Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La condizione giovanile tra normalità e devianza

Nella presente tesi viene analizzata la condizione giovanile in Italia nelle diverse fasi storiche dagli anni 50 fino ad oggi e di come questa sia progressivamente mutata in relazione ai cambiamenti della società, delineando alcune trasformazioni avvenuti nella nostra società a seguito della globalizzazione e come tali cambiamenti abbiano influito nel processo di formazione dei giovani.
Dopo aver esaminato le principali teorie sociologiche della devianza, il lavoro si focalizzerà su come la naturale condizione di disagio che caratterizza l'età adolescenziale possa trasformarsi in vera e propria devianza, analizzando i fattori di rischio che predispongono alla stessa: dal contesto familiare, a quello scolastico, al gruppo dei pari, alla condizione dei giovani immigrati fino alla costante presenza delle nuove forme di telecomunicazioni di massa. Verranno infine delineati i possibili interventi da attuare per contrastare o almeno affrontare la devianza giovanile attraverso un approccio preventivo che valorizzi le risorse personali del soggetto e quelle presenti nei contesti di vita in cui è inserito.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Oggi viviamo nella cosiddetta “società complessa”, ovvero società nella quale l'idea di cambiamento e mutamento assumono un ruolo centrale: oggi tutto è costantemente in rapida trasformazione, tutti i punti di riferimento (famiglia, lavoro, legami personali ecc) un tempo stabili, oggi sembrano in piena trasformazione. E' ciò che Z. Bauman chiama “modernità liquida”, una società dove niente ha il tempo di solidificarsi: “la modernità odierna, come i liquidi, non può assumere una forma per un lungo tempo”. Il cambiamento diventa la norma, diventa addirittura auspicabile perché si pensa che porti inevitabilmente ad un miglioramento, ad un progresso della società; questo, in parte, è vero in quanto senza trasformazioni e innovazioni la società non progredisce, tuttavia gestire una così rapida mutazione della realtà sociale che ci circonda, molto spesso, può risultare difficile e complesso. Fra tutti i cambiamenti che sono in atto nel mondo nessuno è più importante di quelli che riguardano la nostra vita personale: sessualità, relazioni, matrimonio e famiglia. E i giovani sono coloro che più di tutti risentono, in termini negativi, delle recenti trasformazioni socio-culturali oltre che della crisi economica internazionale. Coerentemente con le modifiche prodotte nella società, sta avvenendo una frammentazione dell’identità degli adolescenti e giovani adulti per adattarsi meglio alle mutate esigenze sociali. E' ciò che Bauman definisce “adolescenza liquida”. Ma inevitabilmente, tutto ciò espone i giovani a nuove forme di disagio. Pertanto, conoscere e interpretare una realtà in rapido movimento come quella in cui viviamo oggi non è una sfida facile, in particolar modo conoscere e capire il mondo degli adolescenti, che è già di per se un mondo in continua trasformazione, comporta coerenti mutamenti sul piano delle proposte e degli interventi allo scopo di costruire ragionamenti e quindi ipotesi di miglioramento. Le ricerche effettuate negli ultimi anni dall’Istituto IARD hanno segnalato come alcune tra le tendenze emergenti nella società fossero anticipate dalle nuove generazioni. La crescente importanza attribuita alla riflessione sui giovani e sulle 4

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Martina Savino Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3524 click dal 30/03/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.