Skip to content

Storie figurate. Relazioni icono-testuali nel libro veneziano del Cinquecento

Informazioni tesi

  Autore: Anna Schergna
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Arti Visive - Storia dell'Arte
  Relatore: Sonia Cavicchioli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 300

Parola e immagine vivono di un rapporto sinergico frutto di un'universale forza poetica. Le vicende intellettuali della Venezia del Cinquecento sono tra le migliori espressioni del fatto che la Cultura è un organismo dalle mille facce in cui da sempre concorrono scambi, mestieri, contaminazioni. Il libro moderno illustrato, che è summa di sapere enciclopedico, poesia ed immagine, se analizzato in relazione all'opera d'arte cosiddetta “alta” come documento della medesima Cultura, è un ottimo punto di partenza per parlare di tutto questo, nonché uno spunto fondamentale per andare più a fondo nel meccanismo di Nachleben der Antike proprio del Rinascimento veneto. La xilografia è più spesso invenzione che emulazione, perché più libera rispetto al dipinto; è in grado di veicolare messaggi su ampia scala e riattivare con forza antiche formule, e al contempo si lega indissolubilmente al testo con cui si ibrida, di cui può essere semplice illustrazione o da cui può prendere spunto per disegnare un tutt'altro universo. Con quest'elaborato vorrei soffermarmi su alcune delle relazioni icono-testuali che meglio hanno saputo tenere in piedi quest'equilibrio; in particolare su quei casi in cui la figura è stata capace di colmare le manchevolezze del linguaggio, scavalcando il testo cui fa riferimento fino a sopravvivergli, da esso svincolata, come modello proprio, formula o narrazione a sé stante. In un'analisi iconologica che non intende essere soltanto decifratoria, cercherò di passare al setaccio molte delle storie più celebri - dalle Metamorfosi ovidiane alle favole morali, dall'Hypnerotomachia Poliphili all'Orlando Furioso - partendo dalla loro vicenda editoriale, da quando, cioè, le loro pagine fresche d'inchiostro escono dai torchi delle principali botteghe tipografiche veneziane. Quello dello stampatore che diventa editore è un mestiere che si gioca in bilico tra le più dotte commissioni e una vita di piazza ancora compromessa col mondo dell'oralità; in queste botteghe si lavora tra le suggestioni dei grandi pittori e le fatiche di incisori spesso anonimi incaricati di corredare la bozza di stampa con il più sontuoso degli apparati illustrativi. Ma soprattutto, e specialmente a Venezia dove le magie della Cultura avvengono di norma nei salotti delle case patrizie, le proliferanti botteghe tipografiche diventano fucine di idee sovversive, crogioli di incontri, invenzioni e (ri)scoperte. Senza pretendere di tracciare una storia delle cinquecentine illustrate, vorrei invece prendere in esame le vicende del libro moderno a 
Venezia per dare di questa e di alcuni dei suoi protagonisti una visione trasversale e parlare della creazione artistica come di un'urgenza contestuale, che parta dall'analisi delle ragioni dei testi, testi che sono pilastri della nostra civilizzazione e che da sempre - lo vedremo - hanno avuto bisogno delle immagini.

Informazioni tesi

  Autore: Anna Schergna
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Arti Visive - Storia dell'Arte
  Relatore: Sonia Cavicchioli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 300

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PRESENTAZIONE Parola e immagine vivono di un rapporto sinergico frutto di un’ universale forza poetica. Le vicende intellettuali della Venezia del Cinquecento sono tra le migliori espressioni del fatto che la Cultura è un organismo dalle mille facce in cui da sempre concorrono scambi, mestieri, contaminazioni. Il libro moderno illustrato, che è summa di sapere enciclopedico, poesia ed immagine, se analizzato in relazione all’opera d’arte cosiddetta “alta” come documento della medesima Cultura, è un ottimo punto di partenza per parlare di tutto questo, nonché uno spunto fondamentale per andare più a fondo nel meccanismo di Nachleben der Antike proprio del Rinascimento veneto. La xilografia è più spesso invenzione che emulazione, perché più libera rispetto al dipinto; è in grado di veicolare messaggi su ampia scala e riattivare con forza antiche formule, e al contempo si lega indissolubilmente al testo con cui si ibrida, di cui può essere semplice illustrazione o da cui può prendere spunto per disegnare un tutt’altro universo. Con quest’elaborato vorrei soffermarmi su alcune delle relazioni icono-testuali che meglio hanno saputo tenere in piedi quest’equilibrio; in particolare su quei casi in cui la figura è stata capace di colmare le manchevolezze del linguaggio, scavalcando il testo cui fa riferimento fino a sopravvivergli, da esso svincolata, come modello proprio, formula o narrazione a sé stante. In un’analisi iconologica che non intende essere soltanto decifratoria, cercherò di passare al setaccio molte delle storie più celebri - dalle Metamorfosi ovidiane alle favole morali, dall’Hypnerotomachia Poliphili all’Orlando Furioso - partendo dalla loro vicenda editoriale, da quando, cioè, le loro pagine fresche d’inchiostro escono dai torchi delle principali botteghe tipografiche veneziane. Quello dello stampatore che diventa editore è un mestiere che si gioca in bilico tra le più dotte commissioni e una vita di piazza ancora compromessa col mondo dell’oralità; in queste botteghe si lavora tra le suggestioni dei grandi pittori e le fatiche di incisori spesso anonimi incaricati di corredare la bozza di stampa con il più sontuoso degli apparati illustrativi. Ma soprattutto, e specialmente a Venezia dove le magie della Cultura avvengono di norma nei salotti delle case patrizie, le proliferanti botteghe tipografiche diventano fucine di idee sovversive, crogioli di incontri, invenzioni e (ri)scoperte. Senza pretendere di tracciare una storia delle cinquecentine illustrate, vorrei invece prendere in esame le vicende del libro moderno a 
 1 «And what is the use of a book - thought Alice - without pictures or conversation?» Lewis Carroll, Alice’s adventures in Wonderland, 1856

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

stampa
venezia
ovidio
tiziano
storia dell'editoria
hypnerotomachia poliphili
iconologia
libro illustrato
emblemi
francesco marcolini

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi