Skip to content

Nuovi orientamenti interpretativi e modelli di intervento per il Disturbo Borderline

Informazioni tesi

  Autore: Manfredi Toscano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Diego Sarracino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 111

Questo elaborato si propone di offrire al lettore, inizialmente, una sistematizzazione dell'evoluzione storica e concettuale del disturbo borderline di personalità, per poi introdursi nell'ambito più operativo delle concettualizzazioni teoriche e trattamentali relative a questa complessa entità diagnostica. Verranno presi in esame tutti i maggiori cambiamenti, le più importanti trasformazioni e le più significative modifiche a cui è andato incontro lo studio di questo disturbo nel corso della storia, facendo riferimento alle teorizzazioni delle maggiori figure di riferimento nel campo della psicologia in ambito internazionale ed entrando nel merito delle diverse forme assunte dal disturbo nel corso del tempo ed in relazione allo sviluppo delle numerose prospettive interpretative dello stesso. Verranno prese in esame le più efficaci forme di trattamento, le implicazioni teoriche sottostanti ad esse e gli studi correlati e si tenterà di dare una maggiore visibilità delle stesse con l'ausilio di un caso clinico. Verrà infine effettuata un'opera di disamina critica delle più attuali sistematizzazioni teorico/operative operate di recente dai maggiori manuali diagnostici di riferimento mettendo in risalto i pregi ed evidenziando i difetti delle diverse descrizioni, classificazioni e concettualizzazioni del disturbo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente lavoro cerca di proporre, inizialmente, una breve panoramica storica della genesi e dell’evoluzione del termine “borderline”, una descrizione dei correlati psicologici e comportamentali associati a codesta sindrome, con l’aiuto di ricerche ed esperimenti di respiro internazionale, nonché una riflessione sulle cause che hanno portato questo disturbo a subire una continua revisione e riclassificazione all’interno dei più importanti manuali di riferimento del mondo della psicologia clinica con inevitabili ripercussioni sui modelli di trattamento del disturbo. E’ inevitabile che, col passare del tempo, e grazie al naturale evolversi della disciplina, i costrutti relativi a teorie, modelli e tecniche di intervento, nonché quelli relativi alla pura e semplice classificazione dei disturbi, cambino e si evolvano evitando così il rischio di una fossilizzazione a vecchi parametri interpretativi ed esplicativi che renderebbero obsoleta la disciplina e gli studi correlati, ma il caso del disturbo borderline è decisamente particolare in quanto ha subito modifiche e cambiamenti sempre più radicali che lo hanno pian piano allontanato dal paradigma teorico che aveva assunto inizialmente, coinvolgendo anche i parametri interpretativi e di intervento che si ritenevano necessari per la sua individuazione e per il suo trattamento. Il termine borderline significa “limite” o “linea di confine”, e indica la principale caratteristica del disturbo: “come una persona che cammina su una linea di confine tenderà a sconfinare in due differenti territori, così il paziente affetto da Disturbo Borderline di Personalità oscilla tra normalità e follia, senza vie di mezzo” (Migone, 2008). È un disturbo caratterizzato da una profonda, costante e disturbante instabilità, percepita e sofferta sia dal paziente che dalle persone a lui vicine. L’utilizzo del termine “borderline” è un perfetto esempio sia dell’incapacità sperimentata dai clinici, sin dagli inizi degli studi inerenti questa sindrome, di assegnare un posto netto, categorizzabile, facilmente descrivibile ed individuabile, ai soggetti caratterizzati da questo stato o funzionamento di personalità, sia della umana ed universale difficoltà a muoversi all’interno di un universo non conosciuto, senza parametri 9

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi