Skip to content

Il curriculum creativo. Il CV e il Personal Branding nell'era del recruiting 2.0

I Job Seeker ai tempi di Internet

Con il propagarsi del web, delle piattaforme digitali e di strumenti tecnologici sempre più all'avanguardia, i canali e i comportamenti di ricerca di un primo o di un nuovo impiego sono profondamente cambiati.

Sebbene permanga ancora l'abitudine (in alcuni casi elevata) a cercare lavoro ricorrendo a canali tradizionali, quali: la rete di amici, parenti e conoscenti (cui si rivolge il 69% della popolazione europea), l'invio del proprio cv direttamente alle aziende, la pubblicazione di inserzioni sui giornali (o la risposta ad annunci), il ricorso ai centri per l'impiego e ad agenzie private di intermediazione; internet ha portato i candidati a sperimentare modalità innovative, basate sulla ricerca di trasparenza delle informazioni e ora, con i social network, sul rafforzamento dei legami professionali, a scapito di quelli amicali (Pais, 2012).

Certamente, il grado di utilizzo dei diversi canali disponibili per la ricerca di un impiego rappresenta una misura del livello di efficacia (reale o percepita) di ognuno di essi nel collocamento sul mercato del lavoro delle professionalità che a loro si rivolgono, quindi la ricerca attraverso internet non è da considerarsi come alternativa ai metodi tradizionali bensì come una valida aggiunta rispetto ad essi.

Il primo sito web dedicato al lavoro è stato Monster, nato negli Stati Uniti nel 1994 (e presente in Italia dal 2001), seguito poi da tutta una serie di portali di lavoro e siti web nati come bacheche virtuali per la pubblicazione degli annunci e diventati velocemente veri e propri job portal, luoghi digitali di matching in grado di offrire un'ampia serie di servizi.

I job seeker che utilizzano la Rete per cercare lavoro possono farlo:
• in modo attivo, cioè inviano la propria candidatura per una specifica posizione lavorativa, delineandola come forma di risposta ad un annuncio pubblicato dai datori o come forma di autocandidatura. Gli strumenti previsti per questo tipo di ricerca sono:

- Il sito aziendale: spesso le aziende pubblicano in specifiche sezioni del proprio sito una lista delle figure ricercate. Qui è possibile rispondere a uno o più annunci, di quelli presentanti, inviando la propria candidatura oppure procedere all'inoltro della propria autocandidatura qualora ve ne sia l'opportunità pur non essendovi dichiarate posizione aperte.

- I pure player online: questi attori, oltre a dare ai job seeker la possibilità di inserire il proprio curriculum in una banca dati, mettono anche a loro disposizione una bacheca virtuale nella quale le aziende pubblicano periodicamente i loro annunci di lavoro di consultare. I job seeker posso quindi consultare tale bacheca e in più filtrare la ricerca in base a dei parametri come il settore occupazionale, l'area geografica o il titolo di studio, di modo da poter conoscere e selezionare, tra le numerose proposte, l'offerta più opportuna per le proprie caratteristiche.

- I social network: attraverso questo strumento, chi è in cerca di lavoro può contattare direttamente un'azienda (senza passare per intermediari) al fine di presentare un'autocandidatura o rispondere ad annunci pubblicati dalle imprese stesse. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il curriculum creativo. Il CV e il Personal Branding nell'era del recruiting 2.0

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Viviana Giammatteo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Interfacoltà di Lettere e Filosofia - Economia - Scienze Politiche e Sociali
  Corso: Comunicazione per l’imprese, i Media e le Organizzazioni Complesse
  Relatore: Angelo Ghidotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 171

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mercato del lavoro
curriculum vitae
personal branding
cv
cv creativo
recruiting 2.0

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi