Skip to content

Cinema e leadership

La formazione della leadership: il cinema

La leadership si fonda sulla capacità di influenzare gli altri e di indurli a lavorare per il conseguimento degli obiettivi generali dell'organizzazione. Ad un bravo leader spetta il compito di conciliare gli obiettivi generali dell'organizzazione con quelli particolari degli individui e dei gruppi che la compongono; in sostanza il leader è colui che “riesce a farsi seguire dagli altri”.
Il leader deve lavorare con i superiori, con i colleghi e con i subordinati, ed è soprattutto dal lavoro svolto con questi ultimi che emergono le sue qualità di leadership.
Al di là di quelli che possono essere i diversi stili di leadership adottata, basti pensare alle quattro categorie di leadership di Likert (autoritario/coercitivo, autoritario/benevolo, consultativo, partecipativo), appare chiaro quanto sia fondamentale la formazione dei leader in funzione della loro influenza motivante sui lavoratori “subordinati.
Nonostante il lungo dibattito sullo “stile ideale di leadership” abbia portato alla conclusione che quello partecipativo sembra essere il più efficace, non si può tuttavia generalizzare ed adottare sulla base di ciò un unica strada valida per tutti.
Una formazione che renda la leadership infallibile nel suo lavoro di agente motivante è una componente imprescindibile di ogni organizzazione.
La formazione in questo senso deve essere sempre all'avanguardia, costantemente aggiornata e competitiva.
Rispetto al passato, ora, sono disponibili nuove tecniche che hanno già dato ottimi risultati, una tra tutte quella cinematografica.
Oltre alla funzione sociale di contenimento simbolico, il cinema può assumere anche un efficace ruolo di facilitatore di conoscenza e apprendimento.
L'utilizzo del materiale filmico, nell'ambito della formazione, non è sicuramente una novità: basti pensare all'ampio uso dei film per l'insegnamento delle lingue, la sensibilizzazione sui temi specifici e il sostegno alla riflessione in profondità circa questioni di interesse sociale e storico. Nell’ambito formativo, l’utilizzo del cinema rientra in quel fenomeno socio-culturale che va sotto il nome di “spettacolarizzazione”.
Pare, infatti, che la formazione debba andare sempre di più verso forme spettacolarizzate (le generazioni, infatti, che si affacciano, hanno sempre più necessità di linguaggi spettacolari); ma è pur vero che lo spettacolo stesso è diventato un agente formativo. Esporsi a una qualche forma di spettacolo ha, dunque, una valenza formativa di per sé.
La vera e propria novità sembrerebbe rappresentata dall’introduzione di questa tecnica nell’ambito della formazione dei livelli aziendali più alti, quelli manageriali e di leadership.
60 Sono sempre di più i professionisti che adottano in aula lo strumento “film”: incremento favorito dalla diffusione di nuove tecnologie che consentono di divulgare materiale anche non cartaceo nei luoghi di formazione con maggiore semplicità e qualità rispetto al passato.
Alla base dell'introduzione di questa particolare metodica di formazione, vi è la convinzione che i materiali filmici siano in grado di attivare contemporaneamente più di uno tra processi tramite i quali gli adulti imparano quando si trovano all'interno di un aula di formazione: ovvero che sia possibile ottenere un vantaggio in termini di apprendimento anche a fronte di una elevata eterogeneità tra gli stili dei partecipanti.
A differenza della formazione classica che opera attraverso la “parola”, quindi attraverso un meccanismo di tipo unidirezionale sulla base di un codice “causa/effetto”, di tipo lineare, lontano dalle modalità attraverso cui opera abitualmente la mente umana, il cinema utilizza una strada alternativa e, forse, più ricca.
Il film aiuta, attraverso una modalità comunicativa del tutto nuova e vincolata ad altri paradigmi rispetto a quello verbale, a cogliere una particolare emergenza del sé degli spettatori: li aiuta, infatti, a dissociarsi internamente grazie al confronto “insostenibile” con la forza iconica delle immagini. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Cinema e leadership

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Guglielmo D'allocco
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia dei processi cognitivi e del recupero funzionale
  Relatore: Nicola Botta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi