Skip to content

Funzionamento di personalità e stile di attaccamento: una ricerca pilota nel Ser.D. di Moncalieri

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Sanguedolce
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università della Valle D'Aosta
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Laura Ferro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

Alcuni studi hanno appurato la connessione esistente tra la qualità dello stile di attaccamento negli adulti e varie forme di disagio psichico, soprattutto in riferimento alla connessione tra uno stile di attaccamento insicuro e le problematiche da abuso di sostanze (Kassel, Wardle, Roberts, 2007; Flores, 2001; Schindler, Thomasius, et al., 2005).
Nelle definizioni e classificazioni del fenomeno della tossicodipendenza spesso viene data enfasi ad alcune variabili a discapito della comprensione di una realtà che ha una enorme complessità e di conseguenza a una comprensione troppo riduttiva e sacrificata del fenomeno. Accade per esempio che ciò che cattura immediatamente l’attenzione quando si cerca di definire fenomeno della dipendenza, sono proprio i comportamenti e gli atteggiamenti manifesti (manipolazione della relazione, comportamenti antisociali, ecc…) che riescono ad offuscare aspetti più profondi del problema.
Al fine di provare a comprendere quali siano le dinamiche psicologiche che guidano le azioni di questa complessa categoria di soggetti, sembra opportuno cercare di approfondire quale tipo di problematiche relazionali egli si trova a dover affrontare. Sembra opportuno chiedersi da dove si origini questa difficoltà del tossicodipendente a sostenere le richieste poste dalla relazione interpersonale. Probabilmente uno dei fattori in gioco è rappresentato dalla difficile situazione familiare che questi soggetti potrebbero avere alle spalle, anche se bisogna sottolineare che i tossicodipendenti possono provenire anche da nuclei familiari che non presentano particolari problematiche. In ogni caso, molto spesso le loro famiglie sono particolarmente instabili, con la presenza di un unico genitore o gravi e profondi disaccordi. Sono storie costellate di decessi, di allontanamenti più o meno lunghi, passaggi da un nucleo familiare ad un altro oppure da una comunità per minori all’altra. In alcune situazioni, il soggetto tossicomane proviene da famiglie in cui almeno uno dei genitori aveva una storia di dipendenza da sostanze.
Tutte queste considerazioni ci fanno rendere conto di quanto sia difficile per individui che provengono da famiglie di questo tipo avere rappresentazioni parentali solide e valide in cui identificarsi. Dal momento in cui è stato impossibile al soggetto sviluppare capacità identificatorie, gli rimane preclusa ogni tipo di interiorizzazione con la conseguente perdita della capacità di sviluppare una relazione fantasmatica con l’altro che permetta anche di reggere l’assenza senza che sia interpretata come un abbandono definitivo.
Ciò che è stato detto a proposito delle relazioni familiari e le mancate identificazioni parentali nelle tossicomanie, è strettamente connesso al discorso sull’attaccamento. Si cercherà infatti di individuare le eventuali relazioni che possono esistere tra la scelta di far uso di sostanze stupefacenti e lo stile di attaccamento del tossicodipendente.
E’ infatti dato condiviso dalla letteratura internazionale, nazionale che le probabilità di una diagnosi di disturbo di personalità fra i tossicodipedenti si assesti su livelli molto più elevati rispetto alla popolazione generale, su valori compresi, nella maggior parte dei casi, tra il 40 e il 60%, con o
senza comorbilità con disturbi dell’asse I (Clerici et Al, 1989; Pani et Al., 1991; Clerici & Carrà, 2003).
Al fine di comprendere quanto sia stretto il legame tra dipendenza da sostanze ed attaccamento è opportuno far riferimento alla teoria di Flores (2001), il quale definisce la dipendenza come un disturbo dell’attaccamento.
Questa ricerca si propone di indagare sulle modalità sulle relazioni fra stile d’attaccamento e la presenza di profili psicopatologici in quanto dalla letteratura emerge che molto spesso i tossicomani presentano una diagnosi di patologia psichiatrica oltre a quella di dipendenza da sostanze (Sánchez-Hervás, Tomás Gradolì, Morales,Gallús, 2001).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Alcuni studi hanno appurato la connessione esistente tra la qualità dello stile di attaccamento negli adulti e varie forme di disagio psichico, soprattutto in riferimento alla connessione tra uno stile di attaccamento insicuro e le problematiche da abuso di sostanze (Kassel, Wardle, Roberts, 2007; Flores, 2001; Schindler, Thomasius, et al., 2005). Nelle definizioni e classificazioni del fenomeno della tossicodipendenza spesso viene data enfasi ad alcune variabili a discapito della comprensione di una realtà che ha una enorme complessità e di conseguenza a una comprensione troppo riduttiva e sacrificata del fenomeno. Accade per esempio che ciò che cattura immediatamente l’attenzione quando si cerca di definire fenomeno della dipendenza, sono proprio i comportamenti e gli atteggiamenti manifesti (manipolazione della relazione, comportamenti antisociali, ecc…) che riescono ad offuscare aspetti più profondi del problema. Al fine di provare a comprendere quali siano le dinamiche psicologiche che guidano le azioni di questa complessa categoria di soggetti, sembra opportuno cercare di approfondire quale tipo di problematiche relazionali egli si trova a dover affrontare. Sembra opportuno chiedersi da dove si origini questa difficoltà del tossicodipendente a sostenere le richieste poste dalla relazione interpersonale. Probabilmente uno dei fattori in gioco è rappresentato dalla difficile situazione familiare che questi soggetti potrebbero avere alle spalle, anche se bisogna sottolineare che i tossicodipendenti possono provenire anche da nuclei familiari che non presentano particolari problematiche. In ogni caso, molto spesso le loro famiglie sono particolarmente instabili, con la presenza di un unico genitore o gravi e profondi disaccordi. Sono storie costellate di decessi, di allontanamenti più o meno lunghi, passaggi da un nucleo familiare ad un

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tossicodipendenza
ser.t
dsm-iv
stile di attaccamento
mcmi-iii
funzionamento di personalità
ser.d.
diagnosi di personalità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi