Skip to content

Biofilm microbici e igiene degli alimenti

Informazioni tesi

  Autore: Rosalia Lo Buglio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze biologiche
  Relatore: Claudia Ercole
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 98

Uno dei principali obiettivi dell’industria alimentare è la produzione di alimenti sicuri, sani e con una buona qualità organolettica. Come impone l’art. 14 della Gazzetta Ufficiale della CE n.178/2002, non possono essere immessi sul mercato gli alimenti a rischio. Gli alimenti sono considerati a rischio nei seguenti casi:
• se sono dannosi per la salute umana
• se sono inadatti al consumo umano
In entrambi i casi l’alimento può contenere microrganismi pericolosi o una microflora banale che, a seguito di proliferazione microbica, può costituire un rischio per la salute umana oppure si deteriora con modificazione in senso sfavorevole delle caratteristiche sensoriali. I prodotti alimentari che si producono e si consumano nei paesi occidentali ed industrializzati sono molto diversi da quelli che formavano la dieta quotidiana dei nostri bisnonni, fino alla prima metà del ‘900 e che sono tutt’oggi consumati dalle popolazioni dei paesi più poveri. Un tempo predominavano gli alimenti semplici, ottenuti in proprio o al massimo frutto di produzioni agricole su piccola scala. Il percorso “dal campo alla tavola” era molto limitato e anche le derrate che affluivano nella città provenivano per lo più dal contadino limitrofo; i prodotti di origine industriale erano pochi e limitato era il ricorso ai sistemi di conservazione degli alimenti.
Oggi nei paesi occidentali buona parte degli alimenti che vengono consumati (anche quelli freschi) seguono un percorso più o meno lungo e complicato che comporta quasi sempre l’applicazione di qualche procedura di mantenimento o di vera e propria conservazione, a partire dall’impiego di basse temperature (Giaccone, 2007).
La modalità di produzione e manipolazione dei prodotti alimentari, inoltre, comporta un frequente contatto delle materie prime, dei semilavorati e dei prodotti finiti con una serie di superfici di lavoro e di utensili (nastri trasportatori e taglieri, tritacarne e impastatrici, coltelli, seghe ecc.).
Sovente sono proprio le superfici di lavoro e/o gli utensili e gli apparecchi a trasferire all’alimento flore microbiche saprofitiche che lo alterano e spesso sono patogene per l’uomo.
Le contaminazioni microbiche delle superfici di lavoro e degli utensili, assumono, quindi, un’importanza dominante nel condizionare il profilo microbico del prodotto finito pronto al consumo e possono condizionarne in misura pesante sia la conservabilità che la pericolosità nei confronti della salute umana.
L’inquinamento delle derrate alimentari causato dalle superfici di lavoro e dagli utensili assume un notevole rilievo, soprattutto quando si parla di microrganismi agenti di “malattia alimentare”, ubiquitari nell’ambiente, che trovano proprio in quegli ambiti una nicchia di persistenza e di possibile proliferazione.
I risultati che emergono dall’analisi condotta dall’European Food Safety Authority (EFSA) relativi al 2007, affermano che i casi di malattia alimentare in Europa sono progressivamente in aumento. Le motivazioni che spiegano questo fenomeno sono dovute essenzialmente a tre motivi:
• Il mercato dei prodotti ready-to-eat è in piena crescita
• Stanno prendendo piede nuovi patogeni (emergin pathogen) e si stanno evolvendo i “vecchi patogeni” (evolving pathogen) diventando sempre più resistenti
• Il numero di contaminazioni dovute alle superfici di lavoro ha superato di gran lunga quelle dovute al consumo di alimenti crudi, e in ciò, i biofilm giocano un ruolo fondamentale
Quando i batteri entrano nello stadio di biofilm, ne è stato riscontrato un aumento della loro trascrizione genica, che si concretizza in un incremento della produzione di esopolisaccaridi e della loro resistenza ai composti sanificanti e agli stress a cui sono sottoposti.
Gli esopolisaccaridi, che sono prodotti dai batteri, hanno numerose funzioni fondamentali: permettono l’adesione delle cellule batteriche alle superfici, consentono di inglobare composti nutritivi nel biofilm e regolano le perdite di acqua.
Uno dei più affascinanti meccanismi di difesa di un biofilm si basa sul Quorum Sensing. Grazie a quest’ultimo si instaura una vera e propria rete di comunicazione tra batteri. Essi, sono così in grado di percepire la densità da loro raggiunta e di coordinarsi opportunatamente, adattandosi alle più svariate e, spesso sfavorevoli, condizioni ambientali.
Questi aspetti condizionano la funzionalità delle procedure di detersione e disinfezione nelle industrie alimentari. La loro conoscenza porta ad avere un approccio innovativo nella scelta dei materiali di costruzione di superfici e utensili di lavoro e nel processo di sanificazione.
Questo lavoro di tesi mira a chiarire gli aspetti essenziali dei biofilm microbici che si sviluppano nelle industrie alimentari durante la manipolazione dei prodotti nell’ottica di una corretta igiene degli alimenti al fine di eliminare o ridurre la presenza dei biofilm.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 5 5 5 1. IGIENE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI 1.1 IL RISCHIO MICROBIOLOGICO Nell’organismo umano, negli animali, nell’ambiente e negli alimenti, sono presenti microrganismi; alcuni, sono da considerare “utili”, perché sono utilizzati nella produzione e trasformazione degli alimenti, altri, sono detti “deterioranti”, perché possono determinare la perdita di alcune importanti caratteristiche organolettiche dell’alimento ed influenzare la “shelf-life” o scadenza del prodotto; altri ancora, sono detti “patogeni”, perché possono essere responsabili di malattie e devono essere combattuti. Un alimento costituisce un buon substrato per la crescita delle cellule microbiche. Lo sviluppo di questi microrganismi sull’alimento dipende da alcuni fattori quali: • Composizione chimico-fisica dell’alimento • Potenziale genetico del microrganismo • Condizioni ambientali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi