuta a conoscenza per la prima volta, della possibilità di aiutare le famiglie disgregate, con questo percorso che è appunto la mediazione familiare. Questo interesse è emerso in me, anche perché la nostra società sta cambiando, sono infatti in aumento le separazioni e i divorzi, ciò mi ha spinto a fare degli approfondimenti.

Nel primo capitolo intitolato “Formazione, crisi e separazione della coppia”, affronto sia le teorie a cui faccio riferimento per l’approccio alla famiglia e sia la tematica della formazione, della crisi e della separazione della coppia.
Nel secondo capitolo intitolato “La mediazione familiare”, espongo l’evoluzione e l’origine della mediazione familiare quale strumento di tutela per le famiglie disgregate e anche i vari modelli della mediazione familiare.
Nel terzo e ultimo capitolo intitolato invece, “Il colloquio nella mediazione familiare” espongo le caratteristiche e gli strumenti del colloquio, entrando nel cuore della mediazione familiare e affrontando anche il vasto tema della comunicazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO I FORMAZIONE, CRISI E SEPARAZIONE DELLA COPPIA 1.1 Lo studio della famiglia* Per la comprensione e lo studio della famiglia nella sua complessità e per affrontarne le dinamiche e le problematiche si fa riferimento a delle teorie che supportino azioni di intervento e di osservazione, la cui coerenza operativa viene offerta dalla teoria sistemico relazionale. Pertanto anche per gli interventi di Mediazione Familiare ci si rimanda a questo pensiero. Tre teorie importanti si inseriscono nella visione sistemica: la Teoria Generale dei Sistemi (Von Bertalanffy, Ashby), la Teoria della Cibernetica (N.Wiener, H.Maturana, F. Verela, H. Von Foerster) e la Teoria della Comunicazione elaborata dal gruppo di Palo Alto in California (G.Bateson, P.Watzlawick, D.Jackson, J.Haley ecc.). Nell’ottica sistemico relazionale la famiglia, in qualsiasi forma e tipologia, va considerata come un sistema vivente aperto, in cui ogni membro è in stretta connessione con gli altri componenti e il cambiamento di uno di essi porta al cambiamento di tutti coloro che costituiscono il sistema stesso. Muovendo dalla globalità della prospettiva familiare è infine possibile programmare più correttamente gli interventi sui singoli “segmenti” di questioni importanti quali la vita di coppia, la genitorialità, in particolare la crisi e il conflitto nella separazione e divorzio, l’età infantile, l’età anziana, molti aspetti del disagio giovanile, le tematiche femminili quali la “doppia presenza”, ecc. La famiglia è un sistema aperto perché i suoi componenti comunicano, cioè scambiano informazioni materiali ed energie con l’ambiente. E’ un sistema interattivo, circolare e autoregolato in cui gli individui sono legati tra loro dalla retroazione o feedback, (l’interscambio che avviene tra ricevente ed emittente quando l’informazione di ritorno permette all’emittente di percepire se il messaggio è stato ricevuto, capito ecc.). In Italia inizialmente, verso la fine degli anni 70 e inizi 80, l’approccio sistemico viene utilizzato nella pratica clinica, nel leggere e trattare il disagio mentale, dal Gruppo di Terapia della Scuola di Milano 1 . Viene abbandonata la visione meccanicistica di causa effetto con una prospettiva che porta a definire i membri della famiglia come elementi di un circuito di interazioni, una causalità circolare. La comunicazione è un processo di scambio di informazioni e di influenzamento reciproco che avviene in un determinato contesto. L’analisi delle comunicazioni tiene conto del contesto come matrice dei significati, la coesistenza del linguaggio verbale e non verbale, un’arbitrarietà della punteggiatura nella sequenza degli eventi, la posizione simmetrica o 1 Team di Psicoterapia Sistemica: M. Selvini Palazzoli - L. Boscolo - G. Cecchin - G. Prata * * Tratto da "La Mediazione: strumento e risorsa al cambiamento familiare e socio-culturale - La gestione del conflitto e superamento della crisi nelle varie situazioni familiari" della Dott.ssa Maria Fantini - http://www.studiofamiglia.it/tesi/mediazione/FANTINI_Tesi-finale.pdf

Tesi di Master

Autore: Cinzia Lorello Contatta »

Composta da 43 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13136 click dal 10/09/2013.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.