Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contratto di management

In questo lavoro ho trattato delle diverse forme di aggregazione nel settore alberghiero. Esse possono essere di due tipi: equity e non equity. Tra queste ultime ho analizzato in modo specifico il contratto di management e ho cercato di individuare delle forme affini a cui esso possa essere ricondotto nell’ordinamento italiano. Ho confrontato il contratto di management con il contratto di locazione, d’opera intellettuale, d’appalto di servizi, e di mandato. Con questi tipi di contratti ho riscontrato differenze e similitudini e sono giunta alla conclusione che il contratto di management è un contratto misto, che richiama aspetti sia del mandato con rappresentanza, sia dell’appalto di servizi. Solitamente il trattamento dei contratti misti si determina in base al criterio della prevalenza, che prevede che si debba far riferimento al tipo legale che maggiormente prevale sull’altro, nel caso in questione il mandato prevale sull’appalto, perciò ritengo che il contratto di management debba essere all’interno dell’ordinamento italiano ricondotto a quest’ultimo schema.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 CAPITOLO 1 LE FORME DI AGGREGAZIONE NEL SETTORE ALBERGHIERO. 1.1 Fattori, vantaggi e prospettive dell’aggregazione fra imprese nel settore dell’ospitalità. La logica operativa e strategica che sta caratterizzando in misura sempre più intensa la dinamica delle imprese trae fondamento da una significativa propensione al superamento dell’individualismo imprenditoriale, a favore dello sviluppo di forme collaborative, aggregative e integrative fra imprese distinte 1 . Il settore del turismo e dell’ospitalità non è estraneo a questo trend evolutivo anche se il suo manifestarsi risponde a spinte competitive specifiche e si qualifica con forme e tipologie aggregative diverse rispetto a quelle prevalenti in altri contesti. In particolare, le condizioni di offerta, secondo cui hanno potuto fino ad oggi operare le nostre strutture alberghiere, sono state quelle tipiche di un settore protetto, non esposto in via diretta alla competizione internazionale ed esente sul mercato interno da una 1 FEDERALBERGHI, Il franchising nel settore alberghiero e della ristorazione, Milano, 1995, pag. 57. 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Roberta Rossi Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1218 click dal 18/02/2015.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.