Skip to content

Comunicazione e trend delle imprese di abbigliamento di lusso: il caso del settore bambino

Il bambino come nuovo consumatore

“Oggi i bambini sono come i tiranni. Contraddicono i genitori, si ingozzano di cibo ed opprimono i loro insegnanti” - Socrate, 425 a.C.



Questa citazione, che considero estremamente attuale, simboleggia alla perfezione uno dei due risvolti che rappresentano la figura del consumatore bambino. Il primo, quello appunto espresso da Socrate, raffigura questa nuova categoria di fruitori di beni di ogni genere come una categoria consapevole ed autonoma, che addirittura spesso contraddice gli attori che fanno parte della loro vita (e che dovrebbero essere coloro che li educano), prendendo scelte indipendenti. Questo modo di vedere la situazione vuole comunque essere dal mio punto di vista una provocazione, non essendo ovviamente l’unico risvolto che emerge da questo lavoro.
Nonostante il bambino sia dunque un consumatore a tutti gli effetti, non va dimenticata la fragile natura che egli rappresenta, ed è doveroso analizzare ed individuare le sue debolezze in quanto potenziale consumatore targettizzato dai media, per motivi che affronteremo durante questo lavoro.
Allo stesso modo è provocatoria l’immagine con cui ho deciso di aprire il capitolo, simboleggia ironicamente quello che secondo me è il punto focale di questo lavoro: il bambino, a partire dalla più tenera età, è e si comporta come un consumatore. È soggetto al mondo della comunicazione pubblicitaria, sceglie i prodotti che si adattano ai suoi bisogni, acquista (più spesso fa acquistare dai genitori, influenzandone comunque la scelta), e fruisce. Proprio come tutti noi. Osserviamo cosa lo ha portato ad essere considerato un consumatore al pari di tutti gli altri.
Nella società postmoderna dei consumi il bambino ha conquistato un ruolo da protagonista: con l’avvento della globalizzazione, l’infanzia si trasforma in una categoria sociale molto potente, capace di determinare ingenti fatturati e di influenzare i comportamenti d’acquisto degli adulti.
È proprio così che il minore diventa il nuovo oggetto delle attenzioni dei media: questi si sforzano di comprenderne gusti e tendenze, consapevoli della sempre maggiore rilevanza economica dei beni di consumo ad esso destinati.
Il bambino, al giorno d’oggi, non si limita più infatti a ricoprire il ruolo di banale consumatore di beni, ma talvolta si rivelano anche acquirenti, grazie alle varie “paghette” che genitori e nonni gli impartiscono (creando tra l’altro un giro d’affari che non va sottovalutato). Partendo quindi dall’idea che effettivamente anche i bambini hanno una certa autonomia di scelta, va ora detto che forse il lato più interessante del consumo infantile sta nel potere di influenza sui consumi che essi esercitano sugli adulti, sia per quanto riguarda prodotti destinati a loro stessi, che per prodotti per tutta la famiglia (basta osservare quante pubblicità di automobili, prodotto destinato naturalmente a consumatori adulti, vedano protagonisti i bambini e, talvolta, si rivolgano direttamente ad un pubblico infantile).
Non va sottovalutato il livello di comprensione della mente di un bambino che, già in tenera età, è in grado di elaborare informazioni e messaggi (anche ovviamente messaggi pubblicitari visti alla televisione, insieme ad ogni altro genere di comunicazione). In “Nati per comprare”, Juliet B. Schor afferma come già ad un anno di età i bambini guardano in televisione i Teletubbies, già a diciotto mesi riescono a riconoscere i marchi dei vari prodotti e prima dei due anni sono in grado di chiedere le cose chiamandole con il proprio termine commerciale (ad esempio una Bratz o un Burger King al posto di una bambola o di un panino). Tale autrice dichiara inoltre che già dai tre anni ai tre anni e mezzo di età i bambini iniziano a credere che i marchi abbiano la capacità di comunicare ed esprimere le loro caratteristiche personali, ovvero il loro essere cool, strong o smart. I bambini a tredici anni hanno già visto circa quarantamila spot pubblicitari ogni anno e, così, una volta adolescenti cercano sempre più di assomigliare agli stereotipi comportamentali proposti dai media. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Comunicazione e trend delle imprese di abbigliamento di lusso: il caso del settore bambino

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giorgio Trucco
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
  Facoltà: Brand Management
  Corso: Comunicazione della marca
  Relatore: Maria Angela Polesana
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi