Skip to content

Il razionamento del credito in italia durante la crisi finanziaria

Il razionamento del credito: relazione con difficoltà finanziarie e prospettive di crescita delle imprese

L’accesso al credito, soprattutto in un contesto economico debole, rappresenta una variabile chiave per le imprese, sia per quelle che attraversano un momento finanziario difficile e lo utilizzerebbero per la “sopravvivenza”, sia per quelle che, mirando alla crescita, lo impiegherebbero per investimenti. L’analisi econometrica condotta da Russo e Albareto (2012) è volta a comprendere come la fragilità finanziaria e le prospettive di crescita di un’impresa influenzino la probabilità della stessa di essere razionata. In particolare, l’intervallo di tempo considerato (2005-2010) è stato bipartito in due sottoperiodi, rispettivamente 2005-2007 e 2008-2010, al fine di valutare le differenze nel “grado di facilità” di accesso al finanziamento tra prima e durante la crisi.

Il campione oggetto d’analisi è composta da circa 4000 imprese industriali e di servizi, non finanziarie. La variabile dipendente è una dummy che assume il valore “uno” per le aziende che hanno chiesto e non ottenuto il prestito negli intervalli di tempo considerati. Tra i regressori Albareto e Russo hanno inserito: la dimensione d’impresa (espressa come il logaritmo del numero degli occupati), una dummy che riflette la localizzazione nel Mezzogiorno e set di variabili riferite al settore d’attività, alle eventuali difficoltà finanziarie delle imprese e alla prospettiva di crescita. L’elaborazione dei risultati è avvenuta mediante una stima pooled probit ad effetti marginali.

Riguardo alla correlazione tra probabilità di razionamento e situazione finanziaria dell’impresa, è prevedibile, in qualsiasi contesto, che un bilancio poco equilibrato rappresenti un freno alla concessione del credito, che, se avviene, è caratterizzata da tassi più alti e maggiori garanzie collaterali. In presenza di una profonda crisi finanziaria, pertanto, questa “rigidità” nell’ ottenimento di fondi si potrebbe acuire maggiormente.

Tuttavia, davanti a imprese poco stabili e fortemente indebitate con le banche, queste ultime potrebbero avallare la concessione di nuovo credito, temendo le ripercussioni e le perdite che subirebbero in caso di fallimento delle suddette. L’analisi condatta da Albareto e Russo evidenza una relazione positiva tra razionamento e fragilità finanziaria. In particolare, tra le imprese appartenenti al campione, sono state individuate quelle con valori del Z-score compreso tra 5 e 7 (vulnerabili) e tra 8 e 9 (rischiose) ed è emerso che per queste la percentuale di razionamento è passata dall’8 per cento (2005) al 16 per cento (2009).

Il risultato delle stime probit evidenzia che, sia antecedentemente che durante la crisi, i coefficienti delle variabili riferite all’alto livello di Z-score e alla localizzazione nel Mezzogiorno sono altamente significativi. Pertanto, le imprese situate nel Sud Italia e nelle isole hanno mediamente più difficoltà ad accedere al credito. D’altra parte, la correlazione tra il razionamento e la dimensione aziendale è rilevante solo durante la crisi: piccole e medie imprese risultano più razionate dalle banche. Circa il settore d’attività, le differenze appaiono significative esclusivamente prima della crisi, investendo maggiormente le imprese chimiche e quelle commerciali, annullandosi durante essa. Inoltre, la probabilità di essere razionate diminuisce all’aumentare della concentrazione dei prestiti, solamente durante la crisi, considerando che un eventuale fallimento dell’impresa comporta perdite per l’intermediario.

Infine, limitatamente al periodo antecedente alla crisi, le imprese con più passività a medio-lungo termine sul totale hanno più facilmente accesso al credito, probabilmente perché meno soggette al rischio di rifinanziamento.
L’altro aspetto indagato da Albareto e Russo è la relazione tra probabilità di razionamento e prospettive di crescita aziendale. È interessante e rilevante indagare questa tematica dal momento che negare il credito ad imprese con obiettivi di sviluppo aziendale potrebbe influenzare la crescita economica del intero paese.

Tale pericolo è acuito dai sistemi di valutazione del merito creditizio utilizzati dalle banche, principalmente votato all’utilizzo di indici di bilancio e solo marginalmente in grado di catturare le prospettive di sviluppo aziendale. Ai fini dell’analisi condotta da Albareto e Russo, per “catturare” questa variabile di non immediata e diretta osservazione, sono state inserite nella regressione quattro variabili: tasso di crescita del fatturato, valore aggiunto per addetto, tasso di crescita degli investimenti e quota di esportazioni sul totale. Dalla regressione emerge la significatività dei coefficienti relativi a tutte e quattro le variabili limitatamente al periodo pre-crisi; esclusivamente le imprese che hanno registrato un tasso di crescita del fatturato positivo hanno “sofferto” meno il razionamento.

Durante la crisi, dunque, tale fenomeno ha investito in maniera più indiscriminata le imprese. L’incapacità delle banche di individuare le imprese con le migliori prospettive di crescita è temibile poiché, in presenza di temporanee tensioni finanziarie, la valutazione dei soli indici di bilancio porterebbe l’istituto di credito a razionare le imprese in questione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il razionamento del credito in italia durante la crisi finanziaria

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Enrica Panzanaro
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche
  Relatore: Giorgio Colacchio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 45

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi