Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Teatro del Carretto: uno stile nel teatro del novecento

Approfondimento delle opere della Compagnia teatrale di Lucca Teatro del Carretto come esempio di teatro di Ricerca che si inserisce nel panorama del teatro del Novecento con lo studio di Craig, Artaud, Mejerchol'd. Approfondisce opere di stile mitologico, fiabesco e tragico inserendo concetti espressi in opere degli autori citati quali la Supermarionetta (opera di Von Kleist).
Tratta inoltre approfondimenti sul teatro orientale come base per un rinnovamento del linguaggio teatrale occidentale.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Vent’anni fa, circa, mi trovavo a scrivere sul teatro approfondendo concetti di parodia, riso, feste dei folli, saturnali, doppio, carnevale, grottesco, commedia, ecc. Ero partita dallo studio della Commedia Fliacica della Magna Grecia fino alla nascita della Commedia dell’Arte, passando per tutti quei generi che contraddistinguono le forme artistiche in quei secoli. Dai greci all’Umanesimo, si può analizzare la coesistenza di elementi teatrali ed artistici di cultura popolare con stili legati al grottesco, insieme ed in contrasto con la cultura ufficiale imperturbabile ed aulica sostenuta dal potere imperiale ed ecclesiale. Tutto il Medioevo è intessuto dall’intreccio di feste e di tradizioni di questi differenti generi che caratterizzano lo stesso periodo storico che si sostenevano vicendevolmente nella partecipazione, riuscendo a far continuare e trasformare quella cultura pagana popolare che il nuovo potere ecclesiale cercava di trasformare in nuova tradizione cristiana.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Design e Arti

Autore: Paola Medaglini Contatta »

Composta da 248 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 775 click dal 15/10/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.