Skip to content

Gravidanza e parto nell'ospedale di Tosamaganga (Tanzania). Mapenzi ya Mungu (sia fatta la Sua volontà)

Locale vs tradizionale vs biomedicina nel contesto tanzaniano

Il guaritore locale in swahili è chiamato mganga wa kienyeji: mganga significa guaritore, kienyeji evoca sia il locale sia il tradizionale, si tratta di una tradizione localmente radicata, che distingue e definisce un luogo. Personalmente preferisco utilizzare la categoria "locale", e non "tradizionale", essendo la prima meno simbolicamente connotata, anche se frequentemente nella letteratura si utilizza la formula "medicina tradizionale" e non "medicina locale". Così facendo, tuttavia, come rileva Marsland (2007), nel contesto quotidiano tanzaniano la contrapposizione tra medicina definita "tradizionale" e "biomedicina" dà vita ad una serie di contraddizioni e paradossi, oltre che a forme ibride. Opponendo infatti le categorie di medicina "tradizionale" e "moderna", la medicina tradizionale risulta arretrata e marginale rispetto alla moderna medicina occidentale. L'effetto è quello di una sorta di evoluzione medica, con due sistemi che non possono essere concepiti come contemporanei e di pari dignità. Uno degli effetti indiretti di questa predominanza della medicina "moderna" è l'attuale presenza – accanto ai guaritori che difendono la loro "tradizionalità" – di guaritori che tendono sempre più ad appropriarsi delle pratiche della biomedicina, dando vita a forme "ibride" di medicina:

The waganga [guaritori] are challenging this version of themselves as outside of the mainstream. By taking on (or aspiring to take on) aspects of modern medicine, they are challenging the representation of themselves by other as "traditional", since they are open to innovation from "outside". (Marsland, 2007: 756)

Naturalmente, in questo modo, continuando la contrapposizione tra tradizionale e moderno viene reiterato il pregiudizio evolutivo.
È stimato che oggi in Tanzania vi sia un rapporto di 1:400 pazienti per i guaritori locali e 1:2000 per i medici appartenenti alla biomedicina. Questa disparità di densità tuttavia non si traduce in una posizione realmente maggiormente riconosciuta e istituzionalizzata per i guaritori locali, nonostante occupino un ruolo centrale nel sistema medico di riferimento dei pazienti.

For the waganga themselves, this marginality in terms of government policy does not sit easily with their experience of themselves as practitioners whose services are very much in demand. (Marsland, 2007: 756)

La medicina "tradizionale", inoltre, penetra anche negli ospedali, intersecandosi strettamente con la biomedicina. Langwick (2008), durante la sua esperienza in un ospedale tanzaniano, ha potuto rilevare come i rimedi locali penetrino all'interno dell'ospedale portati dai pazienti – e uno dei casi più significativi è quello dell'infuso assunto per accelerare le contrazioni ma che sovente provoca la rottura dell'utero – ma anche introdotti dal personale medico. Scrive come ventitré delle ventisei infermiere e aiuto infermiere da lei intervistate abbiano dichiarato di aver utilizzato i rimedi locali almeno una volta nella loro vita. Ciononostante tutte possono portare esempi di situazioni in cui l'uso di medicine locali è dannoso: è il caso ad esempio del degedege, le convulsioni dei bambini, il cui rimedio "tradizionale" si rivela molto pericoloso in un contesto di interazione con il chinino.
Tra le infermiere con cui ho parlato, solo una ha respinto con decisione i rimedi locali, le altre hanno finto scetticismo – presupponendo che io, in quanto bianca, non prestassi fiducia ai rimedi locali – per poi comunque ammettere di averli utilizzati e usufruirne tuttora.
Solo l'infermiera Rosa si è dimostrata ferma nel sostenere l'inutilità, dove non la dannosità, di certe terapie. Mi ha più volte ripetuto che la chiave di tutto è l'istruzione, anche lei prima di accedere alla scuola per infermiere credeva in tante teorie che poi ha capito non essere "scientifiche". Come scrive Langwick, riportando il pensiero di Stacy Leigh Pigg, articulations of one's belief in or thoughts on traditional medicine are ways of positioning one's self. The skepticism, even condescension, of clinical staff toward traditional medicine is shaped by their training, their position as "professionals," and their position in the complicated class structures of postcolonial modernities (e.g., as people earning salaries in an area where many if not most are subsistence farmers). (Langwick, 2008: 431)

La questione del rapporto tra biomedicina e medicina locale è sicuramente molto complessa e sfaccettata, tuttavia è chiaro come i confini tra i due sistemi siano sempre più labili e di fatto vi sia una grande compenetrazione, nella concretezza della terapia, frutto di una continua frizione e negoziazione. La medicina occidentale ha molti limiti, può risolvere momentaneamente la condizione di malessere ma non mira a ristabilire l'equilibrio tra l'individuo e il mondo, e vi sono disturbi risolvibili solo dalla medicina locale. Ciononostante, i guaritori stessi usufruiscono dei rimedi della biomedicina, in un'ottica di scambio di conoscenze. (Micheli 2011a) [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Gravidanza e parto nell'ospedale di Tosamaganga (Tanzania). Mapenzi ya Mungu (sia fatta la Sua volontà)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Agnese Baldassarre
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Antropologia
  Relatore: Ilaria Micheli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 219

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi