Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuovi percorsi professionali: le carriere senza confini

La tesi affronta il tema delle carriere senza confini, tema molto dibattutto in ambito americano, ma troppo poco in ambito europeo. Le carriere senza confini sono quelle che si sviluppano muovendosi tra varie aziende, secondo una flessibilità cercata e non subita. Ho analizzato quindi in maniera multi-disciplinare i vari inquadramenti teorici del tema, le varie relazioni causali (soprattutto con l'organizzazione) e i vari elementi critici (apprendimento, capitale sociale, sicurezza personale, proattività, fedeltà aziendale o professionale...). La mia intenzione era quella di alimentare il dibattito su questo tema anche in ambito europeo.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il tema affrontato in questa relazione di tesi è quello delle carriere senza confini (dall’inglese: boundaryless career) che, per il momento, possiamo sommariamente definire come quelle carriere che si sviluppano attraverso il movimento fra varie organizzazioni. Ho scelto di affrontare il tema delle carriere, perché queste costituiscono uno dei legami fra organizzazione e lavoratore e tale legame è diventato sempre più critico a causa della flessibilità e mutevolezza che contraddistinguono gli attuali mercati del lavoro e dell’economia. Ho quindi pensato che potesse essere utile e interessante analizzare queste criticità. Nello specifico ho deciso di occuparmi delle carriere senza confini perché, in esse, questa criticità si esprime ai massimi livelli a causa della temporaneità del legame. Inoltre, dato che sono circondata da persone che perseguono o hanno perseguito carriere organizzative, ero incuriosita dalla possibilità di analizzare un mondo professionale lontano dalla mia esperienza diretta. La rilevanza di questo argomento si manifesta a tre livelli diversi: quello accademico, quello aziendale e quello dei professionisti. A livello accademico la rilevanza è data dal fatto che gli studiosi europei hanno finora trascurato questo tema, originando un gap sostanziale con gli studi condotti in America. Questo ritardo non ci permette di cogliere le specificità europee di questo fenomeno, ma ci obbliga a generalizzare, magari anche indebitamente, le specificità americane. A livello aziendale l’analisi di questa tematica è utile per comprendere i motivi che possono spingere un dipendente a cambiare azienda e lavoro e quindi per gestire adeguatamente questo fenomeno. A livello dei professionisti, la rilevanza si manifesta nella possibilità di intraprendere un percorso di questo tipo con maggiore consapevolezza e capacità di analisi strategica. Anche le comunità professionali, dopo aver analizzato strategicamente questo fenomeno, possono elaborare strumenti di supporto

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Stefania Lusona Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1588 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.