Skip to content

Asset Management e Investimenti Alternativi nelle Casse di Previdenza

Informazioni tesi

  Autore: Eleonora Bignozzi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Economia
  Corso: Finanza
  Relatore: Alessandra Carleo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 90

Le Casse di previdenza italiane sono enti che si occupano della riscossione e gestione dei contributi previdenziali ed assistenziali dei loro iscritti liberi professionisti.
Lo scopo principale perseguito dalle Casse, tramite l’attività di investimento, è di preservare il patrimonio e garantire una crescita sostenibile nel lungo periodo.
Questa tesi, comparando i risultati ottenuti tramite l’investimento in Hedge Fund e fondi Risk Parity, dimostra come utilizzando il Risk Parity Approach le Casse riescano a diminuire il rischio complessivo del proprio portafoglio mobiliare ed accrescere i propri rendimenti.
Analizzando i risultati ottenuti appare chiaro come, in periodi di incertezza o comunque quando l’obiettivo perseguito attraverso gli investimenti rimane la prudenza, un approccio Risk Parity offra la migliore alternativa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Premessa Le Casse di previdenza italiane sono enti che si occupano della riscossione e gestione dei contributi previdenziali ed assistenziali dei loro iscritti liberi professionisti. Sotto il profilo previdenziale le Casse provvedono alla corresponsione delle pensioni mentre dal lato assistenziale si occupano del pagamento delle prestazioni aggiuntive finalizzate a sostenere il reddito dei loro iscritti (come gli assegni per la maternità ecc…) e delle prestazioni di natura prettamente assistenziale (come la copertura sanitaria degli iscritti e dei loro familiari). Per la loro natura, questi enti devono muoversi nell’attività di investimento degli oltre 85 1 miliardi di euro di cui dispongono, con particolare sensibilità e specifica attenzione alla minimizzazione dei rischi connessi alle scelte da effettuare. Se necessario, rinunciando a maggiori rendimenti che caratterizzano operazioni più rischiose e adottando, in presenza di specifiche fasi del ciclo economico, gestioni di tipo difensivo. La composizione del portafoglio di un fondo pensione/cassa riflette l’avversione al rischio del suo organo di governo, che dovrebbe essere simile all’avversione al rischio degli aderenti. Quindi se gli aderenti vogliono più sicurezza devono accontentarsi di un minor rendimento medio; però è importante non escludere a priori alcune classi di attività. Sappiamo che massimizzando una funzione su un insieme più ampio si ottengono risultati migliori in termini di rischio/rendimento. Con ragionamento analogo aumentando il numero e la varietà di attività, tendenzialmente si ottengono dei profili rischio/rendimento più attraenti. Quindi è opportuno estendere la gestione ad attività finanziarie estere ed a classi di attività più rischiose di quelle tradizionali come, per esempio, gli investimenti alternativi. Gli investimenti alternativi ed in particolar modo gli hedge funds, grazie alla bassa correlazione con i mercati azionari ed obbligazionari, consentono di ottimizzare il rapporto rischio/rendimento di un portafoglio con mix azionario ed obbligazionario. A seguito della crisi avvenuta nel 2008, questi strumenti sono stati fortemente criticati in quanto è stato messo in discussione il loro obiettivo principale che era quello di proteggere il portafoglio nelle fasi di maggior incertezza, grazie alla loro tradizionale decorrelazione con gli altri mercati. Questo invece non è avvenuto anche a causa delle limitazioni sull’operatività degli hedge funds quali ad esempio la vendita allo scoperto e l’utilizzo della leva finanziaria. Gli Hedge fund forniscono liquidità ai mercati, ma solo fin tanto che sono in grado di accrescere la propria leva finanziaria; tale possibilità di solito svanisce proprio quando la disponibilità di 1 Dato Covip novembre 2011

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

capm
asset allocation
hedge funds
sistema contributivo
asset liability management
investimenti alternativi
casse di previdenza
risk parity approach
indicatori di performance e rischio
sml

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi