Skip to content

Amok: per un abbandono del concetto di culture-bound syndrome

Amok in Occidente? Alcuni casi oltre oceano

Le prime interpretazioni dell’amok localizzavano tale fenomeno solo in aree di cultura malese. Successivamente alcuni autori ne studiarono casi in zone limitrofe, fino ad arrivare ad associarlo a casi di omicidi di massa in occidente. Uno di questi autori fu J.

Arboleda-Florez che nel 1979 presentò un caso-studio avvenuto in Canada: il Calgary Mall Sniper. Erano le 20:40 del 16 giugno del 1977 quando J., un ragazzo di venticinque anni, uscito di casa in divisa militare, iniziò a sparare per strada, colpendo delle macchine che gli si passarono a fianco. Subito dopo si spostò nel centro commerciale al di là della strada sempre continuando a sparare. Ne riuscì ad uscire e mentre si stava dirigendo verso un campo vicino venne colpito da una raffica di colpi provenienti da punti diversi, dai quali rimase solo ferito, e venne catturato.
Il passato di J. era costellato da sentimenti di frustrazione e di irrequietezza: in casa veniva preso in giro dalle sorelle maggiori e a scuola veniva denigrato dai compagni. Tutto ciò lo portò a diventare un ragazzo solitario e asociale. La sua situazione peggiorò quando la sua famiglia lasciò la campagna per trasferirsi in città. Un giorno accadde che un compagno di gioco lo prese in giro e J. arrivò quasi ad ucciderlo. Quella reazione lo spaventò molto perchè capì che se la sua rabbia e aggressività fosse stata lasciata libera, essa non avrebbe avuto limiti. Egli si sentiva rifiutato e non rispettato dall’intera società, verso la quale iniziava a covare un profondo odio. L’unico periodo della sua vita nel quale si sentì a suo agio fu quando entrò nell’esercito. Dopo qualche anno però fu costretto a dimettersi perché accusato di aver aggredito una collega. Si rivolse quindi al corpo dei vigili del fuoco, ma fu respinto.

Come riporta Arboleda-Florez, egli «era pieno di risentimento e convinto di non avere un posto nella società » (trad. da J. Aboleda-Florez 1979:252).
Poche ore prima dell’attacco omicidiario, J. era uscito da scuola ed era andato a bere qualche birra. Mentre faceva ritorno a casa fece un piccolo incidente con la macchina. Quando arrivò la polizia volle fargli il test dell’etilometro. Egli si presentava calmo e disponibile, fino a quando i risultati del test non indicarono che aveva superato i limiti di tasso alcolemico.
Tornò a casa furioso sostenendo che i poliziotti avessero sbagliato a fare il test e perché non aveva potuto studiare per l’esame del giorno seguente. Fumò della marijuana e ripensando a tutti i suoi problemi pensò che il suicidio fosse l’unica alternativa possibile. Scrisse due lettere di addio, una agli amici e una alla madre, e si preparò per quello che poi Arboleda-Florez definì come simile ad una crisi di amok. Ciò che fece indurre lo psichiatra ad accostare tale attacco a quelli avvenuti in malesia fu la quasi totale amnesia del ragazzo dopo l’accaduto: egli ricordava solo di essere uscito e di aver sparato ai passanti che definì «his real enemies» (J. Arboleda-Florez 1979:253). La diagnosi del ragazzo determinò essere affetto da disturbi della personalità, disturbi paranoidi e schizoidi e con la tendenza ad evitare relazioni interpersonali che siano di breve o lunga durata.

Lo psichiatra trattò altri due casi avvenuti in America come casi simili all’amok malese.
Il primo avvenne ad Austin il primo agosto del 1966, quando un ragazzo di nome C. Whitman di 25 anni, dopo aver ucciso la madre e la moglie, salì sopra una torre 8 nell’Università del Texas e da una terrazza fece fuoco con un fucile sugli studenti: in novantasei minuti uccise sedici persone e ne ferì trentuno. Venne ucciso da due poliziotti che riuscirono ad arrivare alla terrazza e a coglierlo di sorpresa. C. Whitman aveva accesso alle armi perché, come il caso precedente, faceva parte del corpo militare, in questo caso dei Marines. Sempre in comune con il caso precedente, egli aveva già manifestato in episodi precedenti la difficoltà nel controllare la propria aggressività, in passato si era sentito preso di mira da altri e veniva descritto da questi come tranquillo e buono con un vita sociale ridotta.

L’ultimo caso, denominato The Memorial Day Man, avvenne nel 1972 nella Carolina del Nord, quando un ragazzo di ventidue anni entrò armato in un centro commerciale e sparò sulla folla: cinque persone morirono e sette rimasero ferite. L’assassino si sparò alla testa all’arrivo della polizia. Egli, diversamente dai due uomini sopra menzionati non era entrato nel corpo militare e non aveva avuto precedenti esperienze con le armi. Aveva avuto però problemi nel controllo della rabbia prima dell’attacco e nelle relazioni interpersonali.
Arboleda-Florez ritrovava tre fattori principali, in questi tre casi e nei casi studiati da Westermeyer: un fattore sociale, nel quale è presente «a society in transition or in the midst of change» (J. Arboleda-Florez 1979:257) e due fattori personali, uno che vede la presenza di un sentimento di alienazione e l’altro di assertività. Tali fattori possono essere riscontrati in ogni tempo e cultura. Ciò quindi si pone in netto contrasto con la definizione di D. Devereux prima citata e del concetto stesso di culture-bound syndrome. Ora vorrei esporre le differenze che a mio parere risultano essere più evidenti con i casi malesi di amok.
Nel caso di Charles Whitman è la consapevolezza delle proprie azioni e dei propri disturbi: egli era “lucido” e cosciente delle sue problematiche. In una lettera di addio ritrovata di fianco al corpo della moglie Whitman scrisse:

«Dopo molte riflessioni ho deciso di uccidere mia moglie, Kathy [...] Non riesco a trovare alcun motivo razionale per spiegare il perché di tutto questo. [...] Pagate i miei debiti. [...] Quello che avanzerà donatelo, in via anonima, a una fondazione per la salute mentale. Forse la ricerca potrà impedire ulteriori tragedie di questo tipo.» (Charles Whitman)

In nessun caso malese l’uomo era lucido a tal punto da sedersi, scrivere a macchina e spiegare ciò che aveva appena compiuto: la definizione stessa di amok lo descrive come uno scatto d’ira improvviso. Inoltre in questo caso l’assassino aveva premeditato l’attacco, munendosi di tutto il necessario per portarlo a termine, ed il punto di arrivo era già deciso dall’inizio: il suicidio. Nella maggior parte dei pengamok malesi non era presente questa volontà di autodistruzione. Lo studio di Arboleda-Florez rimane comunque importante perché ha posto le basi per una rivisitazione di tale fenomeno su scala mondiale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Amok: per un abbandono del concetto di culture-bound syndrome

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Scandolari
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Antropologia
  Relatore: Ivo Quaranta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 43

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antropologia
antropologia culturale
antropologia medica
culture-bound syndrome
amok

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi