Skip to content

Blue synaesthetic roots

Informazioni tesi

  Autore: Anna Maria Ilardi
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2017-18
  Università: Conservatorio di Musica Antonio Scontrino - Trapani
  Facoltà: ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE
  Corso: Canto Jazz
  Relatore: Veronica Farnararo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

I primi Bluesman, come Ledbetter, noto Leadbelly, tentarono di tirar giù, qui sulla terra, un angolo di cielo. Ogni risveglio, al mattino, ricordava loro che il diavolo esiste!
Oggi, a distanza di oltre un secolo dalla nascita del Blues, possiamo affermare che il tentativo di neutralizzare il “blue devil”, evidente sintomo di malessere e dolore fisico e psichico, ha avuto esiti positivi.
Gli Africano-americani, perdenti per definizione nella lotta impari contro un sistema dominante, separatore e sfruttatore, hanno saputo creare l’opera divina mai realizzata dall’uomo: il blues – jazz, arte – manifestazione delle convergenze musicali ma, soprattutto, dell'intima connessione fra i popoli dell'intero globo.
Tra il 1890 e il 1895, la prima generazione di contadini neri, nata dopo l’abolizione della schiavitù concessa dal Presidente Abraham Lincoln nel 1863, iniziò ad intonare una lirica musicale, più tardi definita “blues di ambiente rurale per voce solista e con un unico strumento accompagnatore, il banjo e poi la chitarra”
Sono i luoghi simbolico – culturali che consegnano la vita al blues: territorio geografico, ai confini tra Georgia e Texas orientale, sulla piana alluvionale del Delta del Mississipi, dove, soprattutto a New Orleans, si continua ad accompagnare la quotidianità e a vestire di ritmi e note i propri corpi, non meno laceri delle camicie indossate, per resistere alle sofferenze inflitte da una società sempre più ostile e violenta che non aveva più, da tempo, la dimensione “dell’umano”. Ciò avveniva passo dopo passo, accompagnandosi con le note blues, residui di vocalità arabizzante, senegambese con melismi, sulle impronte dei canti solitari dei field holler che avanzano, strisciando, nella fatica rurale delle piantagioni, o sotto l’occhio dei padroni nell’orrido tintinnio di catene e, piccone dopo piccone, al ritmo dei work songs cittadini, a schiena china sulle rotaie di una ferrovia, simbolo di un progresso in frenetico divenire materialistico.
[...] In tale contesto storico, desiderare di essere maschi non bastava: occorreva essere “resilienti”, a prescindere dal genere di nascita. Furono essenzialmente donne dalla personalità forte e dominante che conducevano uno stile di vita movimentato, spesso cantanti e ballerine nei locali notturni e poi nel giro dei teatri di vaudeville, quelle a cui arrise il successo grazie a editori in cerca di novità da lanciare sul mercato discografico.
Siamo ormai negli anni Venti del '900: compaiono queste stelle e il cantante blues non è più solo il bluesman delle origini. L’assenza di nomi di donna, prima dell’avvento del disco in vinile , conferma la dimensione esclusivamente maschile del Blues.
Pertanto, il sistema d'intonazione di tutte le musiche africano-americane, dal blues all’hip hop, dal jazz al soul e al gospel spazia dal diatonismo europeo alle sole blue notes, oppure integra i due sistemi con tutte le sfumature intermedie. Una sintesi nuova che, attraverso il blues, il jazz, il rock, il pop e certa musica classica, ha radicalmente trasformato l’estetica musicale occidentale del primo Novecento, ancora fondata sull’idea espressa graficamente dal pentagramma, secondo cui le note hanno un’intonazione fissa. L’intonazione variabile è anche al cuore dei nuovi timbri del jazz, in una fusione inscindibile di intonazione e colore che, lungo un processo di africanizzazione, ha investito gran parte della musica occidentale del Novecento.
Sostanzialmente, in origine, le principali blue note erano la citata terza minore e la sottotonica (il settimo grado della scala diatonica), in questo modo: Do, Mib (blue), Fa, Fa#, Sol, Sib (blue).

Informazioni tesi

  Autore: Anna Maria Ilardi
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2017-18
  Università: Conservatorio di Musica Antonio Scontrino - Trapani
  Facoltà: ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE
  Corso: Canto Jazz
  Relatore: Veronica Farnararo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione In un'immagine percettivo-sensoriale ovvero, nell’osservazione di quegli aspetti della natura che qualifichiamo con il termine blu (cielo – mare, gli elementi più evidenti) dal significato universale, a voler quasi mostrare un metaforico abbraccio silenzioso della Terra all’umanità, con la sua volta celeste, la mia personale percezione di blu trova tutte le sue ragioni, senza dimenticare che la Terra, vista dal Cielo è ...BLU! Il colore, elemento fondamentale per la vita umana ha una valenza simbolica molto forte, si pensi al colore legato alla luce e al buio e al giorno e la notte. Ogni colore comunica un messaggio che è saldamente radicato nella cultura di chi lo osserva e perfino il fatto di leggere correttamente un determinato colore, in alcune culture ne decreta la sopravvivenza. Ad esempio, tra le società dei raccoglitori è essenziale individuare attraverso il colore le bacche commestibili. I colori sono entrati prepotentemente anche nei modi di parlare, generando frasi idiomatiche che perdono completamente di significato una volta tradotte letteralmente. In inglese whiter than white, più bianco del bianco, significa immacolato; in francese rire jaune, ridere giallo, significa ridere a denti stretti, mentre in arabo essere giallo equivale all’italiano essere pallido. 1I colori del mondo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ellington
blue
sinestesie
joni mitchell - mingus
miles davis
massimo greco
miles devis
saudade fado
canto jazz

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi