Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Biofilm microbici e igiene degli alimenti

Uno dei principali obiettivi dell’industria alimentare è la produzione di alimenti sicuri, sani e con una buona qualità organolettica. Come impone l’art. 14 della Gazzetta Ufficiale della CE n.178/2002, non possono essere immessi sul mercato gli alimenti a rischio. Gli alimenti sono considerati a rischio nei seguenti casi:
• se sono dannosi per la salute umana
• se sono inadatti al consumo umano
In entrambi i casi l’alimento può contenere microrganismi pericolosi o una microflora banale che, a seguito di proliferazione microbica, può costituire un rischio per la salute umana oppure si deteriora con modificazione in senso sfavorevole delle caratteristiche sensoriali. I prodotti alimentari che si producono e si consumano nei paesi occidentali ed industrializzati sono molto diversi da quelli che formavano la dieta quotidiana dei nostri bisnonni, fino alla prima metà del ‘900 e che sono tutt’oggi consumati dalle popolazioni dei paesi più poveri. Un tempo predominavano gli alimenti semplici, ottenuti in proprio o al massimo frutto di produzioni agricole su piccola scala. Il percorso “dal campo alla tavola” era molto limitato e anche le derrate che affluivano nella città provenivano per lo più dal contadino limitrofo; i prodotti di origine industriale erano pochi e limitato era il ricorso ai sistemi di conservazione degli alimenti.
Oggi nei paesi occidentali buona parte degli alimenti che vengono consumati (anche quelli freschi) seguono un percorso più o meno lungo e complicato che comporta quasi sempre l’applicazione di qualche procedura di mantenimento o di vera e propria conservazione, a partire dall’impiego di basse temperature (Giaccone, 2007).
La modalità di produzione e manipolazione dei prodotti alimentari, inoltre, comporta un frequente contatto delle materie prime, dei semilavorati e dei prodotti finiti con una serie di superfici di lavoro e di utensili (nastri trasportatori e taglieri, tritacarne e impastatrici, coltelli, seghe ecc.).
Sovente sono proprio le superfici di lavoro e/o gli utensili e gli apparecchi a trasferire all’alimento flore microbiche saprofitiche che lo alterano e spesso sono patogene per l’uomo.
Le contaminazioni microbiche delle superfici di lavoro e degli utensili, assumono, quindi, un’importanza dominante nel condizionare il profilo microbico del prodotto finito pronto al consumo e possono condizionarne in misura pesante sia la conservabilità che la pericolosità nei confronti della salute umana.
L’inquinamento delle derrate alimentari causato dalle superfici di lavoro e dagli utensili assume un notevole rilievo, soprattutto quando si parla di microrganismi agenti di “malattia alimentare”, ubiquitari nell’ambiente, che trovano proprio in quegli ambiti una nicchia di persistenza e di possibile proliferazione.
I risultati che emergono dall’analisi condotta dall’European Food Safety Authority (EFSA) relativi al 2007, affermano che i casi di malattia alimentare in Europa sono progressivamente in aumento. Le motivazioni che spiegano questo fenomeno sono dovute essenzialmente a tre motivi:
• Il mercato dei prodotti ready-to-eat è in piena crescita
• Stanno prendendo piede nuovi patogeni (emergin pathogen) e si stanno evolvendo i “vecchi patogeni” (evolving pathogen) diventando sempre più resistenti
• Il numero di contaminazioni dovute alle superfici di lavoro ha superato di gran lunga quelle dovute al consumo di alimenti crudi, e in ciò, i biofilm giocano un ruolo fondamentale
Quando i batteri entrano nello stadio di biofilm, ne è stato riscontrato un aumento della loro trascrizione genica, che si concretizza in un incremento della produzione di esopolisaccaridi e della loro resistenza ai composti sanificanti e agli stress a cui sono sottoposti.
Gli esopolisaccaridi, che sono prodotti dai batteri, hanno numerose funzioni fondamentali: permettono l’adesione delle cellule batteriche alle superfici, consentono di inglobare composti nutritivi nel biofilm e regolano le perdite di acqua.
Uno dei più affascinanti meccanismi di difesa di un biofilm si basa sul Quorum Sensing. Grazie a quest’ultimo si instaura una vera e propria rete di comunicazione tra batteri. Essi, sono così in grado di percepire la densità da loro raggiunta e di coordinarsi opportunatamente, adattandosi alle più svariate e, spesso sfavorevoli, condizioni ambientali.
Questi aspetti condizionano la funzionalità delle procedure di detersione e disinfezione nelle industrie alimentari. La loro conoscenza porta ad avere un approccio innovativo nella scelta dei materiali di costruzione di superfici e utensili di lavoro e nel processo di sanificazione.
Questo lavoro di tesi mira a chiarire gli aspetti essenziali dei biofilm microbici che si sviluppano nelle industrie alimentari durante la manipolazione dei prodotti nell’ottica di una corretta igiene degli alimenti al fine di eliminare o ridurre la presenza dei biofilm.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 5 5 5 1. IGIENE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI 1.1 IL RISCHIO MICROBIOLOGICO Nell’organismo umano, negli animali, nell’ambiente e negli alimenti, sono presenti microrganismi; alcuni, sono da considerare “utili”, perché sono utilizzati nella produzione e trasformazione degli alimenti, altri, sono detti “deterioranti”, perché possono determinare la perdita di alcune importanti caratteristiche organolettiche dell’alimento ed influenzare la “shelf-life” o scadenza del prodotto; altri ancora, sono detti “patogeni”, perché possono essere responsabili di malattie e devono essere combattuti. Un alimento costituisce un buon substrato per la crescita delle cellule microbiche. Lo sviluppo di questi microrganismi sull’alimento dipende da alcuni fattori quali: • Composizione chimico-fisica dell’alimento • Potenziale genetico del microrganismo • Condizioni ambientali.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Rosalia Lo Buglio Contatta »

Composta da 98 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 147 click dal 13/07/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.